Cultura e SocietàNewsScienza e Tecnologia

Le foto del James Webb danneggiato dai micrometeoriti

Il danno è solo su uno dei 18 specchi

NASA ha pubblicato le immagini dei danni che i micrometeoriti hanno provocato al telescopio James Webb, di cui abbiamo fa poco visto le prime ‘fotografie’. I danni solo circoscritti ma gli scienziati stanno ancora finendo di valutare l’impatto dei corpuscoli sugli specchi.

James Webb, ecco le immagini del telescopio danneggiato dai micrometeoriti

Secondo quanto emerge i corpuscoli che hanno colpito il telescopio orbitante sono più grandi del previsto. Ma sembra che i danni siano limitati a soltanto uno dei 18 specchi del telescopio, come visto nelle immagini pubblicate da NASA ma analizzate anche dalla canadese CSA e dalla europea ESA.

Gli scienziati stanno tuttavia ancora valutando la portata dei problemi operativi che potrebbero avere questi danni. Ci sarà quindi bisogno di continuare la diagnosi.

james webb danni microasteroidi-min

I micrometeoriti sono un problema che gli scienziati conoscevano prima ancora di lanciare James Webb in orbita. “Inevitabilmente, ogni oggetto spaziale incontra dei micrometeroiti. Durante il posizionamento, i sensori hanno rilevato sei deformazioni localizzate dovute all’impatto dei micrometeoriti”.

Secondo il report, queste deformazioni “avvengono all’incirca una volta al mese” e sono in linea con quanto ci aspettavamo prima del lancio. Dei 19 impatti, finora solo uno a provocato dei danni operativi, impossibili da riparare.

Durante la costruzione del telescopio, gli scienziati hanno tenuto in conto il deterioramento dovuto all’impatto con i micrometeoriti. Resta tuttavia da valutare se il modello utilizzato per calcolare questi danni sia conforme con la realtà dei fatti.

Alla NASA confidano di poter continuare a scattare immagini stupefacenti come quelle viste di recente per i prossimi decenni. Ma da bravi scienziati, controlleranno di non aver sbagliato i calcoli.

Bestseller No. 1
Official NASA Logo Maglietta
  • Leggera, taglio classico, maniche con doppia cucitura e orlo inferiore

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, Nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button