News

Transformers 4 – L’era delle banalità

Michael Bay ritorna nuovamente portando  i robottoni trasformabili della Hasbro al cinema, in quello che è il quarto film della saga e anche un nuovo inizio. Sono passati cinque anni dagli eventi narrati nel terzo capitolo, e gli Autobot rimasti sulla Terra sono vittime di una caccia spietata da parte di un’organizzazione segreta che fa capo al governo degli Stati Uniti, alleata a una nuova fazione aliena che vuole catturare Optimus Prime. In mezzo a tutto questo vengono introdotti nuovi personaggi umani che affiancheranno i Transformers nella loro battaglia.
Dunque le premesse di un nuovo inizio per questa saga rendono questo nuovo capitolo qualitativamente superiori ai mediocri tre precedenti film? La risposta è assolutamente no.

Transformers 4 – L’era dell’estinzione è quanto di più blockbuster possa esistere nel cinema, precisiamo nel suo significato peggiore. Tutto nel film è fatto in funzione di una spettacolarizzazione senz’anima, fatta soltanto per attirare la gente al cinema e fare soldi, lo si capisce dalle varie marche di prodotti famosi sparse in tutto il film, con alcune scene messe apposta quasi per pubblicizzare, certo niente di troppo invasivo ma sono dettagli impossibili da non notare. Persino la colonna sonora è fatta dai nomi più in voga, con gli Imagine Dragons, band del momento, a cantare il singolo del film, Steve Jablonsky a curare il resto delle musiche, e troviamo persino Skrillex, tirato in mezzo per creare gli effetti sonori dei Dinobot. Attenzione non stiamo dicendo che questi artisti in sé siano un male, ma la loro partecipazione in questo progetto fa capire quanta attenzione sia stata data nell’usare nomi di richiamo per la massa come ulteriore pubblicità.

La sceneggiatura, piena di personaggi e situazioni banali, conferma questa tesi. Nessuno si aspetta un capolavoro di narrazione in Transformers, sappiamo tutti che si va a vedere un film del genere per intrattenersi con qualcosa di “ignorante”  senza aspettarsi troppo dalla storia; ma quando anche quei pochi elementi narrativi fondamentali sono irritanti qualcosa non quadra. Iniziamo dai protagonisti di questo nuovo film: un inventore texano sull’orlo del fallimento interpretato da Mark Walhberg, la figlia sempre poco vestita di quest’ultimo interpretata da Nicola Pelts e il fidanzato segreto di quest’ultima, un pilota di rally che appare dal nulla e senza grosse spiegazioni interpretato da Jack Reynor. I ruoli dei personaggi sono palesemente funzionali alla trama per quanto spacciati per casuali: l’inventore che può aggiustare i Transformers, il pilota utile nelle fughe e gli inseguimenti e la ragazza che serve ad alzare il livello di testosterone del pubblico maschile, e che in definitiva è inutile dato che è sempre lì a farsi salvare. Inoltre nel film si aggiungeranno altri personaggi fra cui anche un personaggio palesemente ispirato a Steve Jobs abbastanza triste. Questi nuovi protagonisti non catturano minimamente la simpatia dello spettatore, e i teatrini di gelosia fra il padre possessivo e la coppia di fidanzati stufano in fretta e spesso risultano fuori luogo. 

I film dei Transformers hanno sempre avuto il difetto di dare troppo spazio agli uomini togliendolo a coloro che dovrebbero essere i veri protagonisti ovvero i robot.  Nulla cambia anche in questo film, con troppe scene di protagonismo umano e le battaglie dei Transformers lasciate alla mezz’ora finale di due ore e quaranta di film con solo qualche scaramuccia nel tempo prima. Con i nuovi Autobot introdotti si è cercato di dare una caratterizzazione più marcata ai nuovi protagonisti meccanici, infatti abbiamo il pistolero, il guerrafondaio e il samurai oltre ai già conosciuti Optimus Prime e Bumblebee (unici veramente ricordabili dai precedenti film) ma il risultato finale, dovuto anche al poco spazio concesso, è quello di macchiette senza un reale spessore caratteriale. I Dinobot sono una delle poche piacevoli sorprese, e effettivamente nelle scene in cui compaiono spaccano parecchio. Peccato che le loro parti sono tutte relegate alla fine del film e non sono molte, inoltre la scena in cui si alleano con gli Autobot è resa in modo blando come se il regista si fosse accorto che gli restasse poco tempo per concludere, date le perdite di tempo in cose inutili precedenti, quindi ha dovuto rendere l’alleanza in modo molto velocizzato. Errori di questo tipo sono diversi e fanno sentire il loro peso in tutta la pellicola.

Il comparto tecnico è l’unico punto forte del film, indubbiamente dove sono stati spesi tutti i soldi. I vari Transformers sono tutti resi bene con trasformazioni dettagliate e con effetti speciali molto ben fatti, inoltre è il primo capitolo della serie girato in Imax 3D con effetti tridimensionali migliori rispetto alla media. Le scene d’azione tendono a un esagerazione incontrollata come Michael Bay ormai ci ha abituato. In Transformers 4 tutto esplode, anche le esplosioni esplodono. Resta sempre da chiedersi a quanto ammonteranno i danni collaterali, dato che i combattimenti in mezzo alla città provocano una devastazione senza pari. Un passo indietro rispetto al terzo film è dato alla noncuranza delle vittime civili che se nel precedente erano state tenute in conto, in questo vengono ignorate come se non ce ne fossero (cosa parecchio improbabile). Pensiamo sia un po’ forzato il finale da “vissero tutti felici e contenti” dopo che mezza città è stata rasa al suolo dalle battaglie, spesso anche per colpa dei protagonisti.

In definitiva, se i precedenti film vi erano piaciuti probabilmente troverete divertente anche questo, altrimenti se effetti speciali iper costosi messi li per mascherare una mancanza di sostanza di base non vi incantano potete tranquillamente evitarlo, dato che non sarà questo quarto capitolo a farvi cambiare idea sulla saga.

Silvio Mazzitelli

Di stirpe vichinga, sono conosciuto soprattutto con il soprannome “Shiruz”, tanto che quasi dimentico il mio vero nome. Videogiocatore incallito sin dall’alba dei tempi, adoro il mondo videoludico perché dopo tanto tempo riesce sempre a sorprendermi come la prima volta. Scrivo ormai da diversi anni di questa mia passione per poterla condividere con tutti. Sono uno dei fondatori di Orgoglio Nerd e sono anche appassionato di tutto ciò che riguarda la cultura giapponese e la mitologia (in particolare quella nordica).

Ti potrebbero interessare anche:

Commenti

  1. “anche le esplosioni esplodono” ahahahahah grazie ON per avermi risparmiato un mal di testa: i combattimenti nel secondo e terzo film mi hanno stordito

  2. DESTRUCTION PORN
    Michael Bay a parte (dai, è come sparare sulla croce rossa), possibile che tutti i film in cui c’è Nicola Peltz scacano di brutto?

  3. Dai, almeno un occhio ai Dinobot ce lo voglio dare (praticamente andrei a vedere il film solo per quello…ma ci sono tutti??)!

  4. E i Decepticon???
    Dinobot a parte (andrei a vedere il film solo per quelli) e ignoranza e inconsistenza di trama assolutamente certe (e sì, da parte mia anche assolutamente accettate…dai, sono film su una serie di giocattoli e cartoni animati degli anni ’80!), le cose che mi avevano infastidito del secondo e del terzo erano proprio la troppa presenza di umani e la progressiva figuradimerdizzazione dei Decepticon e soprattutto di Megatron!!!Il fatto che non se ne parli nemmeno in questo articolo non mi fa ben sperare…

  5. Se ho guardato il secondo, posso guardare anche questo. Non mi aspetto nient’altro che matite che esplodono quando cadono dal tavolino.

  6. Alessandro non ho detto nulla sui Decepticon per non spoilerare, ma non ti aspettare troppo in “questo” film

  7. Mi consola sapere che non sono stata l’unica a chiedersi che fine avevano fatto tutti i civili coinvolti nella battaglia: c’erano un sacco di esplosioni ma apparentemente zero vittime in strada…mistero?
    Concordo sulla sceneggiatura estremamente esile che lasciava un po’ troppi buchi, e aggiungo anche che ieri sera ho avuto qualche problema durante la visione a causa del mix esplosioni/3D, che mi ha infastidito parecchio, anche se probabilmente è successo perché avevo gli occhi stanchi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button