Cultura e SocietàIntrattenimento

Netflix sta testando velocità di riproduzione variabili

Potremo aumentare la velocità di riproduzione di un video fino a 1,5x

Netflix ha cominciato a testare le velocità di riproduzione variabili all’interno dei suoi contenuti. Procedendo lentamente in questo ‘esperimento’, per ora il test è attivo solo sulle app Android di Netflix.

Netflix, diverse velocità, stesso contenuto

Netflix

La nuova funzionalità consente agli utenti di riprodurre i vari contenuti video con velocità differenti che vanno da 0,5x (metà della velocità) fino a 1,5x.

Questa nuova funzionalità è ancora in fase di test e circoscritta ad un piccolo gruppo di utenti Android che utilizzano la app della piattaforma streaming; Un portavoce di Netflix ha dichiarato:

“Siamo sempre alla ricerca di nuovi modi per aiutare i nostri fan a godere dei contenuti che amano, quindi stiamo testando le opzioni di velocità di riproduzione sui dispositivi mobili. I nostri test generalmente variano il loro tempo di durata in base al paese coinvolto, e possono o meno diventare caratteristiche permanenti del nostro servizio”.

Le velocità di riproduzione variabili sono un po’ insolite per i servizi di streaming; al contrario, vengono ampiamente utilizzate nello spazio dei podcast, offrendo agli utenti la possibilità di ascoltare i loro contenuti audio preferiti a un ritmo più veloce. Probabilmente Netflix ha preso l’idea proprio da questa tipologia di prodotto, considerando che alcuni contenuti video possono tranquillamente essere riprodotti a velocità differente senza intaccare la fruizione da parte dell’utente.

Oltretutto non è la prima volta che i dipendenti di Netflix traggono ispirazione dal mondo del podcasting. Nel 2017, due ingegneri dell’azienda, durante una delle folli giornate di Hack Day (organizzate dall’azienda due volte all’anno), hanno creato una modalità in stile ‘audiolibro’: Questa funzione avrebbe consentito agli utenti di ascoltare non solo i dialoghi di un film, ma anche le descrizioni audio che non sono state incluse in molti titoli per motivi di accessibilità. È interessante notare che la modalità audiolibro includeva anche le velocità di riproduzioni variabili. Ancor più interessante è notare che i prodotti presentati durante gli Hack Day difficilmente diventano progetti reali, in quanto questa tipologia di eventi concentra l’attezione dei dipendenti Netflix più sulla creatività che sull’utilizzo pratico del prodotto. Ciò non toglie che ogni tanto in questo mare di genialità creativa ne emerga qualche progetto sfruttabile.

[amazon_link asins=’B07WYCD4QP,B07HB1LXD6,B07XDP236Y’ template=’ProductCarousel’ store=’bolongia-21′ marketplace=’IT’ link_id=’2104e876-e076-4628-879f-af1aefc0d62e’]

Enrico Natalini

il suo DNA è composto al 100% di cultura trash e underground. Che siano libri, film, fumetti, serie tv, spettacoli teatrali, mostre o televendite è un segugio per tutte quelle chicche che sopravvivono all'insaputa del mainstream. Di lui dicono che è come un cartone animato, non ha capito bene se sia un complimento o meno, ma a lui piace.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button