Intrattenimento

Florence Inside: Da Vinci’s Demons

Dal momento della sua messa in onda, a metà Aprile, si è tanto parlato di questa serie, in bene, soprattutto oltreoceano, e in male. Vediamo quindi un po’ cos’è Da Vinci’s Demons, cosa ha di potenzialmente interessante e cosa invece ha fatto indignare il pubblico europeo, e non solo, senza entrare troppo nel dettaglio degli avvenimenti, quindi niente spoiler oltre la prima puntata.
L’idea parte nel 2010 da David S. Goyer, sceneggiatore, regista e fumettista statunitense. La produzione inizia nel 2011, quando vengono scritturati gli attori principali, Tom Riley nei panni di Leonardo da Vinci, Laura Haddock che interpreta Lucrezia Donati, e Elliot Cowan che sarà Lorenzo de' Medici. L’idea di partenza è ottima: considerato il successo che le serie fantasy storiche stanno avendo di recente, una serie che racconti i primi anni dell’età adulta di Leonardo da Vinci, uno dei più grandi geni della storia, sul quale tanto si è detto e speculato, e che porti il personaggio sotto gli occhi del grande pubblico, non può che essere un bene.  Insomma le riprese iniziano, in Galles, sì perché la serie è ambientata a Firenze, negli anni della signoria medicea, ma girata in Galles. Questo porta la necessità di costruire quasi tutte le ambientazioni con una computer grafica abbastanza accurata, molto in stile Assassin’s Creed che, pur considerandone la parziale necessità, fa storcere un po’ il naso. 

E arriviamo quindi alla serie.  Ci viene presentato un Leonardo da Vinci come nessuno lo avrebbe mai immaginato: un ragazzo giovane e avvenente, con una barbetta curata, la messa in piega, la scollatura a V, i pantaloni aderenti di pelle e il giubbottino abbinato, che se ne va in giro per Firenze sicuro di sé a provocare i potenti a destra e manca, affascinare belle donne, fare uso di droghe e, unico elemento che forse ci si aspettava,  disegnare macchine volanti e armi da guerra. Un genio ribelle e dannato, che ricorda terribilmente lo Sherlock Holmes di Robert Downey Jr.
Superato l’imbarazzo per il protagonista…inusuale ci concentriamo sulle vicende e sul contesto storico in cui è ambientata la serie. Il centro della narrazione è la lotta di potere tra i Medici, rappresentati dalla figura di Lorenzo de Medici e il Papa, che incontriamo per la prima volta nudo in una vasca insieme ad un giovane, mentre gli punta un coltello alla gola per qualche ignota ragione. La narrazione delle vicende storiche riguardanti la politica del tempo è estremamente drammatizzata e stereotipata all’inverosimile. 
Ci sono gli ecclesiastici pedofili disposti a uccidere per il potere, e i signori italiani, tutti controllati come burattini dalla setta de “I Figli di Mitra”. Proprio questa setta è ciò che fa da tramite tra Leonardo e i potenti. Ci si trova dentro fino al collo quando uno dei capi al vertice, salvato dallo stesso Leonardo mostrando le sue doti di spadaccino, gli parla di un Libro che va trovato, alludendo ad un coinvolgimento della madre di Leonardo, che lui non ha mai conosciuto in età adulta. Il padre invece lo conosce eccome, e ha con lui un rapporto dei più tormentati, e ancora una volta stereotipati, possibili. Suo padre, come tanti dei potenti fiorentini, lo considera un artista di alto livello ma eccentrico e ribelle. Tuttavia Lorenzo de Medici gli commissiona una colomba meccanica volante che viene realizzata con grande maestria, e che apre al protagonista le porte di Palazzo Vecchio, permettendogli di essere assunto per realizzare le armi da guerra che sta progettando. Infine c’è Lucrezia, la figura femminile ammaliante e doppiogiochista, amante di Lorenzo e che vediamo conquistare subito anche Leonardo. Clichè ovunque.

È ormai chiaro che per rendere la storia interessante agli occhi del grande pubblico sia necessario esagerarla e farcirla di scene di sesso e violenza, ma entrambi gli aspetti vengono abusati e inseriti anche quando assolutamente non necessari. Da una serie così ricca di situazioni al limite del possibile, culti esoterici, lotte di potere, spionaggi e chi più ne ha più ne metta ci si aspetterebbe una narrazione veloce, ricca di avvenimenti, plot-twist, suspense e mistero, in realtà le cose procedono abbastanza a rilento.
In conclusione la serie, partita da un’idea molto promettente e interessante, che si sarebbe potuta sfruttare per far conoscere il genio di Leonardo al pubblico, naturalmente romanzandolo, si è lasciata decisamente prendere la mano cadendo negli stereotipi e nelle imprecisioni storiche. C’è tantissimo, tantissimi generi, tantissima azione e tantissimo mistero, e si sa quanto il pubblico sia affascinato da queste cose, soprattutto dopo Dan Brown. Come fantasy storico è un grande potenziale sprecato, assolutamente sconsigliata agli appassionati di storia, e niente di sensazionale dal punto di vista del fantasy.

Noi vi aspettiamo nella  vera Firenze, qui!
Omaggi, Cercator sin qui arrivato,
Loki prova per te profondo Orgoglio.
Lo voto tuo dagli Otaku è disiato:
Chi melior effigiò imago su foglio?

Giada Rossi

Laureata in Astronomia, aspirante Astrofisica. Curiosa di natura. Scrivo soprattutto di scienza, ma preferisco parlare di cani buffi.

Ti potrebbero interessare anche:

Commenti

  1. Siamo abituati ad aspettare, come KH3, Medievil 3, Parasite Eve 3, Kill Bill 3!
    Il primo Nemo mi è piaciuto molto, non il solito filmetto. Ma non sono molto favorevole ai sequel della Disney perché paragonati al primo film…fanno cagare 😀 Perdonate il francesismo!

  2. Criticare in maniera categorica non serve a nulla, è il mio campo di studi e quindi dovrei essere indignato oltre misura. Invece no, non mi sconvolge più di tanto il fatto che ci siano sesso e solita roba a farcire la serie; anzi sono contento che quantomeno venga fatta. Dovrebbe essere compito del cinema italiano fare qualcosa in questo senso invece di recitare continuamente tragedie paradossali e irreali con lo scopo di rubare facili lacrime; dovrebbe essere inoltre compito di storici, appassionati e potenziali fan che dovrebbero proporre progetti ( ovviamente anche di piccoli budget ) per far sentire ciò che interessa, io applaudo invece lo sforzo della superficiale cultura angolsassone nel proporre prodotti di questo genere. Io criticherei a confronto di altro, non in assenza di alternative.

    Se è Fantasy non ci si può lamentare delle imprecisioni storiche, che senso ha ? Se l’utente medio “compra” quei cliché, non ci si può lamentare che vengano continuamente “venduti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button