Intrattenimento

Gli animali dei videogiochi perché hanno dei soldi?

Ci sono degli interrogativi nel mondo dei videogames che tutti si chiedono ma su cui nessuno riflette veramente sulla risposta. Oggi ne vorrei affrontare uno insieme a voi, cari amici gamers, che mi ha sempre lasciato perplesso ma che per cui la foga della battaglia e la distruzione degli avversari non mi ha mai permesso di soffermarmici troppo (specifichiamo solo nella finzione del gioco prima di finire a Studio Aperto per l’ennesimo servizio casuale contro i videogiochi).
La domanda tanto attesa è: i mostri che affrontiamo nei videogiochi perché hanno dei soldi? E cosa se ne fanno?

Ragioniamoci insieme; posso capire benissimo finché si tratta di affrontare nemici umanoidi come banditi, cavalieri o anche goblin e orchi ecc. comunque sia mostri che hanno una certa parvenza di società in cui l’uso di monete è diffuso, e al limite posso giustificare alcuni tipi di mostri come un drago se vogliamo attenerci al modello più classico possibile, visto di recente anche nello Hobbit, del drago amante dell’oro e dei tesori e da cui una volta sconfitto si possono depredare: ma un cinghiale, uno slime o una chimera cosa se ne fanno dei soldi?
Fra le varie teorie che mi sono venute in mente la prima ipotesi è: magari durante i loro assalti a poveri PNG (non tutti hanno la fortuna di capitare in un’area con il livello adeguato) questi mostri abbiano mangiato i malcapitati e i soldi siano rimasti dentro il loro stomaco. Dopo aver constatato che ogni singolo mostro ha con sé dei soldi ho capito che era poco probabile perché altrimenti ogni creature esistente ha ucciso almeno una persona causando un genocidio non indifferente se si pensa a quanti mostri si affrontano in un gioco medio. Quindi scartiamo la prima ipotesi.

La seconda ipotesi mi è venuta in mente dal detto “i soldi non crescono sugli alberi”: e se invece fosse vero? O meglio e se invece le monete fossero dei metalli preziosi che crescono sulle diverse creature che popolano i vari mondi fantasy dei videogiochi? Alla fine sono mondi dove generalmente esistono magie e altre cose incredibili, quindi perché no? Questo spiegherebbe molte cose, come per esempio la quantità fissa di denaro che si trova in un tipo di mostro piuttosto che in un’altro e inoltre spiegherebbe il motivo per cui molte persone scelgono di fare gli avventurieri e andare a caccia invece di dedicarsi a lavori più umili e sicuri ma dal guadagno non così elevato. Basta sconfiggere due bei mostri grossi e ci si sistema la famiglia. Ma in questo caso potrebbe avvenire il genocidio opposto, ovvero regni che sterminano intere specie per accumulare ricchezze, e anche questa è da scartare.

Infine mi è venuta in mente un’ultima ipotesi: all'alba dei tempi i poveri mostri volevano solo vivere una vita onesta e lavorare normalmente per integrarsi con gli uomini e le altre razze, ma la paura e il rifiuto di questi ha provocato in tutte le categorie non accettate una rabbia e tristezza che può essere sfogata solo attaccando a caso chiunque passi dalla loro zona. Ma intanto nei momenti liberi vivono una vita parallela in città segrete dove vivono e commerciano come le altre razze, ma sono città segrete e inaccessibili al giocatore appartenente al nemico e create nell'ombra anche dei programmatori, una zona di dati nascosta dove si ritrovano minotauri e golem a bere in un pub serviti al banco da un tonberry, mimic che gestiscono gioiellerie,  mind flyer che prendono il tè del pomeriggio,  mostri meccanici che riparano auto per un uomo lucertola e mille altri esempi simili. Insomma la prossima volta che uccidete un mostro in un videogame e questo vi darà dei soldi sappiate che c’era un motivo per cui ne era in possesso.
E voi invece avete altre teorie ancora più incredibili da proporci? Fateci sapere e alla prossima!

Silvio Mazzitelli

Di stirpe vichinga, sono conosciuto soprattutto con il soprannome “Shiruz”, tanto che quasi dimentico il mio vero nome. Videogiocatore incallito sin dall’alba dei tempi, adoro il mondo videoludico perché dopo tanto tempo riesce sempre a sorprendermi come la prima volta. Scrivo ormai da diversi anni di questa mia passione per poterla condividere con tutti. Sono uno dei fondatori di Orgoglio Nerd e sono anche appassionato di tutto ciò che riguarda la cultura giapponese e la mitologia (in particolare quella nordica).

Ti potrebbero interessare anche:

Commenti

  1. E se i le monete appartenessero al ciclo digestivo dei mostri? Potrebbe darsi che i mostri trasformino il cibo in oro durante la digestione prima di assimilarli, in quanto possono mangiare solo oro puro. Questo spiegherebbe anche perchè quando si muore si perdono dei soldi! 🙂

  2. Non mi pronuncio sulle prime due teorie….ma sono sicuro di aver visto un paio di Mind Flyers bere una cioccolata calda al Bar dello Sport giusto mercoledì

  3. La mia teoria è che nei giochi viene dato direttamente il possibile ricavato dalla vendita degli oggetti non droppati dal mostro, che nel caso dei lupi potrebbe essere la pelliccia, la carne, o qualcos’altro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button