News

Evangelion Night: You Are (Not) Sleepy

Sono le 21.30, indossiamo magliette con simboli della NERV, abbiamo bevande e pop-corn a sufficienza per sfamare e dissetare un battaglione, la giusta dose di caffeina in circolo e siamo forti della consapevolezza che non usciremo dalla sala cinematografica prima dell'1.30, e che l'indomani saremo tutti svegli prima delle 8. 
Ma un evento del genere non può essere sabotato da qualcosa di così insignificante come la privazione di sonno: stiamo parlando della prima (e finora unica) proiezione al cinema dei primi due film della tetralogia Rebuild of Evangelion, eccezionalmente ed esclusivamente programmata per la sola data del 4 settembre. 
Rebuild of Evangelion è la reinvenzione di quello che in molti considerano uno dei punti più alti raggiunti dall'animazione giapponese, Neon Genesis Evangelion: anziché 26 episodi (oppure 24 e due film), la storia di Shinji e compagnia viene condensata e tradotta in un linguaggio diverso, quello dei lungometraggi. Molto è cambiato, molto di più è rimasto invariato, e il tutto è condito con una robusta dose di effetti speciali computerizzati. Evangelion 3.0: You Can (Not) Redo, il terzo capitolo della saga, sarà proiettato al cinema in Italia il 25 settembre (occhio: il 25 settembre, non dal 25 settembre! Anche in questo caso la data è unica, non lasciatevela scappare!), quindi per scaldare gli animi del pubblico e dare modo a tutti di vedere o rivedere i primi due capitoli nel miglior modo possibile è stata scelta la giornata del 4 settembre per proiettare al cinema Evangelion 1.0: You Are (Not) Alone ed Evangelion 2.0: You Can (Not) Advance uno subito dopo l'altro, in una mini-maratona.
A noi della redazione, ormai lo sapete, le maratone piacciono. Evangelion pure ci piace parecchio, quindi capite bene che non ci potevamo assolutamente permettere di mancare all'appuntamento: prenotati i biglietti con anticipo sufficiente per assicurarci i posti migliori possibili (abbiamo anche effettuato la prova acustica di Sheldon!) ci siamo tuffati nell'esaltante rifacimento di uno dei nostri anime preferiti.
Non ci vogliamo dilungare troppo a parlare delle differenze fra i film e la serie, né recensirli: vogliamo innanzitutto mantenerci il più spoiler-free possibile (sappiamo quanto siete sensibili al tema), ma soprattutto abbiamo ancora bisogno di tempo per riflettere. Questo è un articolo scritto a caldo, ma i due film, perfettamente nel solco della serie, necessitano di tempo e meditazione (e probabilmente di qualche ulteriore visione oltre la prima) per essere digeriti o addirittura capiti. 
Quello che possiamo però dire è che la sensazione dominante rimasta in noi dopo la visione è quel vago disorientamento, quel desiderio di unire i puntini e far quadrare il cerchio e quel bisogno di confrontarsi fra noi (e con Wikipedia!) per cercare di venirne a capo, che provavamo, tale e quale, dopo la nostra prima visione di ogni puntata della serie.
Certo quella dei film è una storia molto più bruciante e frenetica, una versione di Evangelion con molta più azione e molte meno pippe mentali, quindi da un lato certamente più frettolosa e “pasticciata”, ma dall'altro più essenziale ed esaltante (tanto da farci dimenticare del tutto l'orologio e le esigenze del nostro organismo, e anzi indurci a rimanere svegli ancora un bel po' a parlare e documentarci). Insomma, la storia è la medesima, più o meno, raccontata dal medesimo autore ma con un linguaggio diverso: Hideaki Anno ci offre un'angolazione ulteriore della sua visione, un'ennesima sfaccettatura della sua creatura prediletta. Abbiamo infinitamente apprezzato l'opportunità di goderne in tutta la gloria del grande schermo, un'esperienza che ci auguriamo molti di voi abbiano provato, e non vediamo l'ora dell'uscita di 3.0, di cui vi offriamo il trailer qui a fianco. Certo, il gap di quasi un anno che c'è fra l'uscita del film in Giappone e la proiezione in Italia un po' è seccante, ma il Nerd che è in noi in fondo in fondo è più seccato da un altro dettaglio… vista la coincidenza delle date, è troppo chiedere di anticipare l'uscita al 15 settembre?

Gabriele Bianchi

Lettore, giocatore, conoscitore di cose. Storico di formazione, insegnante di professione, divulgatore per indole. Cercatelo in fiera: è quello con la cravatta.

Ti potrebbero interessare anche:

Commenti

  1. Noooooooooooooo!!! Io pensavo fosse il 14!!! Sto pre piangere! Avevo programmato tutto, quel maledetto di mio padre mi ha detto una bugia perché non voleva vederlo, ora me la pagherà cara! >:(

  2. Ma in che senso avete prenotato i biglietti? Bisognava prenotarli? Sto per impazzire, mio padre mi aveva detto che bastava andare lì il 14 ed era fatta… *scoppia*

  3. Beh, quando vai al cinema puoi comprare prima i biglietti oppure andare al cinema e sperare che ci siano posti buoni. Tutto lì. Mi spiace che te lo sei perso! ^_^

  4. Posso dire: Io c’ero! Tra l’altro all’ultimo spettacolo, l’unico che offriva ancora dei posti liberi. 22.30 + 35 (trentacinque) minuti di pubblicita’ e l’arretrato di sonno che sento **ancora adesso**. Ma nessun pentimento!

    Comunque anch’io ho pensato all’anniversario del Second Impact mancato di pochi giorni 😉

  5. Io ho preso i biglietti con 2 settimane di anticipo ed ero in terza fila!!!Pensate che all’ultimo momento il cinema ha dedicato una seconda sala perchè hanno intuito che potevano vendere molti più biglietti.Giuro, non vedevo tanta gente in una sala dall’epoca della trilogia di LOTR…commovente!E guardare EVA al cinema, con il dolby surround è una delle esperienze più coinvolgenti e meravigliose che un nerd possa sognare!

  6. E’ vero…e un’altra cosa: gli spettatori della nostra sala sono stati *perfetti*, non si è sentita volare una mosca per tutta la maratona, comprese le scene di silenzio totale.

  7. Io ora sto cercando una cornice delle giuste dimensioni per incorniciare la locandina. 🙂 Ci vediamo al’Arcobaleno per il 3.0!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button