Cinema e Serie TVFeatured

Die Hard è tornato… per una pubblicità

Un annuncio ha mandato in subbuglio i fan del film

Questo fine settimana ha visto i fan di Die Hard di tutto il mondo ravvivarsi grazie ad un interessante mistero. È stato annunciato tramite un Tweet della figlia di Bruce Willis, Rumer Willis, che John McClane avrebbe fatto il suo ritorno, ma non è stato fornito nessun altro indizio, portando a speculazioni su Internet. In realtà si trattava di un nuovo spot di Die Hard con Bruce Willis per … Batterie DieHard, con il ritorno di due personaggi che non vedevamo dall’originale del 1988: De Argyle di voreaux White e Theo di Clarence Gilyard Jr. Questo annuncio è andato in onda durante la partita della NFL tra i Los Angeles Rams ei San Francisco 49ers.

Nel video alcune scene del film originale

I fan di Die Hard non avranno difficoltà a notare che ci sono una manciata di scene del classico film d’azione. Ad esempio, imitando la sua mossa mentre naviga per Nakatomi Plaza, John McClane si ritrova ancora una volta a gattonare in una presa d’aria, questa volta cercando di sfuggire a un Advance Auto Parts mentre scappa da uomini armati che lo vogliono morto. Allora perché questi assassini cercano John? Non ci sono risposte certe, in quanto non ci sono esattamente molti dialoghi forniti per aggiungere contesto alla trama, ma sembrerebbe che il colpo sia eseguito come atto di vendetta da Theo.

I fan ricorderanno era il membro amante degli scherzi del team di Hans Gruber che ha usato le sue abilità informatiche per hackerare il caveau Nakatomi. A differenza di Hans Gruber, che muore chiaramente quando cade da una finestra alta alla fine di Die Hard, Theo sopravvive. La sua fuga in ambulanza è ostacolata da Argyle, che si schianta contro di lui con la sua limousine, ma il film fa sembrare che sia solo svenuto nell’incidente e non ucciso.

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button