News

Yui e il J-Pop!

Mentre attendiamo il 13 Maggio… Perchè? Che succede il 13 Maggio? A Wow Spazio Fumetto ci sarà una giornata dedicata totalmente al Giappone contemporaneo, con tanta musica e… beh, K-ON!
Ospite speciale della giornata: la casa editrice J-Pop, ma avremo modo di parlarne. Gioite!
E se la gioia potesse essere rappresentata fisicamente, con molta probabilità avrebbe il volto di Hirasawa Yui, protagonista di questo speciale sui personaggi di K-On! E per questo noi l'adoriamo.
Svampita e goffa, non ci mette molto a conquistare l'affetto di chiunque abbia a che fare con lei grazie all'innocenza e alla purezza che la contraddistinguono. 
Incappa quasi per caso in Ritsu e Mio e dal quel momento il suo destino è deciso: entrerà a far parte del club di musica leggera diventando cantante e lead guitar delle Hōkago Tea Time. È così che scopre quanto suonare la diverta e in poco tempo riesce a entrare in profonda connessione con il suo strumento, migliorando con una rapidità quasi incredibile. 
Non per nulla verremo presto a sapere che è dotata dell'orecchio assoluto, cosa che fortunatamente l'aiuta dato che non è in grado di leggere uno spartito musicale!
Gïta, affettuoso nomignolo che ha dato alla sua chitarra, è una Gibson Les Paul Standard Heritage Cherry Sunburst e conta quasi come un altro membro del cast di quest'anime, tanto che la stessa Yui non riesce a staccarsene neanche quando dorme. E la chitarra non è l'unica cosa a cui è stato dato un soprannome, presto è toccato anche al basso di Mio e ad altri membri della band.
Vive in un'enorme casa insieme alla sorella Ui, che le assomiglia in aspetto ma ha un carattere molto più maturo nonostante sia più piccola di lei. Dei genitori, ahinoi, si sa ben poco a parte il fatto che sono spesso in viaggio e lasciano le due figlie sole. Le due hanno un rapporto molto stretto: sono l'una il sostegno dell'altra e l'affetto che le lega viene dimostrato in più di un'occasione da entrambe.
Fortunatamente questo non guasta il costante buonumore di Yui che elargisce abbracci a chiunque si senta giù (e non solo) oppure propone una buona fetta di torta, antico rimedio che tutti ben conosciamo. La sua carriera scolastica non è degna di particolare nota ma se la si aiuta, mostrandole quale sia il giusto sentiero da prendere, riesce a stupire ottenendo risultati più che soddisfacenti.
Sul palco, nonostante la sua poca “grazia”, è capace di tirare fuori una grande energia che presto diventa contagiosa, coinvolgendo il pubblico e facendosi amare da esso.
Semplice, piacevole e con molti affezionati proprio come il Japanese pop o J pop come è più comunemente da noi conosciuto.
Anch'esso comprende diversi generi musicali, dal più comune pop al soul, permea non solo la scena che le compete ma ha una grande importanza anche negli spot, negli anime e nei videogiochi. Certamente ha un'accezione più commerciale, non per nulla è facilmente fruibile da un pubblico molto più vasto rispetto ad altri generi. Ha sonorità non particolarmente complesse, senza nulla togliere alla potenziale varietà dei vari artisti.
Come sempre ci piace fare qualche esempio, così che chi vi si accosta per la prima volta possa avere qualche termine di paragone e magari chissà che non ci si appassioni.
Il primo gruppo che crediamo sia doveroso citare sono le Morning Musume, per la loro lunga storia. Sono un progetto che nasce nel lontano 1997 e attualmente sono ben dodici, ma nel corso degli anni sono costantemente cambiate, rinnovandosi. Il classico e doveroso gruppo di ragazze che canta e balla, requisito fondamentale per la maggior parte di questi artisti, allietando le giornate scure.
Quindi annoveriamo una boy band per controbilanciare: gli Arashi. Appaiono per la prima volta sulle scene nel 1999 e la formazione da allora non è mai cambiata. Ai suoi membri è capitato spesso di recitare anche in serie televisive o film. Il loro ultimo album Beautiful World è datato 2011 e la traccia Lotus è stata utilizzata come opening del drama Bartender.
Infine abbiamo le Supercell, gruppo nato da poco rispetto agli altri, nel vicino 2007. Anche per loro televisione e musica sono strettamente legate, infatti da Today is a beautifl day non sono poche le tracce che si rifanno ad anime. Ogni canzone ha un suo particolare sapore, permetteteci la sinestesia, un po' per tutti i gusti si potrebbe dire.
A questo punto inviterei tutti quanti ad avere un fuwa fuwa time!
E se ancora non sapete a cosa mi riferisco, lo scoprirete presto…

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button