Cultura e SocietàIntrattenimento

I 5+1 mondi dove viaggiare con Sergio Toppi

Qualche giorno fa il nostro Mattia "Nini" De Poi, nella rubrica Anteprima di Stampa ha parlato di un grande Maestro del fumetto italiano come Sergio Toppi, ora nuovamente in fumetteria grazie agli sforzi di Nicola Pesce Editore
Ma gli addetti di ONTheRoad  (Monica e Jacopo), vista l’occasione hanno pensato bene che un solo articolo non fosse sufficiente a celebrare il lavoro di Sergio Toppi. Uno degli autori più esotici e proiettati al viaggio che si possano trovare in Italia, come non amarlo? Un viaggiatore nato, il cui stesso tratto è costantemente spinto alla violazione dei confini naturali del fumetto, invadendo lo “spazio bianco” e viaggiando per l’intera pagina. 
Così eccoci qui, con una classifica 5+1 dei luoghi più affascinanti del mondo di Toppi. Viaggiamoli insieme!
{Il Deserto}
“Il deserto non ama chi viene con la sicurezza del conquistatore: il deserto si difende, difende le cose che racchiude, col vento, col sole, col miraggio ingannevole…”
Il personaggio ricorrente di Sergio Toppi è Il Collezionista. Un elegante e distinto gentiluomo la cui intera vita è votata alla ricerca di rarità di ogni genere. Inarrestabile e impietoso, il Collezionista se occorre sa essere cinico di fronte a qualsiasi ostacolo. Per la sua missione ha letteralmente girato il mondo e noi lo ricordiamo in uno degli scenari più ostili, il temibile deserto etiope.
{Le Paludi}
Facciamo mezzo giro di globo e ci spostiamo tra le paludi della Florida, pagine verdi e umide, aggrovigliate tra giunchi e mosaici di isolotti. Ogni pagina può costarci un morso di serpente, l’artigliata di un coccodrillo o nella migliore delle ipotesi il sinistro sbattere d’ali di un uccello esotico. Siamo nelle Everglades, dove la vegetazione è ovunque. Ne L’uomo delle Paludi, per la leggendaria collana Un uomo un’avventura scopriamo il suggestivo mondo della tribù dei Seminole.
{L'altro deserto}
Caldo, sabbia e piramidi. No, non siamo in Egitto, siamo nel tumultuoso e rivoluzionario Messico di Zapata. Cactus, sombreri, Gatling, treni che saltano in aria. Questa volta la storia è L’uomo del Messico (un’altra delle 3 storie realizzate da Toppi per la collana Un uomo un’avventura). Tinte gialle, tinte viola, un volume acido che grazie alla minuziosa cura dei dettagli permette di viaggiare anche nel tempo, riscoprendo costumi e gesti di un popolo a cavallo delle epoche.
{Ubica}
Per Ken Parker Magazine, con la sceneggiatura di Maurizio Mantero, Toppi ci porta nel futuro, su Ubica, ultima città della terra. Un dispotico agglomerato composto da terrazze fluttuanti. Tecnicamente un’astronave, anche se perennemente ormeggiata. 
Con Ubica entrano nella nostra classifica anche lo spazio e le stelle.
Una storia ormai rara da reperire ma un piccolo capolavoro del genere fantascientifico.
{Orlando}
No, non di nuovo in Florida. Orlando quello furioso. Siamo arrivati al gradino più alto di questa Top dei luoghi di Toppi, la scelta rimane ancora sorprendentemente vasta, ma ci è salita voglia di draghi, una voglia a cui non si comanda. E allora, dopo deserti, astronavi e paludi finiamo nel mondo di Orlando. Verrà Orlando è il titolo ma il dove resta solo suggerito. Volume onirico e leggendario come le rime dell’Ariosto, maturate dopo anni di passaparola e arricchite da secoli di cantastorie. Ma voi leggete la storia prima, che probabilmente siamo semplicemente in Sicilia.
{Sharaz-de}
Al posto +1 della nostra classifica l’Oriente, che vince sugli altri per vastità geografica. Nell’Oriente di Toppi non c’è soltanto il Sol Levante, con i grandi racconti dei Samurai, ma anche il Medio Oriente, con Le mille e una notte, che proprio qui potete trovare in una bellissima edizione esclusiva a tiratura limitata. 
Con Toppi non si finisce mai di viaggiare.

Mattia De Poi

Anche conosciuto come Il Nini, Mattia è il lato gioioso di Orgoglio Nerd. Biondo e curioso, è appassionato di ogni genere fumettistico, Gunpla e avventure. Portatelo in viaggio, all'organizzazione ci penserà lui.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button