FeaturedGiochi

Phyrexia, il Piano del male più puro

Phyrexia è il primo Piano antagonista di Dominaria in Magic the Gathering

Phyrexia è un altro nome evocativo per i giocatori di Magic: the Gathering della prima ora. Dominaria era il Piano in cui si svolgevano le prime avventure, ma i cattivi da dove venivano? Proprio da Phyrexia! Questo sebbene il principale dei nemici fosse Yawgmoth, un taumaturgo del popolo di Thran, originario proprio di Dominaria. Portato su Phyrexia dal planeswalker Dyfed, questo essere aprì un portale permanente che collegava i due Piani.

Com’è strutturato Phyrexia?

Il Piano è diviso in nove strati, chiamati Sfere. Ciascuno ha una propria funzione e molti di questi sono prettamente metallici. Partiamo dalla Prima Sfera, dove macchine creano imitazioni della natura, dove piove olio invece dell’acqua e l’aria è piena di cenere e polvere di ruggine. La Seconda Sfera è composta dagli scarti della Prima Sfera, una sorta di discarica. La Terza Sfera ha una distorsione temporale che impedisce ai Planeswalker di procedere oltre.

Nella Quarta Sfera abita il grosso della popolazione del Piano ed è qui vengono sacrificati artefatti per creare portali verso vari luoghi del Multiverso. La Quinta Sfera è un enorme mare di petrolio, mentre nella Sesta Sfera è presente il governo di Phyrexia e tutta la sua macchina burocratica, nella Settima Sfera sono presenti le prigioni. L’Ottava Sfera è quasi sconosciuta, si sa solo che è un luogo di pura energia, come se fosse il nucleo del Piano. Infine, sulla Nona Sfera, risiede Yawgmoth.

L’intervento di Yawgmoth cambiò tutto

Yawgmoth era impegnato su Dominaria nei suoi studi da taumaturgo, per trovare la cura per la tisi che aveva colpito il suo popolo. I suoi metodi vennero considerati blasfemi dai Thran, che lo esiliarono per cinque anni. Ma lo richiamarono quando Glacian, un potente artefice di questo popolo, si ammalò. Questo ritorno scatenò una guerra civile tra i Thran ed un’alleanza di umani, minotauri, elfi, nani, viashino e gatti guerrieri. Yawgmoth venne portato a Phyrexia e iniziò a trasformarlo nel proprio Piano.

Phyrexia era in origine un Piano metallico e Yawgmoth trovò una cura alla tisi sostituendo parti del corpo dei malati con quei matriali. Creò così un esercito di macchine e lo usò per la guerra civile su Dominaria. Per poter viaggiare con la propria armata, fece costruire un portale permanente.

Alla fine la guerra civile venne vinta dall’Alleanza e Yawgmoth si rifugiò su Phyrexia insieme al suo esercito, i primi Phirexiani. Questi prepararono vari progetti per invadere Dominaria, costruendo macchine di distruzione mai viste prima. Ma bisognava aspettare, perché come prima azione dopo la vittoria dell’Alleanza, il portale che collegava Phyrexia a Dominaria venne chiuso. Yawgmoth e i phyrexiani quindi erano bloccati.

500 anni dopo: la Guerra dei Fratelli

L’attesa durò ben 500 anni. I giovani Urza e Mishra stavano studiando presso il campo dell’archeologa Tocasia. Durante uno scavo si imbatterono nelle Grotte di Korilos, dove era posta la parte di portale da Dominaria. Inavvertitamente tolsero la pietra del potere che teneva sigillato il portale. Yawgmoth ne approfittò e mandò il suo sottoposto Gix a controllare la situazione. Ancora pochi anni e scoppiò la Guerra dei Fratelli, con Mishra alleato dei  phyrexiani nel tentativo di uccidere Urza. L’esplosione del Golgothian Sylex pose termine alla guerra e bloccò di nuovo il passaggio tra i due Piani.

Gix prova a invadere Dominaria

E così i phyrexiani erano di nuovo bloccati sul proprio Piano, ma presto vennero creato nuovi portali, che gli permisero di spostarsi in segreto su Dominaria. Fra le personalità emigrate sul Piano in questione c’era anche Gix. Nel frattempo Urza, dopo la Guerra dei Fratelli, era diventato planeswalker ed aveva iniziato a vagare per il Multiverso.

In questo vagabondaggio conobbe Xantcha, una phyrexiana esiliata. La salvò dalla condanna a morte e lei gli rivelò i preparativi di invasione dei phyrexiani. Lo scontro tra Urza e Gix avvenne presso le Grotte di Koilos, dove quest’ultimo venne sconfitto. Preoccupato della quasi riuscita invasione dei phyrexiani, Urza iniziò a creare una serie di artefatti che divennero famosi come l’Eredità di Urza e diede vita a una Coalizione di alleati pronti a sfidare gli invasori. Yawgmoth intanto non stette con le mani in mano e creò un nuovo Piano, che sarebbe servito da punto di passaggio tra Yawgmoth e Dominaria: Rath.

phyrexia piani magic gathering

Anche Phyrexia venne invasa…

Da Rath partì una nuova invasione, sbaragliata dalla Coalizione. Il generale di Phyrexia, Tsabo Tavoc, venne ricacciato sul suo Piano da Gerrard e Karn. Questa nuova ondata si concluse con la distruzione dei portali con Phyrexia

La risposta della Coalizione fu l’invasione di Phyrexia. A condurla furono i Nove Titani, planeswalker armati di enormi macchine. L’obiettivo era uccidere Yawgmoth. Ma uno dei Nove, Tevesh Szat, tradì ed eliminò due compagni. Urza però aveva inserito in ogni Titano un Rubik, una sorta di bomba che poteva attivare in ogni momento. Attivò quella di Tevesh Szat ed eliminò il problema, proseguendo fino alla residenza del nemico. Una volta lì gli altri Titani attivarono i propri Rubik, danneggiando pesantemente il Piano, per poi tornare su Dominaria e continuare lo scontro con i phyrexiani.

Ma proprio nello scontro epocale, Yawgmoth diede il meglio di sé. Convinse Gerrard a schierarsi con lui e tolse a Urza i suoi poteri da planeswalker. A questo punto Gerrard decapitò il vecchio alleato, dando a Yawgmoth la possibilità di tentare una nuova invasione di Dominaria.

…e infine Phyrexia fu sconfitta

Yawgmoth, dopo secoli di assenza, tornò su Dominaria. Era un essere assolutamente diverso da quello partito dal Piano. In difesa di Dominaria nel frattempo era stata creata la Cavalcavento. La nave volante assorbì il mana della Luna Nulla, un satellite conquistato secoli prima da Yawgmoth. Lo riversò quindi sull’invasore, mandandolo quasi in fin di vita. Yawgmoth decise allora di attaccare la nave. Nel frattempo erano tornati su Dominaria la testa di Urza e Gerrard, di nuovo alleati, che si sacrificarono unendosi a Karn. Questo gesto portò alla fusione in un unico oggetto dell’intera Eredità e generò un’ondata di mana bianco che distrusse Yawgmoth. Rimasti senza guida, i phyrexiani caddero e Phyrexia venne così sconfitta.

Un Piano indimenticabile

Per molti anni e molte espansioni di Magic, Phyrexia è stato il Piano di puro male, da dove arrivavano buona parte delle creature e delle fonti di mana nero. Il suo netto contrasto con Dominaria ha creato un’ambientazione in cui i due Piani erano i due antagonisti. Molto diverso dall’ambientazione degli ultimi anni, in cui esiste un notevole numero di Piani, molti dei quali protagonisti di espansioni del gioco (come Zendikar, Amonket ed altri). Phyrexia con Dominaria ha forgiato un’ambientazione in cui per anni molti giocatori hanno svolto le loro partite.

Offerta
Magic: The Gathering Double Masters VIP Edition
  • Carte rare e mitiche: Il set Double Masters VIP Edition contiene una combinazione di 4 carte foil rare o rare mitiche (vedi sotto per il contenuto) - 2 con un bellissimo design senza bordo, stampate per la prima volta per questa occasione.
  • Carte potenti: Gioca con alcune delle carte Magic più dominanti di sempre, sia che tu usi il formato Commander, Pioneer, Legacy o tutti quanti.
  • Due Terre foil a illustrazione estesa: Prenditi la scena con le 12 Terre base con design speciale a illustrazione estesa — 2 foil e 10 non foil.
  • Carte foil: La maggior parte delle carte del set Double Masters VIP Edition sono foil, tanto belle quanto potenti — per un totale di 23 carte foil.
  • Contenuto della confezione: Il set VIP Edition contiene 33 carte di cui 2 carte foil in stile vetrina senza bordo con i simboli di espansione delle carte rare o 1 carta rara in stile vetrina e 1 carta mitica in stile vetrina, oppure 2 carte foil rare normali o 1 carta foil rara e 1 carta foil mitica, oltre a 8 carte foil non comuni, 9 carte foil comuni e 12 Terre base a illustrazione estesa (2 carte foil e 10 non foil) più 2 pedine foil a doppia faccia.

Alessio Riccardi

Amante di giochi da tavolo, giocatore di Magic della prima ora, divoratore compulsivo di mostre. Se c'è un gioco da tavolo nelle sue vicinanze, probabilmente vi inviterà a fare una partita insieme!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button