Intrattenimento

Game of Thrones: Emilia Clarke dispiaciuta dall’accoglienza del finale

L'attrice commenta le critiche ricevute

Game of Thrones, nonostante non abbia ottenuto un pieno consenso dei fan nell’ultima stagione, è riuscita ad aggiudicarsi ben 12 premi, tra cui quello per la Migliore Serie Drammatica, agli Emmy 2019. Emilia Clarke, che veste i panni di Daenerys Targaryen, ha parlato del trattamento riservato ai due showrunner della serie, David Benioff e Dan Weiss in un’intervista al dailytelegraph. “Quello che sul serio mi ha rattristato riguarda David e Dan. Loro sono tra i miei migliori amici, proprio per questo mi si spezzato il cuore, perché le critiche riguardavano il loro lavoro“, ha ammesso l’attrice. E ancora: “Ognuno ha la sua opinione e ha tutto il diritto di averla. È arte, e va analizzata in ogni modo possibile”.

Emilia Clarke commenta le polemiche sul finale di GOT

Creare un finale convincente per tutti era impresa ardua e Emilia Clarke lo sottolinea. “Se sei triste perché lo show è finito, o semplicemente perché ti è piaciuto guardarlo, allora è giusto trovarlo triste. – dichiara l’attrice – Mi dispiace che non sia stato il finale perfetto che tutti speravano, ma soddisfare tutti era impossibile”. La Clarke ha parlato anche dei commenti che girano sul web, non sempre equilibrati, anzi. “Non cerco il mio nome su Google, non leggo le recensioni. Non mi aiuta sentire qualcuno che mi dice “sei grande” e allo stesso tempo non mi aiuta sentire qualcuno che dice “hey s*****a, perché sei così grassa?”. La soluzione migliore è dietro l’angolo: “Se leggi di te stessa su Internet ti imbatti in questi estremi, quindi trovo più semplice non farlo”.

L’attrice è ora impegnata in “Last Christmas“, dove interpreta un personaggio che è sopravvissuto a una brutta malattia. Una situazione molto simile alla sua, infatti la Clark ha rivelato di essere stata colpita da due aneurismi. “Non è una di quelle cose che ti succede e pensi “Sono contenta di essere viva”, ma è l’esatto opposto. Passi un bel po’ di tempo a pensare “Sto per morire””. Per fortuna tutto è andato per il verso giusto: “E puoi sentirti incredibilmente spaventata da cose semplicissime, ed è il fatto stesso di essere vivi che può in qualche modo iniziare ad ammorbidire la situazione”.

[amazon_link asins=’0345540565,B07SJ8DSQK,B01MA3TETH’ template=’ProductCarousel’ store=’bolongia-21′ marketplace=’IT’ link_id=’0335b3ea-22cd-426b-a4b3-390f956ef50d’]
Source
https://www.dailytelegraph.com.au

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button