Cultura e SocietàNews

Zack Snyder smentisce di essere un regista conservatore

Il regista, durante una sessione di domande, ha spiegato le sue idee politiche

Il regista di Justice League Zack Snyder, durante una chiacchierata sul suo ultimo film Army of dead, ha respinto le voci secondo cui i suoi film hanno un “sottofondo politico di destra”. In un recente Q&A condotto da The Guardian, al regista sono state poste varie domande, incluse quelle di alcuni attori con cui ha lavorato nel corso degli anni.

Zack Snyder spiega nel dettaglio le sue idee

“Molte persone vedono una tendenza politica di destra in alcuni dei tuoi film. A che punto sei politicamente e questo è cambiato nel corso degli anni?” ha chiesto Sarah Polley, che ha recitato nel primo film di Snyder, il remake del 2004 di Dawn of the Dead. “Io voto democratico! Sono un vero amante dei diritti individuali”, ha risposto Zack Snyder. Così ha proseguito, motivando: “Sono sempre stato un forte sostenitrice dei diritti delle donne e del diritto di una donna di scegliere, e sono sempre stato circondata da donne potenti. E, naturalmente, sono un grande sostenitore dei diritti di tutte le etnie e ogni ambito della vita. Direi che sono un ragazzo piuttosto liberale. Voglio assicurarmi che tutti siano ascoltati e che tutti si sentano inclusi. Non ho un programma politico di destra. Le persone vedono ciò che vogliono vedere. Per me non era certamente questo il punto. “

La dichiarazione di Zack Snyder sembra allinearsi al suo recente sostegno alla DC e alla Warner Bros. con la realizzazione un film su un Superman nero. Alla domanda sul progetto segnalato, che proviene da Ta-Nehisi Coates e J.J. Abrams – Snyder l’ha definita “una mossa audace e interessante e probabilmente attesa da tempo”. Non estraneo alla discussione delle implicazioni politiche dei suoi film, Snyder ha anche recentemente affermato che l’attuale clima politico non è adatto per il suo adattamento cinematografico pianificato di The Fountainhead di Ayn Rand, affermando: “È un libro così politicamente carico che abbiamo bisogno di un governo più liberale per fare The Fountainhead in modo che tutti non impazziscano o qualcosa del genere”.

Source
cbr

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button