News

È tempo di salvare la terra di Ooo

Inutile chiedervi "What time is it?!"
Dal 2007 abbiamo risposto tantissime volte a questa domanda insieme ai nostri eroi Finn, Jake e tutti gli abitanti della fantastica terra di Ooo. Ma come tutte le cose belle, anche Adventure Time sta per finire con la decima e ultima stagione.
Per questa occasione, Outright Games e Bandai Namco ci regalano nuove avventure con Adventure Time: I Pirati dell'Enchiridion,  il nuovo videogioco della serie in uscita oggi, 19 Luglio, su PlayStation 4, Xbox One, PC e Nintendo Switch.
La storia proposta da questo nuovo videogioco è totalmente inedita e ricalca perfettamente lo stile tipico del franchise. 
L'umano Finn e il cane magico Jake si addormentato sulla cima della loro casa-albero dopo aver affrontato, come di consueto, mille e più avventure ma al loro risveglio una nuova sfida li aspetta. La terra di Ooo, infatti, è vittima di una forte inondazione che ha sommerso gran parte della superficie risparmiando qualche atollo appartenente ai vari regni di Ooo.
Jake e Finn, a bordo della loro nave, navigheranno in ciascuno di questi regni per scoprire quale male ha causato l'inondazione e come sconfiggerlo.
La squadra principale si arricchirà della presenza della regina dei vampiri Marceline e di BMO oltre all'aiuto di tutti i bizzarri personaggi che abbiamo imparato ad amare.
La narrazione è fedelissima alla serie originale senza risultare ripetitiva. Il regno di Dolcelandia o le Montagne di Ghiaccio sono esattamente come ce le ricordavano nel cartone animato, così come anche Re Ghiaccio, La Principessa dello Spazio Bitorzolo e tutti i personaggi che incontreremo nel corso della nostra avventura. Il tutto risalta grazie al doppiaggio originale in inglese dei personaggi.

Il gameplay è fondamentalmente diviso in 3 fasi: Esplorazione, Interrogatori, Combattimenti.
La fase di Esplorazione consiste nel navigare in alto mare tra un regno e l'altro, purtroppo i punti di attracco sono molto pochi e l'esplorazione spesso si riduce ad andare da un punto specifico all'altro fino alla fine del gioco.
Una volta raggiunta la terraferma i protagonisti possono curiosare in giro e parlare con gli abitati dei rispettivi regni per scoprire chi si cela dietro a questo misfatto.
La fase degli interrogatori serve proprio a questo, scoprire sempre più indizi sul responsabile dell'inondazione. Jake e Finn porranno delle domande ai personaggi sospetti o che possono avere qualche informazione utile (stiamo guardando te Re Ghiaccio!). Si potrà scegliere se proseguire con un interrogatorio amichevole o tirare fuori il poliziotto cattivo che è in noi. Sfortunatamente non esiste una scelta giusta o sbagliata e siamo guidati per ottenere il miglior risultato dal gioco stesso.
I combattimenti sono forse la parte più interessante del gameplay; sebbene si tratti di un classico combattimento a turni tipico dei più tradizionali GDR, troviamo delle meccaniche interessanti.
Oltre alle azioni di base che un personaggio può compiere come attaccare, difendersi, usare oggetti o scappare, troviamo anche un contatore di energia magica che consente ai personaggi di utilizzare le loro mosse speciali. La riserva magica è però condiviso con tutti i membri del gruppo, bisognerà quindi scegliere con attenzione chi del gruppo userà il suo potere speciale.
Nelle prime fasi del gioco, i combattimenti sono mediamente impegnativi con un'IA notevole (per questo tipo di gioco) che permette ai nemici di curarsi tra di loro, focalizzarsi su un solo personaggio o persino resuscitare un alleato. Con lo sviluppo dei personaggi e delle loro abilità le lotte diventeranno molto piatte e poco interessanti a causa di un potenziamento molto rapido. 
Lo sviluppo dei personaggi è legato al salire di livello e al migliorare determinate caratteristiche, come velocità, attacco, schivata, oppure al migliorare le abilità di ciascun personaggio. 
La struttura tipica dei GDR è ridotta all'osso, anche per andare incontro ad un pubblico più giovane.
Lo stile grafico, colorato e vivace, riesce a catturare le caratteristiche della serie animata ma questo non basta a farci chiudere un occhio su alcuni difetti. Le animazioni lasciano molto a desiderare e ricordano dei titoli usciti anni e anni fa. Alcuni glitch e cali di frame rate ci hanno fatto storcere il naso ma una patch correttiva, rilasciata al Day One, dovrebbe risolvere questi piccoli problemi che, sebbene non intacchino particolarmente la nostra esperienza, non ci aspettavamo di vedere in un gioco con una veste grafica così semplice.
Il grado di sfida potrebbe deludervi un po', così come anche la breve longevità ma e non ne avete mai abbastanza delle Finnastiche avventure di Adventure time, Adventure Time: I Pirati dell'Enchiridion è il gioco che fa per voi, colorato, divertente e pieno dello stesso esilarante umorismo della serie animata.

Daniele Cicarelli

Indigente giramondo con la grande passione per i videogiochi, l'Arte e tutte le storie Fantasy e Sci-Fi che parlano di mondi alternativi senza zanzare. Fermo sostenitore dell'innovazione, del progresso tecnologico e della superiorità del Tipo Erba. Dalla parte dei Villains dal 1991.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button