News

Star Wars Rebels non è per bambini

Partiamo dal presupposto che, nonostante sia una serie animata realizzata con la tecnica 3D CGI, Star Wars Rebels non è un prodotto per bambini, il secondo errore è sottovalutarlo perché è un prodotto Disney. Abbiamo visto la prima stagione e possiamo affermare tranquillamente che questa serie si incastra benissimo nell'universo di Star Wars e non è da meno dal resto dell'universo di SW.
Vi avvisiamo che potrebbero esserci spoiler in questa articolo, per cui leggete a vostro rischio e pericolo.
Star Wars Rebels segue l’epica tradizione della leggendaria saga con nuove avventure. Le vicende narrate nella serie si collocano quattordici anni dopo il film Star Wars Episodio III: La vendetta dei Sith e cinque anni prima di Star Wars Episodio IV: Una nuova speranza. La serie animata si svolge dunque in un momento in cui l’Impero sembra aver preso il sopravvento ed è riuscito a spazzare via la resistenza dei Jedi grazie ad Anakin Skywalker diventato Darth Vader, mentre una ribellione alle prime armi contro l'Impero sta prendendo forma. 
Chi sono i protagonisti della serie? Un gruppo di ribelli che viaggia in un'astronave e sabota l'impero tramite furti, spionaggio e salvataggio di persone innocenti.
Kanar Jarrus è un Jedi sarcastico attento alle mosse dell’Impero; Ezra Bridger è un ladro quattordicenne piuttosto egocentrico che però è in grado di usare, anche se inizialmente in maniera del tutto inconsapevole, la Forza. Ezra è un orfano smarrito che entra nel gruppo quasi casualmente, soprattutto dopo aver visto Kanar in azione mentre salvava un gruppo di Wookiee prigionieri dell'Impero. Fra i due si crea un legame maestro – allievo padawan diverso da quelli che lo spettatore è abituato a vedere in passato ma che crea una sorta di nostalgia. 
Oltre ai due Jedi, nel team fanno parte Garazeb "Zeb" Orrelios, alieno lasat ed esperto combattente (basato sui concept iniziali di Chewbacca), C1-10 Chopper, l'astromeccanico costruito con pezzi di ricambio e Sabine Wren, un’artista mandaloriana esperta di armi ed esplosivi. Infine abbiamo la materna Hera Syndulla, una Twi'lek che possiede e pilota lo Spettro e rappresenta il cuore del gruppo.
L'apertura del primo episodio della serie estesa ci fa comprendere che non è un prodotto per bambini o per chi non ha mai visto i sei film antecedenti. Nei primi secondi si vede Darth Vader suggestivo che da' un ordine preciso al suo subordinato, l'Inquisitore: scovare Ahsoka e i figli della forza e impedir loro che diventino Jedi, distruggendoli o portandoli al lato oscuro. Pochi attimi di visibilità, quanto basta per sentire la sua presenza per tutta la serie e provare un brivido lungo la schiena. 
Ogni volta che si ascolta la marcia imperiale si pensa automaticamente a lui, a volte si rimane delusi nel vedere qualche suo subordinato che ne fa le veci e non Darth Vader in carne ed ossa ma tutto fa parte di un piano più grande. 
Come però Darth Vader è una presenza costante, anche Obi-wan Kenobi e il maestro Yoda fanno sentire spesso i loro messaggi attraverso gli insegnamenti appresi da Kanar Jarrus che, a sua volta, vuole trasmettere al suo padawan Ezra. Il maestro Yoda addirittura riesce a raggiungere la mente del giovane Ezra, facendo provare allo spettatore commozione nel capire che i jedi non sono stati abbandonati al loro destino.  
14njjh1
Le storie dei protagonisti/antagonisti sono alquanto tragiche: morte e sterminio di una specie sono all'ordine del giorno, uccisione di generali che non hanno adempito ai loro doveri e uccisione di stormtrooper. Gli argomenti trattati non sono adatti ad un pubblico molto giovane, per cui ecco che la Disney mette il suo zampino. Il trio Ezra – Zeb – Chopper è il terzetto comico della serie che dovrebbe alleggerire la storia ma che in realtà risulta altamente fuori luogo per un appassionato della serie. Battute e gag non fanno dimenticare il trauma di Ezra nello scoprire il motivo per cui sono morti i suoi genitori, non permette allo spettatore di lasciar correre il fatto che gli alieni lasat sono stati quasi tutti sterminati. 
Il più delle volte le gag servono per causare un incidente/un avvenimento che verrà risolto nel corso dell'episodio ma fa sembrare allo spettatore una storia che poteva essere tralasciata tranquillamente. In quattordici episodi almeno quattro sono di questa tipologia e fanno perdere un po' di valore alla serie.
Per il resto, la storia è accattivante: nella prima stagione vi sono molti riferimenti agli avvenimenti della Trilogia Prequel e della serie Star Wars: The Clone Wars.
Nel secondo episodio appaiono subito personaggi come C-3PO e R2-D2, il cui padrone attuale è il principe Bail Prestor Organa di Alderaan, membro dell'Alleanza Ribelle e padre adottivo della principessa Leila. Oltre loro compaiono o vengono nominati personaggi che ogni appassionato della saga dovrebbe conoscere. 
Dall'ottavo episodio in poi si entra nel vivo della storia con Il cammino dello Jedi, dove Ezra viene portato al tempio per verificare se è realmente pronto a diventare uno jedi o se la paura lo possa trascinare nel lato oscuro. 
Dopo alcuni eventi chiave nella serie, il team ribelle decide di raggiungere la torre di comunicazione più alta di Lothal, utilizzata per trasmettere messaggi dell'Impero, per diffondere messaggi propagandistici anti-Impero. Il messaggio riesce ad infondere coraggio e speranza ai sudditi ma, allo stesso tempo, la trasmissione ha attirato l'attenzione delle sfere alte dell'Impero. La serie si conclude con la decisione dell'Imperatore Palpatine di inviare un potente alleato per contrastare l'insurrezione ribelle: il temuto Darth Vader che tutti gli spettatori stavano aspettando.
La seconda stagione andrà in onda dal 14 ottobre su Disney XD e prevede forti sviluppi della trama. L'arrivo di Darth Vader fa prevedere che possa concludersi con un finale definitivo.  La cosa certa è che, tecnicamente, tutti i jedi dovranno per forza di cose morire e molti fan stanno aspettando la Disney al varco.

Rita Romano

Una giovane nerd emigrante che continua a seguire le sue passioni nonostante le avversitá della vita. Libri e manga nella sua libreria non mancano mai, adesso anche in tedesco. Se volete tentare di corromperla, provate a metterle davanti un Charmender, un felino o un piatto di lasagna.

Ti potrebbero interessare anche:

Commenti

  1. Ho visto la prima stagione e, almeno nella prima parte, devo dissentire. Purtroppo molti temi vengono accennati o trattati in modo volutamente superficiale. SW Rebels é una serie pensata per un pubblico molto giovane ma che puó piacere anche ad un pubblico un po’ piú maturo. Da questo punto di vista The Clone Wars era mille volte meglio, soprattutto gli ultimi epìsodi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button