Intrattenimento

Prime immagini del Dracula di Moffat e Gatiss

I creatori di Sherlock si dedicano a Dracula

Mark Gatiss e Steven Moffat hanno lavorato come sceneggiatori di alcuni episodi delle ultime serie di Doctor Who e sono i creatori della nuova incarnazione di Sherlock. Il loro ultimo progetto è una serie su Dracula che sarà disponibile per Netflix. Mesi fa era stata annunciata la scelta di affidare il ruolo a Claes Bang (The Square, Millenium).

La nuova incarnazione di Dracula

Dracula Claes Bang

Il personaggio del Conte Dracula, nato sulle pagine dell’omonimo libro di Bram Stoker, è stato rappresentato innumerevoli volte nella storia del cinema. La prima versione a raggiungere un’ampia popolarità risale al 1922, il Nosferatu di Murnau: il regista apportò alcune modifiche ai nomi di luoghi e personaggi per questioni legate ai diritti del libro. Film muto e in bianco e nero, ancora oggi ha un’aria paurosa, forse dovuta ai quasi cent’anni che la pellicola si porta sulle spalle.

Altro successo internazionale è stato il Dracula del 1931 di Browning, una produzione della Universal che lanciò Bela Lugosi come icona del genere horror. La sua interpretazione è considerata ancora oggi fra le migliori dai fan del vampiro. Questo film aprì la strada ad una serie di sequel, dove però a volte Dracula viene solo nominato. Quasi trent’anni dopo la pellicola di Browning, tocca alla Hammer Film Production, casa di produzione britannica, far risorgere il vampiro più famoso facendolo interpretare a Christopher Lee. I film della Hammer, girati in technicolor, introducono il sangue, la violenza e un velato erotismo.

Queste sono le incarnazioni cinematografiche più famose e durature, ma negli anni Dracula non ha mai smesso di affascinare attori e registi. Ad esempio, Francis Ford Coppola diresse Dracula di Bram Stoker nel 1992 e Mel Brooks gli fece eco con una parodia interpretata da Leslie Nielsen (Dracula morto e contento, 1995).

Ora il vampiro tornerà nelle mani degli inglesi come già è accaduto con la Hammer, e confidiamo che sapranno fare un ottimo lavoro. La serie di Gatiss e Moffat non sarà una rivisitazione in chiave moderna come è stato per Sherlock, ma verrà ambientata nel 1897. Inoltre sarà formata da tre episodi di lunga durata.

[amazon_link asins=’8804671610,B0041KW1H0,B07Q47ZRC6′ template=’ProductCarousel’ store=’bolongia-21′ marketplace=’IT’ link_id=’813a7a01-260f-43fe-956f-3609234846de’]

Da non perdere questa settimana su Orgoglionerd

 

🐲House of the Dragon: la Westeros che (ri)conosciamo
 
🎰 Gainax, lo studio che creò Evangelion, dichiara bancarotta
 
🏴‍☠️Lorenzo Simonelli vince ancora in nome di One Piece
 
✒️ La nostra imperdibile newsletter Caffellattech! Iscriviti qui
 
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
 
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
 
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
 
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
 
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

 

Source
https://comicbook.com/horror/2019/07/08/dracula-tv-show-2019-spoilers-reboot-photos-steven-moffat/

Autore

  • Francesco Briola

    Videogiocatore di vecchia data, estimatore di serie d'animazione e film, divoratore di documentari. Parafrasando Sin City, "ha avuto la sfortuna di nascere nel secolo sbagliato": per lui le automobili sono carrozze senza cavalli e sostiene che una spada sia mille volte più affascinante di una qualunque arma da fuoco. Schivo e riservato, è ancora a disagio nel rileggere queste tre righe.

    Visualizza tutti gli articoli

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button