Intrattenimento

Moss – An unexpected journey

Quando eravamo dei teneri pargoletti, dopo una lunga giornata passata fra giochi, compiti e altre attività dell'infanzia, il momento della giornata che più attendevamo era il rimbocco delle coperte seguito dalla dolce fiaba serale. Questo appuntamento giornaliero, tipico della fanciullezza di molti, con il passare degli anni è andato perduto, ma grazie a Moss, videogioco sviluppato per Playstation VR da Polyarc, il ricordo di quei momenti è tornato con noi. Moss è un titolo che ci ha conquistati e vi spieghiamo perché non dovete lasciarvelo sfuggire.


Un libro posto su un leggio attira la nostra attenzione, l'accattivante copertina farebbe venire voglia a chiunque di sbirciare il suo contenuto, e una volta iniziata la storia non si potrà fare a meno di leggerla tutto d'un fiato. Moss è il titolo della fiaba capace di catturare l'attenzione del lettore a tal punto da renderlo partecipe attivamente al suo interno, facendogli assumere le sembianze di un essere che ci ha ricordato molto i senza volto presenti nella Città Incantata del regista Miyazaki.
In questa storia semplice e incantevole, si creerà un legame tra voi, ovvero il "Lettore" e la piccola topina Quill, dall'aspetto così fragile, ma allo stesso tempo forte di carattere e con un enorme coraggio. Quill intraprenderà quest'avventura, piena di pericoli ed enigmi, per ritrovare e salvare suo zio Argus, scomparso in circostanze misteriose, e noi saremo lì al suo fianco per darle una mano.
Potremo aiutare Quill tramite l'uso del sensore di movimento del Dualshock 4: attraverso la pressione di un tasto potremo infatti interagire con i vari elementi presenti nell'ambiente di gioco. Per risolvere gli enigmi, fulcro di quest'esperienza, dovremo infatti spostare piattaforme, oggetti e prendere possesso dei nemici, inoltre potremo anche controllare liberamente Quill, che sarà in grado di saltare, schivare e attaccare gli avversari. Se la nostra topolina subirà dei danni, a causa dei nemici o delle circostanze ambientali, potremo farle recuperare energia grazie al potere del Lettore, puntandola e scuotendo il joypad, questo le permetterà di riacquistare immediatamente le forze. La difficoltà del gioco non sarà molto alta, e difficilmente vi potrà capitare di restare bloccati a lungo su una specifica parte, ma ciò non penalizza il titolo che è da vivere come una vera e propria esperienza fiabesca, coinvolgente come non mai grazie alla tecnologia del VR.

Ogni pagina del libro corrisponde ad uno scenario in cui potremo immergerci; questi sono ben realizzati e sarà divertente soffermarsi all'interno di essi per cercare collezionabili, passaggi segreti e trappole nascoste. Il fattore immersività proposto dal titolo è totale, e nelle poche ore di gioco proposte, circa quattro, non potrete fare a meno di fermarvi insieme a Quill per ammirare il paesaggio che vi circonda, caratterizzato da un level design sopraffino e dall'elevata bellezza artistica. Tecnicamente infatti Moss è uno dei titoli che dà più soddisfazioni nel panorama di PlayStation VR, inoltre la mancanza di movimenti rapidi e repentini previene anche il pericolo di motion sickness, totalmente assente nella nostra esperienza.
In conclusione, Moss è un action/adventure con elementi da puzzle game, capace di esprimere le vere potenzialità del VR, cosa che lo rende un prodotto immancabile nella collezione di ogni possessore del visore per la realtà virtuale di Sony.  Il titolo di Polyarc è un racconto che vi farà tornare bambini, rapiti da una fiaba maestosa che ammalierà il giocatore per tutta la sua durata.

Daniele Morabito

Amante di tecnologia e videogiochi, vorrebbe averli tutti ma è limitato dallo spazio della sua dimora. Gli piace collezionare oggetti come action figure, leggere fumetti e libri. Vorrebbe assaggiare ogni cibo di questa terra.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button