Cultura e SocietàIntrattenimentoNews

“Macchine come me”, il nuovo romanzo di Ian McEwan

Nella collana Supercoralli Einaudi, un’opera che mette in dubbio il confine tra uomo e tecnologia

È in arrivo una nuova appassionante storia scritta da uno degli autori britannici più apprezzati di sempre: Ian McEwan. Il nuovo romanzo si chiamerà Macchine come me e sarà edito da Giulio Einaudi Editore con la traduzione di Susanna Basso, traduttrice di McEwan, Jane Austen, Julian Barnes ed Elizabeth Strout.

Ian-McEwan-Macchine-come-me

Macchine come me è ambientato nel 1982 e racconta le vicende che riguardano il trentaduenne Charlie Friend. Con l’eredità di cui è entrato in possesso dopo la morte della madre, Charlie avrebbe potuto acquistare un appartamento nella zona più elegante di Londra, sposare l’attraente vicina Miranda e poter così coronare il suo desiderio più grande: vivere una vita tranquilla insieme alla donna che però non pare essere interessata a lui. In questo 1982 alternativo i Beatles hanno ripreso a suonare insieme, la voce di John Lennon rimbalza da una strada all’altra dell’Inghilterra, la guerra delle Falkland è agli sgoccioli e Alan Turing è sopravvissuto e ha sviluppato nuove tecnologie figlie di questi anni «alternativi».

Il ragazzo alla fine acquista una macchina con nome, corpo e coscienza propria: si chiama Adam ed è un androide dalle sembianze umane. È intelligente e capace di tutto; Charlie è sicuro che possa aiutarlo a rompere la barriera che c’è tra lui e l’affascinante vicina di casa. Grazie all’androide riesce infatti ad avvicinare la ragazza, ma uno straziante dilemma metterà la loro relazione in pericolo.

Il nuovo romanzo di Ian McEwan conterà circa trecento pagine e avrà un prezzo di copertina di 19,50 euro. Sarà disponibile in libreria o negli store online a partire dal 3 settembre.

L’autore

Ian McEwan, classe 1948, è uno scrittore e sceneggiatore inglese. Tra le sue opere più famose troviamo Espiazione (2002), L’amore fatale (1997), Il giardino di cemento (1980) e Amsterdam, romanzo che nel 1998 gli ha permesso di vincere il celebre Booker Prize.

Source
einaudi.it

Nicolò Monti

Lettore e gran bevitore di caffè, rigorosamente non zuccherato. Appassionato di storie ambientate in Scandinavia e in Islanda. Divoratore di musica nel tempo libero.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button