Cultura e Società

Kyoto Animation: le parole del presidente Hideaki Hatta sull’incendio

Intanto aumenta il bilancio delle vittime...

In un’intervista rilasciata ai mass media, Hideaki Hatta, il presidente della Kyoto Animation, ha rilasciato aggiornamenti sul tragico evento che ha colpito la sua azienda. Purtroppo l’incendio ha causato ingenti danni: “L’ammontare dei danni materiali? Estremo. Non ho nemmeno tutti i dettagli”. Un evento che ha colpito nel profondo il presidente. “Sono col cuore spezzato, non ce la faccio, neanche nei miei incubi avrei mai e poi mai immaginato che un tale disastro potesse accadere”. Ha così concluso: “Questo è un colpo durissimo per la nostra compagnia e per l’industria dell’animazione. Ognuno di loro era un eccellente e meraviglioso collega”.

Nelle ultime ore è salito il bilancio delle vittime del rogo della Kyoto Animation. L’incendio, che sarebbe stato causato giovedì da un uomo identificato ieri come Aoba Shinji, conta 34 vittime. Non si conosce ancora l’identità, ciò che è noto è che tra di loro ci sono molte donne. Secondo il quotidiano di giapponese “Kyoto Shimbun”, dopo essere stato catturato, l’uomo avrebbe iniziato a urlare “Mi hanno rubato le idee” e “Hanno rubato il mio romanzo, per questo l’ho fatto!”.

Ricordiamo che la Kyoto Animation, spesso abbreviata in “KyoAni”, è un pluripremiato studio d’animazione giapponese fondato nel 1981, considerato uno tra i migliori al mondo per il suo eccezionale comparto tecnico e famoso, tra l’altro, per capolavori come A Silent Voice – La forma della voce e Violet Evergarden. Quella avvenuta giovedì scorso è una tragedia che ha colpito in maniera profonda tutti gli amanti del genere, purtroppo il gesto di un folle ha portato via 34 innocenti.

Source
https://comicbook.com/anime

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button