News

Golgo: omicidio al museo

Milano, Cronaca nera, 26 giugno. Trovato un cadavere di un maschio, bianco, sulla quarantina d’anni d’identità sconosciuta. La vittima è stata uccisa con un preciso colpo di arma da fuoco alla testa. La polizia ha trovato sul cadavere passaporto e documenti falsi, le indagini sono ancora in corso ma si pensa possa appartenere a qualche organizzazione criminale straniera. Probabilmente si tratta di un regolamento di conti fra alcune bande secondo i sospetti  della polizia. “L’esecuzione è sicuramente stata fatta da un killer professionista, il colpo è stato esploso da un fucile da cecchino ad una distanza ai limiti dell’incredibile, secondo i dati balistici rilevati”. Queste le parole del capo della scientifica, che aggiunge che non è stata ritrovata nessuna traccia di bossoli, polvere da sparo o altro dai probabili luoghi in cui il colpo è stato sparato. Le indagini sono a un punto morto, l’unica pista plausibile sembra quella riguardo un sospetto che alcune persone hanno notato aggirarsi nella zona dell’omicidio nei giorni precedenti. Secondo i testimoni si trattava di un Giapponese, o forse un mezzo Giapponese, vestito elegante, con giacca bianca e cravatta rossa, che portava sempre con sé una ventiquattrore nera. Nonostante le ricerche a tappeto nella zona da parte delle forze dell’ordine non ci sono stati risultati significativi, il misterioso straniero pare sparito nel nulla, quasi come se non fosse mai esistito…

Per tutti gli amanti del fumetto d’autore e delle storie noir d’altri tempi, al museo Wow Spazio Fumetto di Milano potrete vedere la mostra: “Milano spara, Golgo 13 risponde”, realizzata grazie alla collaborazione fra Wow, J-pop e Orgoglio Nerd. Dentro la mostra potrete ammirare due illustrazioni originali provenienti direttamente dal Giappone del maestro Takao Saito, la tavola omaggio dell’artista Andrea Accardi creata in onore della mostra, un'installazione dedicata al personaggio di Duke Togo realizzata da Orgoglio Nerd e molto altro. Inoltre, al Bookshop del museo si potranno acquistare i cofanetti contenenti tutti e tre i volumi del manga di Golgo 13 forniti da J-pop. Il personaggio di Golgo 13 rappresenta un'icona nel panorama fumettistico giapponese, già solo perché detiene il record di manga più longevo esistente con i suoi 160 e oltre numeri. Ma Golgo è anche un personaggio che tutti i Giapponesi conoscono, ai livelli di Black Jack o Tetsuwan Atom di Osamu Tezuka. Le sue storie hanno appassionato generazioni di lettori e continuano ancora a farlo. Punto forte di questo manga sono proprio le storie, molto varie, in cui vengono affrontati i temi più disparati, inoltre le sceneggiature sono curate fin nei minimi dettagli, con puntigliosa ricerca di materiale e idee da parte dell’autore. J-pop ha avuto l’onore di presentare in Italia per la prima volta una selezione dedicata alle 13 storie scelte dall’autore dedicate all’assassino più famoso del Giappone, divise in tre volumi di lusso e già disponibili in tutte le fumetterie (Qui la nostra recensione e qui la gallery completa).

Per chiunque voglia conoscere meglio questo pezzo di storia del manga giapponese consigliamo, oltre ovviamente alla lettura del manga, di visitare la mostra, completamente gratuita, al museo Wow di Milano. La mostra, iniziata il 26 giugno, durerà fino all’8 luglio, gli orari e i giorni di apertura del museo sono: dal martedì al venerdì dalle 15 alle 19, mentre il sabato e la domenica dalle 15 alle 20. Dunque se siete in zona vi consigliamo di andarci, non vorrete mica far arrabbiare Golgo, vero?

Silvio Mazzitelli

Di stirpe vichinga, sono conosciuto soprattutto con il soprannome “Shiruz”, tanto che quasi dimentico il mio vero nome. Videogiocatore incallito sin dall’alba dei tempi, adoro il mondo videoludico perché dopo tanto tempo riesce sempre a sorprendermi come la prima volta. Scrivo ormai da diversi anni di questa mia passione per poterla condividere con tutti. Sono uno dei fondatori di Orgoglio Nerd e sono anche appassionato di tutto ciò che riguarda la cultura giapponese e la mitologia (in particolare quella nordica).

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button