News

Big Hero Six: il primo film animato a tema Marvel targato Disney

La prima cosa che ci siamo chiesti (fin dai tempi di questo articolo) , e anche la prima che abbiamo chiesto a Roy “Salvatore” Conli, è stata quella che ci bruciava dentro in qualità di fan Marvel.
Abbiamo da tempo digerito la notizia dell'acquisizione della Marvel da parte della Disney, ci siamo rilassati quando ci siamo resi conto che le pellicole, per lo più, non sono cambiate e, una volta abituati alle gag tutto si è acquietato.
Poi però i più sensibili di noi hanno di nuovo drizzato le antenne all'annuncio di Big Hero Six. Un film d'animazione tratto da un fumetto Marvel? Un film d'animazione Disney?
E, come se non bastasse, una pellicola Disney, tratta da un fumetto Marvel con forti influenze Manga/Anime. Sacrilegio.
A questo punto i puristi, quelli che “se il film non è identico al fumetto è sbagliato” sono a defcon 1, hanno già dichiarato la legge marziale e stanno lustrando il loro elmetto.
Tuttavia noi siamo qui per farli desistere, calmare loro e informare tutti gli altri curiosi.
La prima cosa che ci siamo chiesti e che abbiamo domandato al produttore di Big Hero Six ( ma anche di Frozen, il Gobbo di Notredame e i Pianeta del Tesoro) è stata: “Big Hero Six quale tipo di rapporto avrà con le altre pellicole Marvel, sarà in continuity?
Avevamo già visto numerose clip della pellicola, Milano è stata la prima tappa del lungo tour mondiale di presentazione del film e, i nostri occhi, riflettevano già le potenzialità di una storia innovativa.
Non parliamo di innovazione sulla storia di partenza parliamo di cuore, come spesso accade Disney usa uno spunto già esistente (che sia una fiaba o un comics poco importa) e lo fa suo per regalarci una personalissima versione.

La risposta è stata no, Big Hero Six parla di un gruppo di eroi nella città immaginaria di San Franstokyo (dallo stile BladeRunnieriano) in un universo alternativo e, anche se in casa Marvel di dimensioni parallele ce ne sono anche troppe, non avrà niente a che fare con i Marvel in live action.
L'unico punto in comune, a detta di Conli, sarà il cuore e, proprio come il pubblico si è innamorato di Tony Stark, si ritroverà a fare il tifo per il giovane Hiro.
Già nelle brevi clip abbiamo però notato numerose citazioni, partendo dalla semplice posa “alla IronMan” di Baymax (il robot gonfiabile di Hiro) fino a tutti i poster dedicati a Mazinga e all'epoca d'oro dei robottoni, perciò qualcosa di più grosso bolle in pentola.
Dal canto nostro siamo rimasti assolutamente affascinati dalla presentazione, Big Hero Six si rivelerà il 18 Dicembre e noi saremo in prima fila al cinema.
In particolare per ammirare di nuovo il poetico cortometraggio in computer grafica “Feast” (antipasto) che abbiamo avuto l'onore di visionare in anteprima e che vi strapperà qualche lacrima.

Se vi aspettate  una “nuova edizione” degli Incredibili, sbagliate di grosso. Big Hero Six si discosta anche dall'opera originale Marvel e siamo sicuri che ci regalerà emozioni mai provate prima!

Ti potrebbero interessare anche:

Commenti

  1. Avrei da ridire sul “le pellicole, per lo più, non sono cambiate”. Iron Man 3 è stata il chiaro esempio di come la Disney abbia lobotomizzato il cervello degli sceneggiatori. Lo si evince tra le altre, da tutta la parte centrale col bimbominkia.

  2. Iron Man 3 è stato un errore, ma non credo sia colpa della disney, in quel film non funziona niente e basta. Anche perchè tutti quelli usciti dopo sono di ben altro livello!

  3. Concordo con il commento di Emiliano: forse il cambiamento targato Disney non é stato dirompente ma la differenza si é notata tantissimo, soprattutto nel caso Iron Man 3! Praticamente é passato dall’essere un film d’azione con momenti di tensione adrenalinica (ok, forse sto un po’ esagerando) a una specie di brodaglia riscaldata per famiglie. Persino nei Guardiani della Galassia si notta il “tocco disneyano” volto a rendere tutto piú stereotipato, colorato e pacioccoso. E neppure Thor ha passato indenne il “restyling” della casa di Topolino. Vi sfido a rivedere tutti i film targati Marvel Studios prima e dopo l’arrivo della Disney. La sensazione complessiva sarà quella di film piú leggeri, dalla trama meno complicata e con parecchie scene dirette ad un pubblico piú o meno infantile. Per questo attendo con timore l’uscita del seguito di Avengers… cosa ci possiamo aspettare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button