Cultura e SocietàEventi e MostreNews

Ecco gli appuntamenti del Museo Egizio di Torino a fine giugno

Da Cleopatra al sito archeologico di Qau el-Kebir

Previsti due appuntamenti presso il Museo Egizio di Torino per fine giugno. Il primo è un nuovo appuntamento del ciclo incontri con gli autori. La Prof.ssa Livia Capponi e il Direttore del Museo Egizio, Christian Greco, parleranno della figura della regina Cleopatra. Durante il secondo incontro invece, Tommaso Montonati, egittologo del Museo Egizio, ci porterà alla scoperta del sito archeologico di Qau el-Kebir. Inoltre ogni sabato sera di luglio e agosto al Museo è prevista l’ apertura straordinaria fino alle 22:00 con ingresso a tariffa unica € 5,00 a partire dalle 18:00.

Il Museo Egizio di Torino ospita due appuntamenti imperdibili

Martedì 28 giugno ore 18.00 presso la Sala Conferenze del Museo Egizio, si terrà la conferenza su Cleopatra. L’appuntamento fa parte del ciclo incontri con gli autori e sarà tenuto dalla Prof.ssa Livia Capponi insieme al Direttore del Museo Egizio, Christian Greco. Avida, sanguinaria, assetata di potere, ma insieme intelligentissima, seducente e colta. Chi era davvero Cleopatra? L’incontro restituirà la verità storica alla straordinaria figura dell’ultima e più famosa regina della dinastia tolemaica. La vita di Cleopatra ci parla dei rapporti tra Roma e l’Egitto; ci porta a ripercorrere le storie d’amore e di politica intrecciate con Giulio Cesare e con Antonio. Rappresenta, infine, un punto di vista privilegiato per ripercorrere i principali eventi accaduti nel I secolo a.C. su tutti i paesi affacciati sul Mediterraneo, e in parte dell’Asia.

Sito Archeologico Qau El Kebirmuseo Egizio Torino

Giovedì 30 giugno ore 18.00 presso la Sala Conferenze del Museo Egizio, l’egittologo del Museo, Tommaso Montonati, ci porterà alla scoperta del sito archeologico di Qau el-Kebir. La necropoli rupestre di Qau el-Kebir, nel X nomo (provincia) dell’Alto Egitto, è un’area indissolubilmente legata al Museo Egizio di Torino. Fu infatti esplorata dal Museo nel 1905 e nel 1906, sotto la direzione di Ernesto Schiaparelli. Dagli scavi sono emerse imponenti tombe nobiliari appartenenti ai governatori della provincia. Oltre agli eccezionali reperti integri furono rinvenuti, e portati a Torino, anche migliaia di frammenti, di statue, pareti e soffitti decorati. Questi hanno rivelato, soltanto in minima parte, lo splendore che un tempo doveva essere presente all’interno delle tombe, insieme alla sfarzosità delle élites provinciali. Entrambi gli appuntamenti saranno trasmessi anche in streaming sulla pagina Facebook e sul canale YouTube del Museo.

Marzia Ramella

Scrivo di libri, film, tecnologia e cultura. Ho diversi interessi, sono molto curiosa. La mia più grande passione però sono i libri: ho lavorato in biblioteca, poi in diverse case editrici e ora ne scrivo su Orgoglionerd.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button