Cinema e Serie TV

Ci sarà un sequel per Scary Stories to tell in the Dark

Lionsgate decisa a puntare su un secondo capitolo

Dopo l’ottimo riscontro, per botteghino e critica, del primo capitolo, Lionsgate ha deciso di puntare su un sequel di Scary Stories To Tell in the Dark. Secondo Deadline lo show vedrà Andre Overdal alla regia. Prima di uscire con Scary Stories, Overdal si è fatto un nome con film di genere indipendente come Trollhunters e The Autopsy of Jane Doe. Sebbene non ci sia ancora conferma, è possibile che il produttore Guillermo Del Toro torni a supervisionare la produzione del film. Considerando il successo del progetto originale, un sequel è certamente di facile sviluppo dato che il film ha raddoppiato il suo budget di produzione di 28 milioni di dollari.

Il film Scary Stories to Tell in the Dark è un adattamento di una serie di libri pieni di racconti spaventosi. Scritti da Alvin Schwartz e con terrificanti illustrazioni di Stephen Gammell. Il primo dei tre libri è stato pubblicato nel 1981. Sull’aggregatore Rotten Tomatoes il film riceve il 78% delle recensioni professionali positive con un voto medio di 6,46 su 10 basato su 220 critiche. Su Metacritic ottiene un punteggio di 61 su 100 basato su 33 recensioni. Evry, critico di ComingSoon.net, posiziona il film al decimo posto tra i miglior del 2019.

Ottimi incassi per Scary Stories To Tell in the Dark

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 9 agosto 2019 ed in quelle italiane dal 24 ottobre dello stesso anno. Prodotto da Guillermo Del Toro, in Italia Scary Stories To Tell in the Dark ha incassato nelle prime 11 settimane di programmazione 662 mila euro e 281 mila euro nel primo weekend.

Offerta
Scary Stories - To Tell In The Dark Combo (Br+Dv)
  • x
  • x
  • x
  • Zoe Margaret Colletti, Michael Garza, Gabriel Rush (Actor)

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button