News

O.N. VS Mists of Pandaria: intervista a Tom Chilton

Oggi 25 settembre è la data ufficiale di lancio dell'ultima (per adesso) espansione di World of Warcraft: Mists of Pandaria. Ieri la giornata è stata dedicata alla sua presentazione, con una serata speciale e ospiti d'eccezione: Tom Chilton, direttore di gioco (quello che decide ciò che succede nel videogame insomma) e Terrie Denman, artista senior specializzata nell'animazione. 
Noi di Orgoglio Nerd non potevamo lasciarci sfuggire l'occasione e li abbiamo intervistati per voi.
O.N.: Cominciamo con una domanda sul gameplay.  Una delle più grandi novità riguarda il sistema dei talent tree: cos’è cambiato e perché?

Tom Chilton: Il cambiamento è avvenuto prima ma anche durante il rilascio della beta, perché c’era troppo poco spazio per caratterizzazione personale. Ci siamo ispirati così alle meccaniche di Diablo per rendere più personalizzabile ma al contempo più semplice la scelta dei talenti. Infatti fino a Cataclysm, ogni classe aveva troppe possibilità di scelta, che però non venivano sfruttate perché nei forum si diffondeva rapidamente la voce della miglior combinazione di talenti possibile, così tutta la varietà disponibile non veniva sfruttata. Con un sistema di talenti così diverso e ridotto, sicuramente sarà più vario e meno dispersivo scegliere ciò che si preferisce.
O.N.: Nelle altre espansioni, abbiamo sempre visto nemici sempre più forti che minacciavano di distruggere Azeroth: ora ci sono i panda, che di minaccioso non hanno molto. E’ una sorta di quiete prima della tempesta?

C: Naturalmente non mi posso sbilanciare, ma è innegabile che sia una quiete prima della tempesta. Il motivo di questa calma è che il gioco e i giocatori avevano bisogno di rilassarsi, di guardare di più alla storia, ai paesaggi, senza stressarsi per un gioco. Prima c’erano troppi input, troppe cose a cui pensare: quest’espansione è davvero un relax.
O.N.: Terrie e Tom, entrambi lavorate in un ambito in cui moltissimi nerd vorrebbero entrare. Era il vostro sogno fin da piccoli o è stato altro a portarvi fin qui?

C: Mi sono affacciato al mondo dei computer a 12 anni e da quel momento non l’ho più lasciato, tutto qui.
Terrie Denman: Sono sempre stata appassionata di animazione e da lì ai videogame il passo è breve: ho avuto molta fortuna e ho realizzato un sogno.
O.N.: Ora una domanda antipatica. Molti fan collegano i Pandaren a Kung Fu Panda: qual è la vostra politica a riguardo?

C: Come sapete, i Pandaren sono nati molto prima anche solo del concept di Kung Fu Panda. A livello grafico e di sviluppo, traiamo ispirazione da lì, sicuramente, ma allo stesso modo moltissimi altri videogiochi, film, serie tv… E poi i nostri panda bevono birra!
O.N.: Giochi anche a WoW oltre a “crearlo”? Qual è la tua classe preferita?

C: Ovviamente gioco e non ho una classe preferita, non me lo posso permettere, sarebbe un grosso problema se non amassi ogni personaggio come un padre ama tutti i suoi figli.
O.N.: E giocate ad altri videogame o giochi di ruolo?

C: Sì certo, oltre a Ultima Online, anche a Skyrim… e in gioventù a Dungeons and Dragons, ma ora non ho più tempo purtroppo.
D: Ultimamente mi sto appassionando molto a Guild Wars, ma non ho tempo per altro.
ON: Per chiudere, la domanda di rito per noi di ON. Quale super potere vorreste avere?

C: Viaggiare nel tempo!
D: Penso la rigenerazione, ma non saprei, ci sono molte cose che vorrei!
La serata ha avuto una portata eccezionale: centinaia di fan in attesa davanti all'ingresso dei Magazzini Generali, qualche cosplay e tanta voglia di portare a casa i premi in palio proprio per i giocatori italiani. Quello di Milano è stato il primo evento ufficiale organizzato dalla Blizzard in Italia, in occasione della prima espansione di WoW che comprende la lingua italiana tra le scelte. Prima del collegamento alle 22.30 con Parigi, Londra, Madrid, Mosca, Colonia e Stoccolma, si sono susseguiti sul palco artisti (Silvia Emme, Sand artist), giocatori dell'orda e dell'alleanza più o meno famosi, da Daniele Bossari a Marsala e i suoi gildani Rock'n'Lol e tanti tanti altri gamer, che si sono sfidati in giochi di abilità costruttiva con i Mega Blocks e quiz inerenti al mondo di Warcraft per poter vincere tanti premi, fino al culmine della serata a mezzanotte quando ufficialmente ha preso vita il nuovo continente di Pandaria. Ecco qui le nostre foto dell'evento e dell'intervista!
Adesso non resta che verificare di persona se quest'espansione è degna di tutte le altre!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button