Intrattenimento

Longinus: in arrivo la prima serie tv di Dario Argento

Sarà un thriller diviso tra reale e soprannaturale

Dario Argento ha presentato Longinus, una serie tv co-prodotta da Publispei e BIM Produzione. Il regista, nella sua lunga carriera, si cimenta per la prima volta in una serie tv. La sinossi ufficiale ci ricorda che, episodio dopo episodio, il regista introdurrà i telespettatori nel suo mondo oscuro e ricco di mistero. Il thriller si divide tra il reale e il soprannaturale, con vari omicidi che non trovano soluzioni. Non mancheranno elementi esoterici e antichi enigmi con le Alpi francesi di Grenoble e la Siena del palio a fare da sfondo. Longinus si preannuncia come una serie d’autore internazionale che saprà conquistare il pubblico grazie a storie che si intrecciano tra di loro.

Longinus è una co-produzione di Publispei di Verdiana Bixio e della BIM Produzione. Si tratta della società del gruppo Wild Bunch Ag in associazione con Riccardo Russo e presieduta da Antonio Medici. Dario Argento d’altronde aveva svelato l’intenzione di calarsi in una serie tv l’anno scorso, durante il FIPILI Horror Festival di Livorno dove era ospite.

Ricordiamo che Dario Argento è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano. Cineasta noto internazionalmente, in particolar modo in Francia e Stati Uniti, è soprannominato maestro del brivido, avendo dedicato al cinema horror e thriller quasi tutta la propria produzione. Tra i suoi lavori più noti la Trilogia degli animali (composta da L’uccello dalle piume di cristallo, del 1970, Il gatto a nove code e 4 mosche di velluto grigio, entrambi del 1971), Profondo rosso (1975) e la trilogia de Le tre madri (composta invece da Suspiria, del 1977, Inferno, del 1980, e La terza madre, del 2007).

Source
https://comicbook.com

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button