Cinema e Serie TVNews

“Le Mythe Dior” di Matteo Garrone trionfa al Fashion Film Festival Milano

Il regista usa la collezione della casa di moda francese per raccontare una storia di rara suggestione estetica

Mattero Garrone trionfa al Fashion Film Festival Milano con il suo film “Le Mythe Dior”. Il film usa la collezione della casa di moda francese come espediente narrativo per una storia dalla bellezza rara. Ma non è l’unico vincitore di questa edizione, dove la giura ha visto 200 opere da 60 Paesi al mondo.

“Le Mythe Dior” di Matteo Garrone vince al Fashion Film Festival Milano

Il Fashion Film Festival Milano non è un classico festival cinematografico. Linguaggi diversi si incontrano nella capitale della moda: dal documentario alla fiction, dalla denuncia sociale alla sperimentazione artistica più pura. L’opera di Garrone sperimenta con il formato filmico con sperimentazioni surrealiste e un’estetica quasi ipnotica.

Anche il premio concepito da Fornasetti per il Fashion Film Festival Milano è originale: una creazione digitale. Un contributo immateriale che mostra come ribaltare una situazione negativa, creando valore anche in un periodo complicato come quello che stiamo vivendo.COVER-Le-Mythe-Dior-Matteo-Garrone-copia-min

I vincitori del Festival

  • MIGLIOR FASHION FILM: Le Mythe Dior di Matteo Garrone per Christian Dior Couture.
  • MIGLIOR MONTAGGIO: Silent Madness di Jordan Hemingway per Mowalola
  • MIGLIOR DOCUMENTARIO: Pelo Lacio di Diane Russo per Love Want Magazine
  • MIGLIORE COLONNA SONORA: Wata di Ronan Mckenzie e Joy Yamusangie per Gucci x Garage Magazine
  • MIGLIOR STYLING: Gucci X SSENSE di Matt Lambert per Gucci
  • MIGLIOR FOTOGRAFIA: Comfort Zone di Jordan Blady
  • MIGLIOR FASHION FILM SPERIMENTALE: Stories from a Twelfth-Floor Hotel Room di Zheqiang ZHANG per PSEUDONYM
  • MIGLIORE REGIA ESORDIENTE: Wata di Ronan Mckenzie e Joy Yamusangie per Gucci x
    Garage Magazine
  • MIGLIORE FASHION DESIGNER/BRAND: M9219 con BRAINWASH di Paolo Forchetti
  • MIGLIOR FASHION FILM ESORDIENTE ITALIANO: Embodiment di Ced Pakusevskiy per
    Barbara Bologna
  • MIGLIOR FASHION FILM ESORDIENTE: Wata di Ronan Mckenzie e Joy Yamusangie per Gucci
    x Garage Magazine
  • MIGLIORE REGIA: Jess Kohl con Drag Syndrome per British Vogue
  • MIGLIOR FASHION FILM ITALIANO: The life and times of Mannequeen town di Vincenzo
    Schioppa per Aspesi
  • MIGLIOR FASHION FILM: Preservation of Hezhen Fish Skin Tradition Through Fashion
    Higher Education di Zhongjin Zhang per FISHSKINLAB
  • MIGLIOR DESIGNER/BRAND ITALIANO: Barbara Bologna con Embodiment di Ced Pakusevskiy

Le Mythe Dior è disponibile on demand sul sito del Festival. Garrone quest’anno non rappresenta l’Italia agli Oscar 2021 (il candidato italiano è Notturno) ma non smette certo di vincere premi.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button