Cinema e Serie TVFilm

Audition, il film horror di Takashi Miike torna al cinema con una versione restaurata

Arriva nelle sale italiane come evento speciale, il 23-24-25 gennaio con Wanted Cinema, il film Audition, il celebre horror giapponese di Takashi Miike. Per la prima volta dal debutto nel 1999, il film torna al cinema in una nuova versione restaurata in 4K. Diretto da Takashi Miike e basato sul romanzo di Ryu Murakami, è considerato uno dei migliori film del regista, che l’ha consacrato in tutto il mondo come autore di culto per gli amanti dell’horror e i cinefili in generale. Noi abbiamo avuto l’opportunità di vedere in anteprima questa nuova versione.

Leggi anche la nostra recensione sulla serie TV: The Last of Us

Audition di Takashi Miike torna al cinema

Possiamo affermare che il regista giapponese Takashi Miike ha dato al genere J-Horror quel qualcosa in più grazie a questo film scioccante, scabroso e satirico pubblicato nel 1999. Audition è una pellicola che ha permesso al regista di distinguersi nel panorama cinematografico horror e che lo ha portato nell’Olimpo dei registi horror. Ci troviamo davanti ad una pellicola che, rispetto alla stragrande maggioranza di film horror, vanta un aspetto nuovo: ha infatti come protagonista una figura femminile che terrorizza gli uomini.

Aoyama è un anziano vedovo del settore cinematografico che escogita un subdolo stratagemma per trovare una nuova moglie: farà un provino per un inesistente ruolo femminile di supporto in un film – che attirerà il giusto tipo di donna sottomessa e non diva, che lui potrà deludere dolcemente e alla quale potrà poi chiedere un appuntamento.

Questa premessa da sola è sufficiente per dare vita ad una commedia intelligente; tuttavia il pubblico non sa che questo è solo l’inizio dell’incubo. Qui, infatti, si trasformerà in qualcosa di completamente nuovo, diverso e terrificante.

Guarda Gratis le migliori Serie Tv su Amazon Video per 30 giorni

Aoyama è oscuramente eccitato e commosso dalla bella Asami e dalla sua storia. La donna ha infatti rivelato di essere stata costretta ad abbandonare la danza a causa di un infortunio invalidante. Asami però, dietro il suo apparente aspetto delicato, è in realtà una vendicatrice, decisa a punire l’arroganza maschile di Aoyama, ma anche la sua autocommiserazione e il suo incipiente masochismo.

Una pellicola straziante e pesante

Audition Recensione Orgoglio Nerd

Questo film notevole ed inquietante si apre in modo delicato, come se potesse trasformarsi in qualcosa di completamente diverso, magari in una storia d’amore. L’aspetto dei provini risulta essere piuttosto comico sullo schermo e offre allo spettatore qualche sincera risata che potrebbe fargli sperare in un lieto fine.

Audition, però, gradualmente passa alla modalità estrema, trasformandosi in una pellicola terrificante e pesante, caratterizzata da una serie di torture fisiche e mentali terribilmente difficili da guardare.

Eihi Shiina è fenomenale e terribilmente credibile nel suo ruolo; il suo personaggio sprigiona pazzia e psicopatia da tutti i pori, in modo convincente e sorprendente. Il film invece, nella sua versione 4K, sembra ancora più terrificante del previsto.

I dettagli sembrano essere più puliti e vivi, abbiamo la possibilità di entrare ancora di più all’interno del film. Inoltre aghi, torture e urla risultano essere ancora più rivoltanti – in senso buono (esiste un senso buono?) – della versione originale del 1999.

Ciò che più sorprende di Audition, e che lo rende davvero unico, è il modo in cui Takashi Miike critica la società giapponese. Il film è infatti un brutale esempio dell’isolamento, del malessere sociale e del divario che spesso esiste tra uomini e donne in quella particolare società. Miike è riuscito a catturare tutta l’essenza del romanzo di Ryū Murakami e ad inserirla all’interno del film. È riuscito a dar vita a qualcosa di sinistro ed inquietante, che ci perseguiterà per tutta la durata della pellicola, che ci schiaccerà e ci farà riflettere.

Audition [Edizione: Regno Unito]
  • Polish Release, cover may contain Polish text/markings. The disk DOES NOT have Italian audio and subtitles.
  • Ryo Ishibashi, Eihi Shiina, Ren Osugi (Attori)
  • Takashi Miike (Direttore)
  • Audience Rating: NR (Non valutato)

Quello che inizia come una dolce storia d’amore basata su un inganno e un siparietto apparentemente comico si trasforma gradualmente in un incubo disturbante ed inquietante. Dietro all’ossessione, al sadismo e anche alla mutilazione troviamo un significato ancora più profondo, una critica pesante che viene raccontata nel peggiore dei modi.

Audition è una pellicola disturbante, difficile da guardare – o riguardare. È pesante, ancora più realistica in questa versione 4K, e un immenso capolavoro del panorama horror. Un capolavoro che tutti gli amanti del genere – e del cinema – dovrebbero vedere almeno una volta. Il film è ora di nuovo disponibile, nella sua versione 4K, al cinema fino al 26 gennaio 2023.

Autore

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button