Cinema e Serie TV

Atlantis: svelati i piani del sequel mai realizzato

Kirk Wise, che ha diretto il film d’animazione, ha parlato delle proposte avanzate alla Disney

Il regista di Atlantis: L’impero perduto ha svelato i piani del sequel mai realizzato. Kirk Wise, che ha diretto il film d’animazione insieme a Gary Trousdale come partner creativo, ha parlato con Collider delle proposte avanzate alla Disney per il seguito. Queste le parole del regista: “Che ci crediate o no John Sanford, Gary e io abbiamo inventato un’idea per un sequel di Atlantis. Non aveva alcuna relazione con la serie TV che è stata sviluppata dalla Disney Television Animation”. Ha poi aggiunto: “Questo sarebbe stato un vero e proprio seguito al film. Avremmo avuto un nuovo cattivo nella storia. Il cattivo avrebbe indossato abiti larghi, spaventosi, di lana e ingombranti in stile I Guerra Mondiale, con una maschera antigas spaventosa per oscurarne il viso, un po’ alla Darth Vader”.

Kirk Wise ha infine spiegato che: “questo villain avrebbe tentato di prendere il controllo di Atlantide e portare a termine il lavoro che Rourke non è stato in grado di svolgere. E la grande svolta nel climax del film sarebbe stata che il cattivo mascherato è in realtà Helga Sinclair. Colpo di scena!” Un piano, dunque, ben definito che, tuttavia, non ha mai visto la concreta realizzazione.

Atlantis – L’impero perduto è un film del 2001

Ricordiamo che Atlantis – L’impero perduto è un film d’animazione del 2001 diretto da Gary Trousdale e Kirk Wise. Scritto da Tab Murphy e prodotto da Don Hahn, è considerato il 41º classico Disney secondo il canone ufficiale. Il film è ambientato nel 1914 a Washington, da cui parte una spedizione per individuare la leggendaria città perduta di Atlantide. È una storia fantastica con ripetuti riferimenti al romanzo Ventimila leghe sotto i mari di Jules Verne e alla storia di Atlantide narrata da Platone. È filmato su pellicola di formato 70mm, evento che non accadeva in un film d’animazione Disney da Taron e la pentola magica del 1985. La lingua e l’alfabeto atlantiano sono ideati da Marc Okrand, autore anche della lingua Klingon di Star Trek. Il film ha avuto un sequel direct-to-video intitolato Atlantis – Il ritorno di Milo (2003).

 

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Un commento

  1. allora,ciò che avete scritto non è una frottola,perchè abbiamo sentito parlare al grest di pontevico 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button