News

After Star Wars Day: addio all’Universo Espanso

Arrabbiati, traditi, presi in giro. Ma anche amareggiati, intristiti e delusi. Questi sono gli aggettivi che meglio descrivono come ci sentiamo, ora che l'abbiamo letto nero su bianco. Era nell'aria, naturalmente, come una spada laser di Damocle sopra le nostre teste, ma ci siamo rifiutati di pensare che sarebbe successo finché abbiamo potuto. E invece la notizia è arrivata pochi giorni fa: la Lucasfilm ha rilasciato un comunicato stampa in cui ci dice, esplicitamente e con un candore che solo chi sa di stare compiendo un crimine può possedere, che l'interezza dell'Universo Espanso, cioè tutte le opere ambientate nell'universo narrativo di Guerre Stellari (e cioè, aggiungiamo noi, tutto ciò che lo ha davvero reso leggendario), è storia vecchia. La continuity costruita in ormai quarant'anni di contributi, di fumetti, romanzi, videogiochi, serie televisive, cartoni animati, giochi di ruolo e quant'altro, è totalmente carta straccia, e gli autori che da ora in avanti si misureranno con l'universo di Guerre Stellari dovranno tenerne conto solo per bontà loro.
Il comunicato stampa ha il tono di un annuncio altisonante, di un regalo che affettuosamente e premurosamente viene offerto ai fan da parte di chi sa bene cosa essi vogliano: “Quando George Lucas ha creato Star Wars, ha anche costruito un universo che ha illuminato l'immaginazione e ha ispirato altre persone a creare. Ha reso quell'Universo uno spazio aperto e creativo per le altre persone, permettendogli di raccontare le loro storie. Questo è diventato l'Expanded Universe, o EU, dei fumetti, dei romanzi, dei videogiochi e molto altro”, ci fa sapere Kathleen Kennedy, la presidente della Lucasfilm appena prima di dirci che questo spazio aperto e creativo che ha illuminato e ispirato altre persone sta per venire totalmente distrutto. Infatti, ahilei, la maggiore delle forze maggiori si è tragicamente intromessa in questo scenario idilliaco creato dal benevolo George Lucas perché tutti ne potessero godere. E questa forza altri non è che…Lucas stesso: “Lucas ha sempre detto di non essere legato all'EU. Ha definito i suoi film come "il canone": si tratta dei sei film usciti al cinema e della serie televisiva da lui creata e prodotta "Star Wars: the Clone Wars". Gli avvenimenti del canone sono oggetti inamovibili della storia di Star Wars, e tutte le altre storie devono allinearsi a questi eventi e a questi personaggi”
Ovvero, Lucas è una divinità capricciosa: con una mano da, con l'altra toglie. A onor del vero, tutti i torti non ce li ha: il nostro George ha sempre esercitato il suo ruolo in modo che tutti sapessero, senza il minimo dubbio, che lui, e non altri, è il Capo. Ed è pure vero che la continuity di Guerre Stellari era una grottesca giungla di distinguo, di eccezioni e di livelli di precedenza, in cima ai quali c'era il cosiddetto “G-canon”, ossia il principio per cui tutto ciò che venisse direttamente creato dalla Sua mano avrebbe preso automaticamente la precedenza sulle altre opere. L'abbiamo visto succedere con la trilogia dei prequel, che conteneva la sua dose di retconnizzazioni e di sbalorditive aggiunte al canone destinate a cambiare di non poco l'universo intero. E' anche vero, però, e qui risiede il vero tradimento dell'annuncio di cui stiamo parlando, che Lucas non si era mai permesso di far letteralmente saltare in aria interi millenni di storia dell'universo che lui ha contribuito a creare. Quando quindi ci viene detto che la Lucasfilm sta regalando ai fan una nuova continuity “affidabile” e coordinata, in stile Star Trek (o Marvel), e che “ora, con un futuro eccitante ricco di nuovi episodi cinematografici di Star Wars alle porte, tutti gli aspetti narrativi futuri del franchise saranno collegati tra loro”, stanno in realtà risolvendo un problema che non esiste, o che, se esiste, è creato interamente da loro stessi. Avrebbero ottenuto lo stesso risultato pratico semplicemente stabilendo che d'ora in avanti le distinzioni di livello fra i vari canon cessano di esistere, e che tutto è effettivamente una sola continuity. Il “futuro di narrazione interconnessa” è in realtà un presente.
Naturalmente il motivo per questa abominevole operazione è chiarissimo e non ha nulla a che fare con una presunta volontà di creare ordine per la gioia dei filologi: l'Episodio VII è alle porte, e nessuno è stato sufficientemente in gamba da riuscire a ficcare la trilogia dei sequel nella trafficatissima linea temporale post-Episodio VI, che emerge dall'Universo Espanso. Ne abbiamo già parlato, ed allora abbiamo, forse ingenuamente, dato per scontato che alla Lucasfilm non sarebbero stati così folli da far saltare in aria tutto. Speravamo che, come del resto era già stato per i prequel, ci sarebbero stati dei necessari cambiamenti al canone, delle retconnizzazioni, dei sacrifici, ma che il generale impianto dell'EU non sarebbe stato toccato. Lo speravamo perché eravamo convinti, e lo siamo ancora, che la vera forza dirompente dell'universo di Guerre Stellari è (era, ahinoi) la grandiosità, l'ampio respiro, l'alchimia e l'incredibile, irripetibile opera di incastro che i vari creatori delle opere che lo compongono erano riusciti a mettere in piedi, e che quindi nessuno sarebbe stato così idiota e folle da gettare tutto dalla finestra. Ora, tutto questo non esiste più, niente ha più senso: l'eroico sacrificio di Chewbacca, la meravigliosa Trilogia di Thrawn, il Nuovo Ordine Jedi, il tradimento del figlio di Han e Leia, tutto può essere rimesso in discussione e cancellato senza un secondo pensiero. Il tono trionfale dell'annuncio include un passaggio che ci fa dire che alla Lucasfilm siano perfettamente consapevoli della portata di questo cataclisma. 
Dice il comunicato che “In modo da dare la massima libertà creativa ai filmmaker e preservare, inoltre, un elemento di sorpresa e di scoperta per il pubblico, Star Wars: Episodio VII, VIII e IX non racconteranno la stessa storia raccontata nell'Expanded Universe post-Ritorno dello Jedi. Mentre l'universo che i lettori conoscevano sta cambiando, questo non verrà comunque messo da parte. I creatori di nuovi contenuti di Star Wars hanno accesso a tutto il contenuto dell'EU. Per esempio, elementi dell'EU saranno inclusi nella serie televisiva animata "Star Wars Rebels". Inquisitor, l'Agenzia di Sicurezza Imperiale, i Sienar Fleet Systems sono elementi della storia della nuova serie animata, e sono tutte idee nate nei giochi di ruolo pubblicati negli anni ottanta”, ovvero: tranquilli, non stiamo buttando via proprio tutto-tutto-tutto. Magari qualche citazione da ciò che avete imparato ad amare e conoscere negli anni ce la mettiamo, così siete contenti. Oppure: tranquilli, i vostri soldi ci interessano ancora, visto che ce ne avete dati tanti in questi anni…però ci interessano di più quelli dei ragazzini che l'EU non sanno nemmeno cosa sia.
Oggi è il 4 Maggio, oggi si celebra lo Star Wars Day. Quest'anno ha un sapore particolare, il sapore della fiele e dell'acciaio fra le scapole. Oggi qualcosa è andato in frantumi, perso per sempre. Per noi questo è il giorno del nostro elogio funebre a quello che Guerre Stellari è stato, e che non sarà più. Se la Forza è mai stata con voi, siete i benvenuti a condividere il nostro sconforto.

Gabriele Bianchi

Lettore, giocatore, conoscitore di cose. Storico di formazione, insegnante di professione, divulgatore per indole. Cercatelo in fiera: è quello con la cravatta.

Ti potrebbero interessare anche:

Commenti

  1. Una cosa va considerata però (e con questo non voglio assolutamente dare ragione a Disney!!) tenere in considerazione tutto l’UE e inserire una trama nuova scritta da zero sembra un’impresa bella titanica, forse impossibile !!

  2. Ma come sarebbe possibile considerare canonico TUTTO il materiale dell’UE??? Qualcuno pensava davvero che sarebbe stato utilizzato nei nuovi film? Si tratta semplicemente di spin-off, io ho sempre considerato solo i film come canonici. E il fatto che l’UE non venga considerato non mi pare così tragico: si parla di aver buttato tutto, rinnegato tutto. Ma no, l’hanno solamente “messo da parte”, voglio dire, l’UE è ciò che i fans hanno immaginato, hanno sognato; è l’equivalente delle fan arts, totalmente personali e assolutamente da non prendere in considerazione, ma questo non significa che non possano essere apprezzate o addirittura amate. Però rimane il lavoro dei fan, i film ufficiali seguiranno inevitabilmente un’altro corso. E poi è giusto così, ci si lamenta della quantità spropositata di remake e adattamenti che si stanno facendo in questo periodo (anch’io ne sono infastidito), e quando finalmente, viene proposto qualcosa di nuovo ci si lamenta. Capisco la frustrazione di assistere ad una storia parallela che nulla ha a che fare con quello che fino a ieri (letteralmente) si pensava fosse indiscutibile, ma ritengo sia stato davvero ingenuo pensarlo. Io lo davo già per scontato, quindi tutta questa drammaticità non la condivido. Non fraintendetemi, io sono il primo a detestare gli stravolgimenti, ma solo quando si parla di materiale ufficiale (vedi Star Trek al cinema o Tomb Raider nei videogiochi), in questo caso l’UE non è considerabile ufficiale, e come potrebbe? Troppa roba è stata realizzata, non sarebbe mai stato possibile collegare tutto senza contraddizioni, solo la nuova e la vecchia trilogia ne avevano, anche se superficiali, figuriamoci tutto l’UE!

  3. Due cose: sono un fan accanito dei film ma molto poco dell’UE. Ho giocato a pochi vg. Non mi scandalizzo per nulla di fronte a questo. Sarebbe stato scandaloso se avessero detto “dal settimo film ce ne freghiamo di quanto accaduto nei primi sei”… sì insomma… come Star Trek. Ma essendo materiale “extra” non c’è nessun motivo per cui dovesse realmente essere tenuto in considerazione.

    E due: c’è talmente tanto materiale eterogeneo, proveniente da mille mila mani, che era assolutamente folle pensare che sarebbe stato mantenuto.

  4. ok però parliamoci chiaro il lavoro intorno a star trek è un conto ma i lavori che compongono l’universo espanso sono tutt’altra cosa insomma qui si parla di romanzi, giochi e fumetti che in un modo o in un altro hanno ricevuto il beneplacido di Lucas, se vogliamo essere puntigliosi non è tutto ciarpame messo li e che si puo buttare così… cioè i giochi prodotti dalla Lucasfilm… li fai tu e poi mi vuoi dire che non li consideri eddai cioè se da il ritorno dello jedi, anzi voglio essere buono dalla vendetta dei sith doveva contare solo su quelli il brend lucas lo trovava gia nei musei per non parlare di clone wars che casualmente essendo tecnicamente nel mezzo della trilogia dei prequel non da fastidio e si puo conservare mentre tutto quello che è dopo e prima siccome sono degli incapaci che non sanno far quadrare 2 cose lo scarti… che amarezza però

  5. Breve, considerazione sulla buriana causata dalla “News” sulla terza trilogia di Star Wars. “La terza trilogia non seguirà l’universo espanso”, BOOM, suicidi di massa, strappamenti di capelli e accuse di tradimento. Star Wars è nata come trittico di trilogie. giusto? Dopo la trilogia prequel che non ha fatto felici i fans (impossibili da accontentare) e che tutto pareva finito la Disney ci mette i soldi e dice dai George, FAMOLO!… e vi lamentate? senza offesa per i nerd che si sono spesi la paga per libri, action fig. e giochi… lo sapevate che era UE e non roba di George!! Ve ne siete innamorati, ok, ma rimangono problemi vostri. La storia era già scritta e seguirà il corso che Lucas e Kasdan avevano imbastito negli anni 70. non è un film su un gioco o tratto da un libro o ancora da un fumetto! li si che ci si può lamentare in mancanza di conformità! Quella è tutta roba che stava nella testa di Lucas e così va fatta, abbiamo anche la fortuna che Disney ha tenuto Kasdan e lo stesso Lucas come sceneggiatore e consulente… ma allora cosa volete?

  6. Concordo con Moses e aggiungo, ad Alessandro, che Star Trek, di base era 5 serie televisive + 10 film. C’erano mille libri e videogame, ma non erano creati da Roddenberry/Braga, per quanto con licenza. Stessa cosa il l’universo espanso di Star Wars, fatto su licenza ma senza la mano di Lucas. Ecco… la differenza è che ST aveva 5 serie tv + 10 film, SW solo 6 film. E JJ ha proprio fatto il reboot di Star Trek. Almeno con Star Wars vanno avanti.

  7. Concorderei anche io con Moses se non fosse che non è proprio che “la Disney ci mette i soldi e dice dai George, FAMOLO!”.. da come sembra, George ha ceduto tutto alla Disney e se ne frega. E’ questo che mi preoccupa molto in tutta la faccenda. Ditemi se sbaglio che mi rincuorereste parecchio.
    Per il resto è pacifico che l’UE fosse meno canon di tutto il resto, quello che non mi piace della mossa della Disney però è il fatto che praticamente ormai sarà tutto un commissionare storie che possano essere appetibili ai nuovi fans e basta. Boh.

  8. Condivido il pensiero di Moses.
    Lucas ha sempre ribadito che l’UE è roba per nerd fanatici e che non ha parte della continuity.
    Arrivare oggi, e lamentarsi, è da sciocchi.
    Pensate davvero che il materiale creato dai fan potesse essere usato in qualche modo?
    Secondo voi nessun fan creatore di qualcosa si sarebbe mosso per spillare soldi a Lucas nel momento in cui una sua creazione fosse stata citata/inglobata/presa come spunto?
    Il documentario “The people VS George Lucas” è illuminante sulla natura dei fan di SW

  9. no forse non ci siamo capiti, L’UE non è semplicemente fan-fiction e roba buttata li dal primo che passa… cosa che successe ai tempi di ST ricordiamocelo, dal momento che romanzi come la trilogia di Thrawn o le graphic novel sui sequel del VI film sono tutti lavori che sono stati fatti dietro cessione della licenza, è naturale che si dica che il materiale buttato li da questo o da quel fan non possa considerarsi canonico ma dal momento che tu mi dai la licenza non puoi prendere tutto e buttarlo nel cesso è un calcio nei denti anche nei confronti della gente che ci ha lavorato, per non parlare del fatto che è stato scartato anche il lavoro della Lucas Arts sui giochi fatti dalla stessa società di Lucas… è un no sense bello grosso… mi puo star bene tutto ma almeno fai un distinguo o mettilo su un altro piano rispetto ai meri lavori di questo o quel fan, dopotutto su questo genere di cose hai fatto la tua fortuna… e qui si arriva al punto è stato tutto buttato alle ortiche perchè un giorno George si è svegliato male e ha deciso così o forse perche la Disney… (che ci ha messo i soldi… @Moses se mi vieni a dire anche “grazie al cielo che l’ha fatto” posso solo rispondere, il più grande olocausto dai tempi di chernobyl) e i sui registi preferiscono partire da zero invece di applicarsi un po’ per considerare almeno in parte le vicende gia create, che tra l’altro sono stupende e questo non è essere nerd fanatici @federico pacilio è essere obiettivi casomai. Ripeto il problema non sta nel fatto che la treilogia del sequel non segua i canoni dell’UE perchè è legittimo che i registi e gli sceneggiatori possano dare libero sfogo alla propria creatività, il problema risiede nel fatto che tu dai un clamoroso calcio in culo e via a tutti quei poveretti che hanno lavorato dietro alle vicende dell’UE e difatto hanno ingrassato pure te coi soldi dei fan. Perciò ripeto non si tratta di suicidio di massa o di Lucas che gli sta bene prendere i soldi di Disney per lasciargli mano libero su tutto al buon JJ (piccola parentesi io i film di abrams li adoro non tutti, alcuni mi fanbno cagare ma altri li adoro) il problema è che non ti fai nessuno scrupolo a gettare nel bidone il lavoro di moltissime persone, che sono il principale motivo per cui qualche testa d’uovo della disney ha deciso che valeva ancora la pena spendere 2 soldi per farti fare la 3 trilogia di SW è questo il vero punto della questione e ho conscluso.

  10. Io sono fan di Star Wars da 30 anni e ho sempre considerato canonici solo i sei film e i romanzi/fumetti su di essi e al massimo Clone Wars. Francamente la notizia non mi sconvolge per niente e mi auguro che molte delle cose totalmente fuori esalogia vengano spazzate via. Non nego che possa esserci del ben materiale, tipo KNIGHT OF OLD REPUBBLIC, che io personalmente adoro, ma tutti i libri successivi all’esalogia sono sempre considerati non canonici. Lo si sapeva e stop. Ah una cosa: è stato Abrams a volere Kasdan e non la Disney che invece aveva imposto un suo sceneggiatore ma per fortuna JJ lo ha allontanato 😉 .

  11. Alessandro, ma di cosa parli??? Tutto il materiale a cui faccio riferimento riguardo Star Trek è assolutamente SOTTO LICENZA UFFICIALE. Come qualsiasi altro prodotto commerciale dato in licenza, però, è legittimo ma non fa parte del prodotto “originale”. Che nel caso di Star Trek sono 5 serie tv + 12 film, mentre nel caso di Star Wars sono 1 serie tv animata + 6 film. Punto, questo è un fatto.

    Che poi si voglia dire che in questo mare immenso di materiale su licenza ma non parte del prodotto originale ci siano cose stupende, come dice Silvia Azzaroli, benissimo e posso anche essere d’accordo. Io per esempio, da adolescente, ho giocato ore infinite a X-Wing, Tie Fighter e poi X-Wing vs Tie Fighter. Ogni volta che compare una nave su schermo ne declino modello e armi, con grande gioia dei miei compari di visione. Stessa cosa, tanto per citarne una, Star Trek Birth of Federation.

    Ma sono prodotti “extra”. Ufficiali perché sotto licenza. Ma non sono opera dei creatori originali. E quindi non sono canon. Punto.

  12. Per chi legge Star Wars da anni posso comprendere i motivi che spingono a criticare questo evento. Però se vogliamo analizzare bene la cosa, per anni i diritti di questa saga sono stati sfruttati senza un reale organismo di tutela della storyline generando quindi paradossi, resurrezioni improbabili e morti ancora più incredibili.

    Io ho letto per molti anni i libri sui Forgotten Realms dove esisteva un mondo “canonico” e quindi regolamentato. Se scoppiava il “Periodo dei disordini” in una tale data, e tu scrittore volevi scrivere in quel periodo, allora dovevi tenerne conto.
    Da un certo punto di vista, una cosa del genere rende difficile poter avere il quadro di insieme più ampio ma dall’altro permette di poter vivere il mondo come se fosse vivo e persistente anche al di fuori dell’elemento predominante (in questo caso i film).

    Da NON lettore dei romanzi di Star Wars, non posso che essere felice di leggere che finalmente anche questo “universo” sarà regolamentato perché solo così si darà un senso a quanto uno leggerà\guarderà\videogiocherà.
    E’ ovvio che arrivando così tardi, di parole sotto i ponti ne sono passate e posso comprendere la rabbia di chi quelle parole le ha lette e le ha fatte sue. Ma è proprio questo il problema, la volatilità delle stesse per il fatto di essere solo storie ipotetiche.
    Da oggi invece, se leggeremo in un libro che Darth Maul non è morto ed ora ha delle gambe robotiche, ai nostri occhi risulterà più vero e tangibile di un libro dove si scopre che Darth Vader ha un allievo segreto che poi viene clonato, gli si rivolta contro e lo uccide (per quanto affascinante e bello da leggere possa essere).

  13. Quindi, dai commenti salta fuori che i NON usufruitori dell’Universo Espanso non sono shockati nè indispettiti dalla faccenda, gli usufruitori sì. Coincidenze? Noi di Voyager…

    Ora, la risposta seria: l’Universo Espanso non è assolutamente fatto da gente a caso che scrive storie a caso senza tenere in considerazione nulla di quanto fatto dagli altri. Anzi, si tratta di un insieme di opere molto eterogeneo nella forma, ma sorprendentemente coerente nei contenuti, con romanzi, videogiochi e quant’altro che costruiscono sulla base di ciò che è stato fatto prima, aggiungendo cose nuove che poi vengono ulteriormente approfondite e usate come base da altri autori. Questo, secondo noi, è ciò che di straordinario stiamo perdendo. E, lo dico per chi non ne ha idea, non è vero che non ci sono regole di canonicità, anzi: le regole ci sono (cioè, c’erano), ed erano estremamente precise, per quanto contorte. Il principio chiave era che ciò che veniva fatto direttamente da Lucas prendeva la precedenza, ma che in mancanza di una sua precisa rettifica, il resto era da considerarsi totalmente in continuity. E ribadisco ancora: nessuno era così fesso da pensare che con l’uscita della nuova trilogia non ci sarebbero state rettifiche del canone, anche pesanti, anche vastissime. Ma un conto è tagliare, anche con le cesoie, quello che semplicemente non collima con il progetto (la caduta di Luke nel lato oscuro? la resurrezione di Palpatine? la guerra contro un’altra galassia?), un altro conto è dire che TUTTO non vale più. E’ la differenza fra potare una siepe e bruciare un bosco.

    Sul parallelo con Star Trek…bravi, andatevi a vedere come funziona la continuity di Star Trek…

  14. Primo mi pare che molti di quelli che han detto di non essere shoccati hanno chiaramente espresso la loro ammirazione per svariate opere dell’eu. Io ad esempio ho detto di adorare Knight of Old Repubblic.
    Secondo: alcuni saranno senz’altro coerenti, ma vogliamo parlare del fatto che Luke, Leia e Han paiono tre idioti con il quoziente intellettivo di un bradipo nei libri post esalogia? Vogliamo parlare di come Leia prima perdoni il padre (leggi La tregua di Bakura), poi non lo perdoni, poi lo riperdoni (Tatooine’s ghost, che mi è pure piaciuto eh) ma accetti a braccia aperte Mara Jade come cognata senza avere un minimo dubbio? Questa sarebbe coerenza? Qualcuno si è letto l’album MATRIMONIO dove Luke e Mara Jade si sposano e Leia è ridotta da damina che da consigli sui vestiti (!!!) e Han che offre gratis il Falcon per portare i due piccioncini in luna di miele? Non parliamo poi di Han, di cui non sono una fan beninteso, ma mi fa una sincera pena nell’eu visto che pare un idiota senza carattere che dice sempre sì a Leia? E l’unico momento in cui tira fuori un filo di carattere è quando Jacen passa al lato oscuro e cosa gli dice? Che lo rinnega. Ma parla il francescano scusate -_- . E Mara Jade la super letale spia dell’imperatore che manco è capace di eseguire un ordine? Questo è coerente con l’esalogia? E sarebbe coerente con l’esalogia che Luke si inginocchia di fronte a Palpatine e passa al lato oscuro? E non dimentichiamoci che Mara Jade è convinta che a uccidere Palpatine sia stato Luke e non Vader. Luke che poi fa discorsi assurdi sulla Forza sostenendo che quando Mara Jade faceva del male non era preda del lato oscuro perché era in buona fede!! E guardate che io ero molto ben posta nei confronti di Mara Jade, almeno con l’idea del personaggio e invece mi è venuto da piangere. Ci sono un sacco di storie interessanti post esalogia ma in genere non riguardano mai i nostri eroi filmici, salvo poche eccezioni.
    Terza cosa: si sapeva che molte cose sarebbe finite al macero, lo si sapeva e francamente io ne sono felice. Poi aspettiamo e vediamo. Stiamo qui a parlare di un film che ancora deve uscire. Già la gente si inventa assurdità che sarà per forza uguale a Una nuova speranza, non si sa in base a cosa visto che non è uscito uno straccio di trama. Neanche io faccio i salti di gioia all’idea di questa terza trilogia, ma Abrams sta dimostrando carattere (vedere l’aver cacciato lo sceneggiatore imposto e aver preso Kasdan), ha scelto dei bravi attori, ama l’esalogia quanto noi ed è un bravo regista. Diamogli tempo prima di iniziare a parlar male su.

  15. Un’altra cosa che ma disturba da anni è che a sentire molti fan ultras dell’eu quest’ultimo deve essere considerato al di sopra dei sei film. Ora io non so in quale universo voi vivete, ma Star Wars è legato prima di tutto al cinema, il resto, tutto il resto, è una derivazione, bella o brutta che sia. E francamente pretendere di mettere l’eu sullo stesso piano dell’esalogia o al di sopra mi pare un filo esagerato.

  16. @Alessandro Valentini io facevo riferimento alla miriade di fan-fiction e romanzi storie e cose simili che girano intorno al brand di ST, ovviamente non hai prodotti sotto licenza ufficiale di Star Trek… comunque quello che a me risulta inconcepibile è che siano stati scartati anche i lavori migliori senza riguardo per nulla, come ben dice @Silvia Azzaroli è vero che i lavori ambientati durante e post esalogia sono letteralmente una palude e sono daccordo con te che ce ne siano alcuni più pertinenti ai film e altri che si sono molto distaccati dal seminato. Sono daccordissimo che il canone ufficiale sia e debba essere quello dei lavori di prima mano di Lucas, ma per citare @Gabriele Bianchi qui sono passati dal potare una siepe a bruciare una galassia xdxd (io personalmente come ho detto prima stimo molto Abrams come regista, e non sapevo fosse lui ad aver insistito per avere Kasdan, e anzi il fatto che lui posso partire da zero renderà il lavoro sui film decisamente migliore, perchè è abbastanza risaputo che ad JJ gli piace fare un po’ come gli pare e più ha carta bianca e meglio gli riescono i film… ) però non mi capacito del perchè non sia stato fatto una sorta di distinguo e sia stato buttato tutto nel cesso, compresi ripeto giochi publicati dalla stessa LucasArts… spero tu capisca il mio punto di vista, è legittimo che Lucas dica che il canone ufficiale sia quello da lui stabilito ma non che di punto in bianco tutto il resto diventi scarto da eliminare senza distinzione…

  17. @Silvia: a sentire te, pare che, a differenza dell’Universo Espanso, l’esalogia di film sia perfettamente coerente, consistentemente ben scritta e senza i tremebondi cali di qualità e i micidiali buchi di trama che invece si trovano ovunque. Insomma: è naturale che se permetti a un numero N di persone di lavorare, ciascuna con la sua sensibilità, i suoi punti di forza e i suoi punti deboli, ad un universo narrativo così enorme come quello di Guerre Stellari, ci saranno alti e bassi e sarà pieno di cosine poco consistenti. E’ normale, è strutturale. E stai tranquilla che sarà così anche con il “nuovo” Universo Espanso: tanti autori significa necessariamente tanti livelli di qualità, continuity o non continuity.
    Detto questo, scusa, ma no, non sto parlando di un film che deve ancora uscire. L’Episodio VII entra in questa storia solo come casus belli, ma il discorso è assai più ampio, e oltretutto potrà essere bello quanto vuoi, anzi, mi fido abbastanza della squadra che ci sta lavorando…però non è questo il punto, l’argomento è proprio un altro. Non mi sembra di aver mai parlato male nè di Abrams nè della sceneggiatura, di cui non so nulla, nè di altro. Anzi, sono stato proprio io ad aver “previsto” Abrams come regista per l’Episodio VII, in tempi assolutamente non sospetti!
    Infine, non so a chi tu ti riferisca, ma non ho mai parlato con nessuno che ritenesse che l’EU avesse precedenza sui film…è una sonora boiata, molto banalmente! ^^

  18. @Gabriele non mi pare di aver detto che i film siano privi di buchi, ho solo fatto notare i sacrosanti difetti di troppi libri post esalogia. Difetti veramente enormi. Io trovo intollerabile vedere ridotti Luke, Han e Leia a degli imbecilli e trovo intollerabile la poca conoscenza della Forza di talune persone. Poi capisco che ognuno abbia una sensibilità diversa, ma non mi pare fosse tanto difficile mantenere coerenti queste cose dato che ho visto bellissime fanfiction di dilettanti che lo facevano. Detto ciò ti invito a leggere le recensioni sui sei film che ho fatto per il giornale per cui scrivo. Se ci fai caso non ho avuto nessuna remora a massacrare ciò che andava massacrato
    La minaccia fantasma http://giornaleapollo.it/16267/minaccia-fantasma-ritorno-star-wars-non-convinse-i-fan/
    l’attacco dei cloni http://giornaleapollo.it/16525/lattacco-dei-cloni-romeo-e-giulietta-in-star-wars/

    la vendetta dei sith http://giornaleapollo.it/16707/star-wars-vendetta-dei-sith-nascita-vader-entusiasmo/

    una nuova speranza http://giornaleapollo.it/16930/guerre-stellari-alle-origini-mito-star-wars-2/

    l’impero colpisce ancora http://giornaleapollo.it/16909/limpero-colpisce-capolavoro-star-wars/

    il ritorno dello jedi http://giornaleapollo.it/17125/ritorno-jedi-redenzione-uomo-galassia/

  19. Complimenti per la coerenza, con l’universo di Star Trek che divide in cannon e non ogni suo prodotto da almeno vent’anni e con Marvel e Dc che Rebootano ogni sei mesi, se un timido tentativo di riordine parte nell’universo di Star Wars si grida subito al Lucas arraffone.

    Questo fervore religiosa ha un po’ stancato anche se in Clerks era divertente.

  20. @Silvia Azzaroli come ho gia detto, per la nuova trilogia io ho gia fatto un atto di fede verso JJ Abrams e sul fatto che disney non intenda sputtanare un brend che esiste da 35 anni… bhe vorrei ben vedere, insomma dall’articolo pare quasi che disney si è comprata Marvel, Lucasfilm e tutte le altre aziende che ha preso nel corso degli anni solo per beneficienza, la walt disney è una società e io non metto in dubbio che per essere diventata quello che è, non ci sono dei cialtroni incompetenti al comando ma gente esperta e qualificata, solo che dietro la facciata di tutta questa autonomia è chiaro come il sole che sono prontissimi a metterci le mani se vedono che la situazione non va come deve andare… per il resto io sulla nuova trilogia e ovviamente sull’UE che ne seguirà spero solo che bene ma è senza ombra di dubbio che sarà lagunoso e complesso come UE che gia esisteva con la differenza che questo sarà canon e tutto il lavoro presistente diventa ciarpame ed è solo ed unicamente questo che mi manda in bestia perchè avrebbero potuto porlo anche in una linea temporale alternativa stile Marvel per esempio, comunque queste sono solo speculazioni e quello che è fatto è fatto… inoltre continuo a leggere gente che se si fà comversazione parte per la tangente e ti definisce fanatico, fan estremista ecc di solito quando succedono queste cose il fanbase non ne festeggia… di solito, qui pare che tutti non aspettassero altro, però il materiale dell’UE ha appassionato anche loro o almeno la maggior parte dicono così mha… @Macro Disturbo ma tu ci credi veramente a quello che hai scritto ?

  21. Guarda Alessandro, io capisco benissimo il tuo disappunto e non penso affatto che tu sia fanatico. Neanche io mi fido della Disney e del suo modo di fare cinema. Io mi auguro davvero che Abrams riesca ad essere libero come sembra. L’unico motivo per cui ho un barlume di speranza riguardo a questa terza trilogia è lui. Per il resto non possiamo fare altro che attendere. Magari recupereranno quel che c’ è da recuperare, tipo la trilogia con l’ammiraglio Thrawn. Ah pure io avrei preferito mettessero il tutto in un universo alternativo ;).

  22. lette, condivido al 99% tranne forse che per la fine che hanno fatto i jedi se la meritavano tutta xdxd

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button