Cinema e Serie TV

Muore Dieter Laser, interprete di The Human Centipede

Il tragico evento risale al 29 febbraio

L’attore tedesco Dieter Laser, noto principalmente per il ruolo del malvagio Dr. Heiter nel film The Human Centipede, è morto a 78 anni. La notizia è stata comunicata dalla moglie attraverso l’account ufficiale Twitter, precisando che il tragico accaduto risale al 29 febbraio. Laser poteva considerarsi un vero e proprio veterano del cinema, della TV ma soprattutto del teatro. Basti pensare che nel corso della sua lunghissima carriera ha partecipato ad oltre 60 film e serie TV. Dopo una lunga gavetta nel ruolo di comparsa, è stato scoperto dal regista teatrale Gustaf Gründgens. Successivamente ha lavorato con il regista Peter Stein nel prestigioso teatro Berliner Schaubühne, negli anni ’70.

Tra le sue performance migliori c’è sicuramente quella in Peer Gynt di Henrik Ibsen. Nel 1975 è stato premiato del German Film Award nella categoria di “miglior attore” per il ruolo in John Glückstadt. L’attore ha vestito anche i panni del giornalista Werner Tötges ne Il caso Katharina Blum (1975), accanto a Glenn Close in Tentazione di Venere (1991) e accanto a John Malkovich ne L’orco (1996) di Volker Schlöndorff. La fama internazionale è però arrivata con il ruolo nel cult horror di Tom Six, The Human Centipede. Dieter Laser non apparve nel sequel, The Human Centipede II (Full Sequence), ma ritornò in The Human Centipede III (Final Sequence),rivestendo però un altro ruolo. Parliamo di Bill Boss, direttore di una prigione che crea un millepiedi umano ispirato dai primi due film.

Dieter Laser e The Human Centipede

The Human Centipede (First Sequence) è un film horror del 2009 scritto e diretto da Tom Six. Il film è incentrato su un folle medico che vuole unire chirurgicamente tre persone, bocca con ano, allo scopo di creare un “centopiedi umano”. Il film ha vinto diversi premi in festival cinematografici internazionali dedicati al genere horror. In America, il film è stato vietato ai minori di 17 anni per presenza di scene di nudo, linguaggio scorretto, sadismo e forte violenza.

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button