Cinema e Serie TV

James Gunn e la reazione di Kevin Feige sulla regia di The Suicide Squad

Il regista racconta un curioso aneddoto sul capo dei Marvel Studios

In una forma o nell’altra, c’è sempre stata una sorta di battaglia tra Marvel e DC. Non puoi avere due società che lavorano nello stesso settore e si rivolgono agli stessi clienti senza che sorga una sorta di conflitto. Detto questo, il mercato è davvero molto vasto, e dal momento che tutti coloro che amano la Marvel o la DC amano le belle storie di supereroi, una vittoria per una delle due aziende è alla fine una vittoria per entrambe. Ciò è particolarmente chiaro se si nota che quando Kevin Feige ha scoperto che James Gunn stava per fare The Suicide Squad, il capo dei Marvel Studios gli ha solo augurato di ‘fare un buon film’.

L’entusiasmo di Kevin Feige alla notizia

La carriera di James Gunn nell’ultimo anno e mezzo ha avuto alti e bassi. Innanzitutto, stava andando avanti con Guardiani della Galassia Vol. 3, poi è stato licenziato dal film. Poi è stato assunto dalla Warner Bros. per realizzare un sequel del successo Suicide Squad, e il giorno successivo, Gunn e Marvel sono venuti a patti per riportarlo a dirigere Guardiani della Galassia Vol. 3. James Gunn ha dichiarato a Empire che, quando ha informato il capo dei Marvel Studios Kevin Feige che aveva accettato di fare un film per la DC, Feige ha avuto solo un commento. Ovvero: “Per favore, per favore, fai un bel film. Solo … fai un bel film”.

Kevin Feige avrebbe potuto essere frustrato o infastidito dal fatto che James Gunn avrebbe lavorato per “gli altri ragazzi”, ma invece, voleva solo vedere un bel film. James Gunn ha anche rivelato che Feige conosce già un bel po’ del film, incluso chi è il cattivo. “Kevin sapeva chi erano tutti quei personaggi per mesi prima che li rivelassimo a FanDome”, ha detto Gunn. “Sa anche chi è il cattivo”. Dopo la grande rivelazione a FanDome, Gunn ha risposto a diverse domande sul film sui social media, incluse alcune previsioni dei fan su chi è al sicuro nel film. “Nessun personaggio era protetto dalla DC“, ha scritto Gunn su Twitter.

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button