News

Warlords of Draenor: l’espansione Orchesca

Abbiamo provato e riprovato a far partire il gioco… ma l'unica cosa che sembrava logica e naturale accadere era Disinstalla. Non è un'accusa, non fraintendeteci, è una constatazione, di cui ci aveva avvertito per altro la Blizzard stessa!  Nel trailer ufficiale, se ricordate (se no guardate qui) si ascoltava testualmente: "Ehi ragazzi, vi ricordate quando abbiamo sconfitto Onyxia e Ragnaros, oppure quando Illidan ci ha fatto sudare cento camicie prima di buttarlo giù, o quando i morti tornavano in vita oppure quando siamo sopravvissuti al Cataclisma che ha distrutto le terre così come le conoscevamo…? Ecco, dimenticatevi tutto, prendete una tazza di té e buon viaggio nella terra della riflessione" 
Ok, forse non era proprio così testuale il trailer… ma il concetto è quello. E' logico che gli amanti del pericolo al quale i giocatori di WoW sono stati abituati, non si sarebbero accontentati della calma serafica dopo una serie di catastrofi innumerevoli che costituiva la normalità. Ma con pazienza, così come a ogni quiete segue una nuova tempesta , l'attesa è stata premiata e siamo giunti a un nuovo capitolo per questa apparente never ending story: World of Warcraft : Warlords of Draenor
Di questa (quinta) espansione si sa già abbastanza e da molto tempo, e alle soglie del suo release ufficiale, durante l'annuale BlizzCon di cui abbiamo già scritto qui  poco di nuovo è stato annunciato. Quel che vi possiamo dire è quanto possiamo vedere con i nostri occhi, ovvero la Collector's Edition e i suoi contenuti speciali, in particolare l'originale Artbook che racchiude in sé nuove zone, personaggi, mostri, armi e armature. Così attraverso la parte meglio descritta con immagini e brevi spunti, orientiamoci un attimo. Anzitutto, ricapitoliamo dove ci troviamo, perché se si parla dei Signori della guerra di Draenor, siamo sicuri che questa volta il centro dell'attenzione saranno gli orchi, i loro clan e la loro terra natale… o quel che ne resta. Dreanor era a tutti gli effetti la patria degli orchi prima della comparsa delle Outland, nonché rifugio della razza Draenei al loro arrivo su Azeroth. Dunque quel che si vede nelle cosiddette Terre Esterne , non è che un frammento in un'altra dimensione, al quale si accede tramite il Dark Portal.
Si capisce come torneranno sotto i riflettori le Outland, appunto, con nuove zone e una rivalutazione di quelle già conosciute. Con ordine incontriamo Frostfire Ridge: una zona di campi ghiacciati e fiumi di lava, terra degli orchi Frostwolf , nemici giurati della fazione corrotta di Iron Horde. La sua capitale è Fortress Peak, che svetta tra i ghiacciai su una landa di caverne"popolate" da giganteschi scheletri e in cui hanno sede alcuni orchi importanti.
Gorgrond è anch'essa una nuova zona in Draenor, casa del clan di orchi Blackrock e sede industriale cosparsa di turbine e macchinari destinati ai preparativi per la guerra degli Iron Horde.
Resta la pacifica Nagrand, terra degli orchi Warsong e ricca per la caccia  (un minuto di silenzio per tutti gli animali caduti durante TBC)  con il suo antico monte Oshu'gun fatto di cristalli provenienti da un'altra realtà; fortune che  mantengono questa landa fissa nella sua posizione contesa tra Orda e Alleanza.
Anche ShadowMoon Valley permane, con la luna vicina più che mai, sede del clan degli omonimi orchi dell'immenso e ancora del maestoso tempio Draenei, sempre in pericolo di attacco da parte dei loro irrequieti vicini. Nel nuovo Spires of Arak, vedremo la casa della specie Arakkoa (che sterminiamo da anni) ancora incorrotta che condivide il territorio con il clan orchesco Shattered Hand; a chi cammina per terra sembrerà solo una serie di sottili e ingarbugliati ripari dal cielo, ma innalzandosi in volo comparirà sfolgorante una meravigliosa architettura Arakkoa.
Un'altra new entry è Talador, che così nuova però non è: nel suo cuore serba infatti la ben nota città di Shattrath e il mausoleo spirituale di Auchindoun. Scolpita in un perenne autunno poetico, questa landa di giardini e strade meravigliose permeate dalla più alta tecnologia e spiritualità Draenei è costantemente minacciata dalla Iron Horde e dalla Burning Legion.
Incontreremo per ultima, quando saremo a livello 100, Tanaan Jungle, una giungla di foreste primordiali che ricorda Un'Goro Crater molto meno dell'immaginabile. E' la sede centrale del dominio dell'Iron Horde e patria del Bleeding Hollow clan nonché del Dark Portal stesso.
Non ci resta che augurarvi(ci) una piacevole avventura densa di tachicardie e ragequit come ai sani vecchi tempi!

Ti potrebbero interessare anche:

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button