Cultura e Società

Volontari in gioco: come il gioco da tavolo si applica nel sociale

Tiriamo le somme di un corso di formazione sul gioco da tavolo e le sue applicazioni nel sociale, appena concluso a Trieste

Il titolo esatto è Volontari… in gioco – Il gioco nel lavoro sociale e nel volontariato ed è stato un corso di formazione online all’interno del progetto VOLTA Pagina, svoltosi da gennaio. Un percorso formativo per insegnare ad utilizzare il gioco da tavolo ed il gioco di ruolo nell’ambito del sociale. Un corso che ha avuto un’ottima partecipazione.

Volontari in gioco banner

Come nasce Volontari in gioco?

Tutto è partito nel 2019, quando la regione Friuli Venezia Giulia ha approvato il finanziamento del progetto VOLTA Pagina, di cui era capofila l’Associazione Franco Basaglia ODV di Trieste.

Si trattava di un progetto per promuove la cultura del volontariato, con l’obiettivo di migliorare la rete amicale e il benessere sociale di giovani a rischio di emarginazione. Il progetto prevedeva inoltre di creare una serie di iniziative utili in quest’ottica alle persone in situazione di fragilità.

L’elenco degli enti ed associazioni partner è lungo, il che fa capire anche quanto la fiducia nel progetto fosse ampia e diffusa. Oltre alla già citata Associazione Franco Basaglia troviamo, in ordine alfabetico, Arcigay Arcobaleno ODV, Associazione Familiari Sofferenti Psichici (A.FA.SO.P.), Bioest, Conferenza Permanente per la Salute Mentale nel Mondo Franco Basaglia (CoPerSaMM) ed infine la APS La Costola dei Barbari, organizzatrice del corso.

Volontari in gioco è stato inoltre patrocinato da Federludo, la Federazione Nazionale delle Associazioni Ludiche Italiane, costituita nel 2018.

I numeri del percorso formativo

All’interno del progetto VOLTA Pagina era prevista una parte di formazione, a carico di alcuni degli enti partecipanti. In particolare l’associazione La Costola dei Barbari ha organizzato il percorso formativo Volontari… in gioco, che si è tenuto in modalità online a causa dei disagi legati al Covid.

La notizia che il corso era in fase di avvio è stata data il 3 gennaio. Solo quattro giorni dopo, il 7 gennaio, più di 100 persone hanno partecipato al primo incontro online di presentazione. L’11 gennaio si sono chiuse le iscrizioni, superando quota 200 iscritti.

Il corso si è svolto a partire dal 14 gennaio, una volta a settimana fino al 18 marzo. 20 ore complessive durante le quali si sono sviscerati diversi aspetti del gioco, finalizzati all’inclusione sociale.

Il docente del corso è stato Alan Mattiassi: psicologo, formatore, ricercatore, appassionato di giochi da tavolo e giocatore di Magic: the Gathering della prima ora.

Di cosa si è parlato a Volontari in gioco?

Anzitutto si è partiti da una domanda: che cos’è un gioco? E ci si è resi conto che non esiste una sola definizione di “gioco”, bensì diverse in base agli elementi inclusi o esclusi.

Si è poi passati a definire cos’è l’esperienza ludica e quali sono le leve motivazionali. Inoltre si è esplorato il concetto di cosa crea ingaggio e coinvolgimento, perchè se una persona non è coinvolta in quello che sta facendo difficilmente lo farà per lungo tempo.

Non dimentichiamo che l’obiettivo del corso era soprattutto di rendere intuitivamente fruibile il mondo dei giochi da tavolo in contesti sociali. Quindi si è parlato di come scegliere i giochi da tavolo in base alle caratteristiche del gruppo (durata, tema, complessità,…).

Diversi giochi da tavolo generano poi diverse reazioni nei giocatori, facendo emergere un ruolo in ogni giocatore. In base al ruolo che si vuole far emergere alcuni giochi sono più indicati o meno indicati.

Si è poi giunti all’approfondimento della GameBased Learning, cioè dell’apprendimento realizzato attraverso l’uso di giochi o videogiochi.

Per chi se l’è perso ci sarà di nuovo?

Il progetto VOLTA Pagina ha avuto molto successo. Non solo nell’aspetto formativo ma anche nella pratica, durante gli eventi dal vivo (finchè è stato possibile farli). Ne è stato presentato un seguito dal titolo (RI)VOLTA Pagina 2.0, alla Regione, approvato dalla Regione Friuli Venezia Giulia lo scorso gennaio.

Visto il successo che ha avuto il corso Volontari in gioco non è da escludere che sarà riproposto, magari in forme diverse. Vi terremo aggiornati in caso di novità!

Per approfondire: Associazione Franco Basaglia ODV, Arcigay Arcobaleno ODV, Bioest, Conferenza Permanente per la Salute Mentale nel Mondo Franco Basaglia, La Costola dei Barbari, Federludo,

Alessio Riccardi

Amante di giochi da tavolo, giocatore di Magic della prima ora, divoratore compulsivo di mostre. Se c'è un gioco da tavolo nelle sue vicinanze, probabilmente vi inviterà a fare una partita insieme!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button