Cultura e SocietàScienza e Tecnologia

Virgin Galactic: secondo test di volo riuscito per SpaceShipTwo, VSS Unity

Pensavate che solo Elon Musk avesse adocchiato il turismo spaziale? Vi sbagliavate, e anche di grosso. Tra le varie personalità di spicco del pianeta Terra anche Richard Branson ha puntato i viaggi nello spazio. Sì, nel caso non vi fosse giunta voce, Branson, all’interno del Gruppo Virgin, nel 2004 ha creato la Virgin Galactic. Insomma, gli mancava solo di dedicarsi a portare esseri umani a più di 100 km dal suolo: d’altronde c’era già una sezione del Gruppo che si occupava di esplorare i fondali marini, un’altra di fitness, una di voli aerei a basso costo, poi c’era una scuderia di F1 (fino al 2016, in realtà) e non scordiamoci le attività di produzione musicale!  (con gente tipo i Gorillaz, per dire)

Cos’ha fatto la Virgin Galactic?

Facciamo un poco di chiarezza: la Virgin Galactic vuole creare spazioplani per volo suborbitale, cioè in grado di volare a più di 100 km dal livello del mare, oltre la linea Kàràman, per fare un poco di turismo spaziale. Perfetto. Ieri, 13 Dicembre, c’è stato un test di SpaceShipTwo, il velivolo disegnato e realizzato dalla Virgin Galactic.

A bordo c’erano i due piloti Frederick Sturckow e Mark Stucky, insieme ad un carico fornito dalla NASA che avrebbe fatto sfiorare allo spazioplano il peso massimo per cui è disegnato. L’obiettivo? Test accurati e misure che possano aiutare nella messa a punto di questa tecnologia.


Sulla pagina twitter di Virgin Galactic potete trovare un resoconto estremamente dettagliato del lancio, tweet dopo tweet, comunque SpaceShipTwo è partito e ritornato sano e salvo, arrivando tranquillamente nello spazio e raggiungendo una velocità pari a quasi tre volte quella del suono. Insomma, un successone per la compagnia.
Riuscirà il vecchio Richard Branson a farsi temere almeno un poco da Elon Musk? Chissà, staremo a vedere.
 

Matteo Magherini

Matteo Magherini, noto ad alcuni come Asciugamano, è un gatto professionista. Una volta completato l’obiettivo « laurea triennale in fisica » ha deciso di scegliere la classe « fisico delle particelle » e si aggira tra un esame e l’altro intento a livellare. Appassionato di fantascienza, arrampicata e chitarre è campione nazionale di freddure.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button