Cinema e Serie TVNews

Trieste Science+Fiction Festival 2021: ecco il programma

Tante le anteprime italiane in programma dal 27 ottobre al 3 novembre al festival di fantascienza

Dal 27 ottobre al 3 novembre il grande cinema di fantascienza torna dal vivo: ecco il programma del Trieste Science+Fiction Festival 2021, organizzato dal centro ricerche e sperimentazioni cinematografiche e audiovisive La Cappella Underground. L’evento porta nel capoluogo giuliano le migliori produzioni di genere fantastico, con oltre 40 anteprime cinematografiche mondiali, internazionali e nazionali e tre concorsi alla presenza di registi, attori e autori da tutto il mondo.

Quest’anno l’evento avrà luogo con modalità di partecipazione sia online che dal vivo in tre diverse sale: il Politeama Rossetti e il Cinema Ariston di Trieste e la Sala Web di SciFiClub. Si tratta di una piattaforma streaming permanente curata dal Science+Fiction su MYmovies, sito leader in Italia nell’informazione cinematografica. 

In occasione del festival torna anche il Fantastic Film Forum, una serie di eventi dedicati agli operatori professionali del cinema e dell’audiovisivo in modalità completamente digitale. Da non perdere il nuovo ciclo di interviste web sul canale YouTube del Festival MONDOFUTURO, per dialogare con i divulgatori e comunicatori della scienza sul mondo di domani, le esposizioni, i workshop e le iniziative per tutta la famiglia che rendono Trieste Science+Fiction Festival un immancabile viaggio nel futuro per gli appassionati della fantascienza di ogni età.

Un festival Green

È dal basso, dalle scelte del quotidiano, dalla pianificazione e realizzazione di manifestazioni come un festival cinematografico che davvero si diventa attori del cambiamento. Negli ultimi 3 anni (anche durante la pandemia), i vari settori del Science+Fiction hanno voluto agire e ciascuno è intervenuto ragionando in un’ottica “green”: dagli acquisti, alla progettazione di allestimenti, alla produzione di materiali cartacei per la comunicazione, all’accoglienza degli ospiti.

Dal 2021 il Trieste Science+Fiction Festival partecipa fattivamente al progetto “Festival Green” a cura di AFIC (Associazione Festival Italiani Cinema), che raccoglie tra i suoi soci moltissimi festival da tutta Italia, ciascuno con le sue peculiarità, capaci di convergere verso una visione condivisa nei confronti un’azione così importante.  

Anche per l’edizione 2021 il Festival propone una selezione del meglio della fantascienza con anteprime e prime visioni in esclusiva, composta da film italiani e internazionali, documentari scientifici e 5 programmi di cortometraggi. Alla scoperta dei nuovi talenti e delle idee più visionarie, di viaggi fantastici e avventure spaziali, con film provenienti da ogni parte del globo terrestre ed extraterrestre. Il programma 2021 si articola in oltre 40 film selezionati in tutto il mondo per i tre concorsi principali: il Premio Asteroide e i due concorsi Méliès d’argent della MIFF, la federazione europea Méliès dei festival di cinema fantastico (Méliès International Festivals Federation).

Il programma delle anteprime

La serata di inaugurazione del Festival si terrà mercoledì 27 ottobre alle 20.00 al Politeama Rossetti. Dopo la cerimonia inaugurale, verrà proiettato in anteprima italiana il film di apertura della 21° edizione, The Last Journey di Romain Quirot. Il film francese vede protagonista Jean Reno e affronta importanti tematiche ambientali. Alle 22.30 la serata proseguirà con l’anteprima di Night Raiders di Danis Goulet con Amanda Plummer, disponibile anche sulla piattaforma streaming SciFiClub su MYmovies. Si tratta di un dramma distopico al femminile che parla di resilienza, coraggio e amore.

Tra i film in programma al Science 2021 anche Settlers dell’esordiente Wyatt Rockefeller. La pellicola è un audace sci-fi western, dove la nuova frontiera di un futuro non troppo lontano è il pianeta Marte, un luogo desolato e polveroso, in cui i nuovi colonizzatori cercano di sopravvivere a questo mondo sconosciuto e, soprattutto, agli uomini spietati che lo abitano. In anteprima italiana c’è anche The Pink Cloud, che segna l’esordio cinematografico della regista brasiliana Iuli Gerbase. La pellicola analizza l’impatto di una misteriosa invasione pandemica sulla vita quotidiana e sulle emozioni delle persone.

Spazio all’animazione con Absolute Denial di Ryan Braund, che per il suo esordio alla regia firma un incredibile film animato. Il progetto è composto da oltre 30.000 fotogrammi disegnati a mano e racconta le dinamiche tra uomo e intelligenza artificiale. Si focalizza sulla competizione tra un supercomputer e il suo creatore. Un programmatore ossessivo e geniale sacrifica la sua vita personale e professionale per costruire il computer più potente del mondo. Dopo settimane di isolamento e la sua esistenza ormai in pezzi, l’uomo si ritroverà ad affrontare una macchina molto più intelligente di lui.

Vampiri, alieni e tanto altro

Strawberry Mansion di Kentucker Audley e Albert Birney ci porta invece in un futuro non troppo lontano, in cui uno stato orwelliano controlla tutto e monetizza ogni esperienza umana, riscuotendo tasse persino sui sogni della popolazione. Il film Mad God rappresenta il ritorno a Trieste di Phil Tippett, già premio Asteroide alla carriera nel 2019, con il primo vero e proprio lungometraggio diretto dal mago degli effetti speciali. Il film verrà presentato fuori concorso al festival triestino in anteprima italiana.

Trieste Science 2021 programma

In calendario anche il documentario inglese Alien on stage delle registe Danielle Kummer e Lucy Harvey. La pellicola racconta l’incredibile storia vera (alla Full Monty) di un gruppo di autisti londinesi. I personaggi decidono di mettere in piedi una sgangherata versione teatrale del capolavoro fantascientifico di Ridley Scott. È uno spettacolo del tutto amatoriale e oltremodo bizzarro, che arriverà fino al prestigioso palcoscenico di un Teatro del West End di Londra. 

L’iconica Barbara Crampton arriva sugli schermi del Trieste Science+Fiction Festival con Jakob’s Wife di Travis Stevens, pluripremiata commedia horror in anteprima nazionale. L’attrice è affiancata da Larry Fessenden. Anne è  la moglie del Reverendo Jakob Fedder, zelante pastore di una piccola città. La loro vita confortevole subirà un brusco cambiamento quando lei deciderà di incontrare un vecchio amore. Un incontro da cui ricaverà due strani morsi sul collo, insieme a una forza sovrumana e una fame atavica. 

Altre novità in programma al Trieste Science+Fiction Festival 2021

Arriva sempre in anteprima italiana l’horror Vampir di Branko Tomović, che prende spunto da fatti di cronaca accaduti in Serbia agli inizi del diciottesimo secolo. Un uomo di Londra arriva in un piccolo villaggio remoto in Serbia per occuparsi del cimitero. Comincia ad avere visioni da incubo e sospetta che gli amichevoli abitanti del villaggio abbiano un’intenzione più sinistra nei suoi confronti.

Spostiamoci in Sud Africa con Gaia, esordio nel lungometraggio di Jaco Bouwer, un horror ecologico che racconta il dramma della sopravvivenza. Durante una missione di sorveglianza in una foresta primordiale, Gabi, una guardia forestale, incontra due survivalisti che vivono come in un mondo post-apocalittico. Il ragazzo e il filosofico padre sembrano seguire una loro religione e avere una relazione misteriosa con la natura.

In anteprima italiana sarà anche Night Raiders di Danis Goulet, un dramma distopico al femminile che parla di resilienza, coraggio e amore. Il film è ambientato nel 2043. Nel Nord America uscito dalla guerra, l’occupazione militare controlla città private di ogni diritto, e anche i bambini sono diventati proprietà dello Stato. Niska, un’indigena Cree, decide di unirsi a una banda clandestina di vigilanti per infiltrarsi in un’accademia di Stato per bambini e riavere sua figlia. 

Non solo cinema nel programma del Trieste Science+Fiction Festival 2021

La regista, sceneggiatrice e attrice Sabina Guzzanti presenterà il suo romanzo d’esordio 2119. La disfatta dei sapiens (HarperCollins, 2021) al pubblico del festival domenica 31 ottobre alle ore 17.30 presso il Cinema Ariston. Sabina Guzzanti sarà presente alla manifestazione triestina anche in veste di giurata per il Premio Asteroide. Si tratta di un riconoscimento internazionale per il miglior film di fantascienza, horror e fantasy riservato alle opere prime, seconde o terze di registi emergenti.

Il romanzo da un lato guarda alla grande letteratura distopica classica (da 1984 a Farenheit 451) e dall’altro affronta temi di straordinaria modernità. Tra questi il mutamento climatico, la concentrazione della ricchezza, la dipendenza dalla tecnologia. Un debutto letterario ironico, visionario e appassionante, in grado di cogliere questioni fondamentali e far riflettere. 

Il programma del Trieste Science+Fiction Festival 2021 continua

Il programma del Trieste Science+Fiction Festival include anche un focus alla fantascienza svizzera. La selezione Swiss Fantastic Films on Tour raccoglie 14 opere originalissime suddivise in 7 film e 7 cortometraggi. Inoltre, torna la sezione speciale dedicata alle produzioni fantastiche e fantascientifiche made in Italy, tra cortometraggi e film in anteprima. Spazio Italia, la sezione dedicata ai protagonisti e alle produzioni del cinema fantastico nostrano con classici e lungometraggi, accanto a cortometraggi e web series (Spazio Corto). Tra i film e i corti presentati ci saranno La Terra dei figli di Claudio Cupellini, Inferno rosso. Joe D’Amato sulla via dell’eccesso e l’anteprima mondiale del film A volte nel buio di Carmine Cristallo Scalzi.

Il festival si prepara a festeggiare anche quattro anniversari. Il primo è quello di 1997 – Fuga da New York (1981), capolavoro di John Carpenter e intramontabile cult fantascientifico che quest’anno compie i suoi primi 40 anni; il secondo è Un lupo mannaro americano a Londra, diretto e sceneggiato da John Landis sempre nel 1981; il terzo è La morte in diretta (1980) di Bertrand Tavernier; e l’ultimo è L’uomo che fuggì dal futuro – THX 1138 (1971), film d’esordio di George Lucas con protagonista Robert Duvall, che verrà proiettato in versione restaurata martedì 2 novembre. Non mancherà poi lo spazio per l’Education Program, dedicato a studenti, famiglie e insegnanti. Un evento ricco di sorprese.

SciFiClub per seguire il festival anche online

Per seguire il festival della fantascienza online saranno disponibili due diversi pass. Sono biglietti virtuali che consentiranno al pubblico di salire sulla navicella del Trieste Science+Fiction Festival. Nello specifico, sarà possibile acquistare nella Sala Web di SciFiClub sulla piattaforma MYmovies il pass Raggi Fotonici per vedere tutti i film su MYmovies.it al costo di 9,90 euro. Oppure il pass Raggi Fotonici Club, che include anche un mese di abbonamento a ScifiClub, la piattaforma streaming per i fan della fantascienza curata dal Trieste Science+Fiction. Quest’ultimo pass costa 12,90 euro.

Infine, tra gli ospiti in presenza del festival sono confermati Neil Gaiman, Pupi Avati, Dario Argento, Jimmy Sangster; e ancora John Landis, Lamberto Bava, Terry Gilliam, Enki Bilal, Joe Dante, Jean “Moebius” Giraud. Insieme a loro ci saranno anche Ray Harryhausen, Christopher Lee, Roger Corman, George Romero, Alfredo Castelli, Gabriele Salvatores; e ancota Alejandro Jodorowsky, Bruce Sterling, Rutger Hauer, Sergio Martino, Douglas Trumbull, Phil Tippett e Brian Yuzna.

Se volete saperne di più sul Trieste Science+Fiction Festival 2021, potete consultare il programma ufficiale delle proiezioni online e dal vivo. Intanto vi proponiamo il poster ufficiale dell’evento.

Offerta
2119. La disfatta dei Sapiens
  • Guzzanti, Sabina (Author)

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button