News

Top Ten Zombie Weapons

Dopo i limoni continuiamo a festeggiare il nostro compleanno. Orgoglio Nerd un anno fa, aveva aperto le danze con una domanda che più Nerd non si può. Che arma usereste se vi ritrovaste nel bel mezzo di un'apocalisse zombie? A distanza di un anno la redazione risponde, basando le proprie scelte principalmente su armi realmente esistenti e non fantomatiche armi laser o bombe nucleari difficilmente reperibili. Dunque ecco le nostre decisioni, ma la domanda è sempre valida: voi che arma usereste? Volete vederci in azione mentre uccidiamo zombie? Guardate qui.

{Fabio Succi Cimentini – La Vittima} C'è sempre, in ogni gruppo, squadra o redazione, la tutina rossa. Fabio ha deliberatamente scelto di essere l'inevitabile "morto per rendere chiara che la situazione è grave". Che sia il primo o il terzo, siamo sicuri che a un certo punto tornerà e saprà come vendicarsi.

{Valeria Bertolo – Mattarello}In caso di apocalisse zombie (non posso negare che trattare questo tema m’imbarazza), come arma userei il mattarello e matterello (visto che Word insiste perché io lo scriva così). Mi chiederete: tu vai in giro con un matterello nella borsa? No, ma sono sicura che in caso di attacco zombie io sarei in casa. Certe cose una donna le sente. E comunque l’apocalisse zombie non ci sarà. San Giovanni parla solo di flagelli, draghi e bestie.

{Francesca Giulia la Rosa – Pugnale da Trincea } Scelgo il pugnale da trincea o trench spike, arma nata per il combattimento corpo a corpo durante la Prima Guerra Mondiale, con il manico con tirapugni che permette di evitare la caduta di mano dell’arma e la più facile estrazione della lama una volta conficcata nell’orbita oculare di uno zombie. (All’occasione può anche essere usata come tirapugni; arma adattissima per pugnalare dall’alto verso il basso, quindi agevole per la mia statura)

{Mattia "Nini" De Poi – Pala }Solida, robusta e ideale per sfracellare le teste dei non morti, la pala è un'arma a medio raggio che permette di colpire il malcapitato mantenendosi ad una certa distanza, non vogliamo correre il rischio di farci mordere.Se la situazione lo richiedesse potete sempre usarla al contrario per diminuire il rumore di cranio zombie spappolato senza diminuire la sua potenza distruttiva. La pala è l'arma perfetta per rispedire i non morti sottoterra, scavando pure le fosse!

{Silvio "Shiruz" Mazzitelli – Martello da guerra} Comodo per fracassare teste in poche semplici mosse. Resistente agli urti, non soffre di usura come per esempio le lame. Spezza qualsiasi cosa con facilità, ottima chiave di riserva per porte bloccate, pareti non troppo resistenti e molto altro ancora. Un vero oggetto tuttofare in un'apocalisse zombie! Poi volete mettere il gusto di urlare inneggiando a Thor con il suono di crani fracassati come colonna sonora?  

{Damiano Zanardi – Bastone } Io scelgo il bastone, ma non un semplice bastone da passeggio!
Il bastone che userò per difendermi dalle orde di Zombie è lungo 230 cm e pesa 3,4 kg. L'ho ricavato direttamente tagliando il tronco di una giovane quercia. É possente e agile allo stesso tempo ed è meglio di ogni altra arma: non ha bisogno di manutenzione particolare o di proiettili. Inoltre mi permette di spaccare le teste come fossero noci e la sua lunghezza mi permette di colpire a distanza di sicurezza

{Alessandra Zanetti – Spada Bastarda} Io scelgo con poca fantasia la mia spada bastarda, o a una mano e mezza perché è l'unica arma di cui sono in possesso e che sono in grado di usare in maniera efficace. Non ha bisogno di munizioni e può tenere a una distanza relativamente sicura gli Zombie; meglio anche di una spada e uno scudo che rallenterebbero i movimenti o di due spade che hanno portata minore. 

{Monica Fumagalli – Katana} Un po' è come quando, giocando a basket, fai uno di quei canestri perfetti in cui la palla sfiora a malapena la rete. Nessun rimbalzo, nessun rumore.. Pulito. Per questo ci vorrebbe una bella spada affilata, per affrontare un'apocalisse zombie, ma non una qualunque! Un katana di qualità, quasi un'opera d'arte creata da un maestro forgiatore. Per mozzare e infilzare teste velocemente e senza complicazioni, dipingendo quadri con le macchie di sangue… Trucido ma sempre di classe.

{Gabriele Bianchi – Piede di Porco}Dopo lunghe riflessioni che mi hanno portato a scartare ogni tipo di arma da fuoco o dalla distanza (nonostante anche tutti gli altri membri della redazione abbiano scelto armi da mischia, la facilità d'uso e la quasi totale mancanza di manutenzione necessaria sono caratteristiche che battono il vantaggio della distanza), la mia scelta è caduta su un solido, leggero ma resistentissimo piede di porco in titanio. Considerando che la mia tattica preferita per combattere gli zombie sarà NON combattere gli zombie, mi piace portarmi dietro uno strumento, oltre che un'arma. E poi è approvato da Gordon Freeman!

{Daniele Daccò – Ascia Motosega Mega Combo } Due armi: come diceva Mel Brooks, è bello essere re. La Motosega non è molto pratica, ma chi la pensa così non ha una motosega, l'ascia è un'ascia. Sul serio devo spiegarvi perché quest'arma è cool? Comunque ci tengo a dire che non le userei contemporaneamente, ciascun'arma merita la giusta attenzione. Groovy.

redazioneon

La Redazione di Orgoglio Nerd, sempre pronta a raccontarvi le ultime novità dal mondo della cultura Nerd, tra cinema, fumetti, serie TV, attualità e molto altro ancora!

Ti potrebbero interessare anche:

Commenti

  1. Un podio di eccellenza insomma, e la axe-chainsaw-mega combo potrebbe essere la scelta definitiva, anche se ricordiamo a quanti zombie il buon vecchio Gordon abbia retto con quel piede di porco! E l’eleganza della katana ti permette di sterminare orde non morte per poi girarti verso i tuoi amici (se ci sono sopravvissuti) con sguardo di sufficienza e perchè no di superiorità!

  2. meglio una coppia di wakizashi. Per le armi da fuoco consiglio quelle a tamburo, poca manutenzione, non si inceppano e possono sparare sottacqua.

  3. bhe io sicuramente userei una chain sword con armatura da spacemarine ma se non avessi scelta userei un’ascia e qualche bambino giapponese come esca :3

  4. la pala, la pala secondo me è l’attrezzo piu repelibile, oltre al bastone (te voglio bene ma non è che dopo 40 crani fracassati cede un po il legno?) cmq tornando alla pala è ottimo perchè puoi fendere colpi orizzontali, che creano squarci perfetti, e verticali per rompere ossa e spaccare denti (vi vorrei porgere una domanda su questo, se gli zombie vi mordono ma sono privi di denti…succede qualcosa? no perchè io sto seguendo un manga “I’M A HERO” che vi consiglio di leggerlo per la raffinatezza e la veriticità in un’apocalisse zombie) cmq la motosega necessita di benzina, e pure miscelata quindi dopo un massimo di due ore di trinciamenti è utile come uno stuzzicadenti… 😀

  5. Io vado per il piede di porco e l’ascia, sono arnesi utili anche nel quotidiano oltre che in battaglia. La motosega so usarla per via della mia discendenza da famiglia di boscaioli, ma consuma troppo carburante, ha bisogno di olio e per di più si incepperebbe con i brandelli di ossa e carne perché si strappano in brani troppo grossi. In più verrebbe continuamente deviata dalle ossa più grosse e rischierebbe di restare infilata in qualche cadavere mentre altri ci vengono addosso. E’ pesante, scomoda da portare, rumorosissima. Insomma, è l’ultima cosa che vorrei avere con me. L’ascia in compenso è multiuso, maneggevole, spacca crani anche se chi la brandisce ha una forza nella norma, si può usare pure come bastone da passeggio e con una fune si può portarla a tracolla. Idem il piede di porco.

  6. quoto sulla motosega…l’arma deve essere silenziosa!!! però un cosa, dipende anche da che zombie hai difronte…è un po stupido andare addosso a uno zombie che magari da umano era un pesomassimo con un piede di porco o qualsiasi altra arma corpo a corpo. in questo caso la miglior difesa è la fuga XD

  7. poi dipende anche da che versione di zombie hai davanti, se hai quelli di the walking dead puoi ucciderli anche con una matita o a pugni tanto che sono lenti. Se trovi quelli di zombieland sono “un po’ più cazzi” devi essere veloce e letale. In genere preferisco armi corte con lama, in coppia, le si possono sfruttare in campo aperto o in spazi stretti. (essere nerd in tecniche e tattiche militari a volte aiuta)

  8. Io sono per la Katana o una Nodachi (relativamente più lunga di una Katana ma a due mani) accoppiata con una lama corta come un Tanto knife o in alternativa un normale martello da lavoro utile per spaccare teste in spazzi chiusi e da usare come attrezzo nei momenti di bisogno.

  9. Sembra comunque che la maggior parte siamo tendenti ad armi bianche o arnesi da lavoro, piuttosto che armi da fuoco e motoseghe.

  10. ALmeno a parere mio… la katana è una buona arma, ma pensa un attimo: se de i sopravvivere a lungo agli zombi, dopo un toto di teste mozzate, il filo inizia a risentire, e dopo un po’ smette di tagliare. Il machete, invecie, anche se perdesse iol filo, portebbe essere comunque usato per spaccare i crani degli zombi, ma ha una portata molto corta. A questo punto,l’arma bianca definitiva diventa… il Machete-katana!!! Aquistabile per solo un centinaio di euro, quest’arma particolare combina i pregi di entrambe le armi sopra citate. Come arma da fuoco consiglio un arma maneggievole, con mirino di precisione, calcio telescopico, mirino di precisione, silenziatore e funzione raffica-colpo singolo. Ovviamente la raffica va usata solo in casi estremi: ricorda che devi sopravvivere più a lungopossibile e praticamente senza risorse, quindi devi risparmiare i proiettili! Meglio un solo colpo in mezzo agli occhi, che decine di colpi sparate a csaccio. Lanciafiamme e motosega sono altamente sconsigliate. La cosa migliore, comunque, è, indipendentemente dalle tue armi a patto che siano da distanza e che tu abbia molte munizoni, prendere un pullman, tipo quello della scuola, sprangare la parte destra di modo da renderlo inpenetrabile da quel lato, andare in giro a cercare armi e/o superstiti facendoli entrare dalla porta del guidatore, l’unica sul lato sinistro, e recarsi al centro di una città infesata. Schiantare il bus contro un’edificio di modo che la parte sinistra sia contro la parete, mettersi a suonare il clacson e accendere la radio al massimo, in modo da attirare più zombi possibili, salire sul tetto del veicolo con le armi e uccidere tutti gli zombi, che non saranno in grado di raggiungervi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button