Cinema e Serie TVFeatured

Tom & Jerry: slapstick in libertà | Recensione

I due celeberrimi personaggi tornano in azione in un nuovo lungometraggio. Com'è andata?

Tom e Jerry sono due delle più celebri icone della storia dell’animazione. Questo gatto e questo topo hanno attraversato le generazioni, portando avanti per oltre ottant’anni la loro rivalità. Trappole, scherzi, nuovi personaggi secondari e addirittura diversi Premi Oscar (ai migliori cortometraggi animati) hanno costellato il loro percorso fino a qui. Oggi debuttano in Italia in digitale con un nuovo lungometraggio, realizzato con tecnica ibrida, unendo animazione e live-action. Com’è andata? Scopriamolo insieme nella nostra recensione di Tom & Jerry.

La nuova avventura di Tom e Jerry ci porta a New York

Il Royal Gate Hotel di New York si sta preparando a ospitare un evento eccezionale: una delle coppie più celebri e amate dello show business ha scelto proprio questa location per il proprio matrimonio. Si tratta di un’occasione incredibile per l’albergo, una di quelle in cui non si può assolutamente fallire. Per una serie di circostanze imprevedibili, nella squadra organizzativa entra Kayla, una giovane donna che cerca in ogni modo di sbarcare il lunario e che è pronta a tutto per dimostrare quanto vale.

Sfortunatamente sulla propria strada si pone un avversario temibile: il topo Jerry, che ha scelto proprio il Royal Gate come la propria nuova residenza. Chiaramente non è possibile lasciare scorrazzare l’animale per l’hotel in un’occasione così prestigiosa. Kayla si assume quindi il compito di sfrattarlo e assicurarsi che il matrimonio vada liscio. Proprio a questo scopo ‘assume’ il gatto Tom, animato da un desiderio di vendetta nei confronti di Jerry e insieme cercheranno di risolvere la situazione.

C’è quindi una storia che fa da cornice alle classiche sfide tra i due personaggi. Si tratta di poco più che un pretesto, costruito semplicemente per dare una struttura narrativa alla pellicola, cercando di andare oltre una semplice collezione di sketch.

L’impegno da questo punto di vista è piuttosto minimale. I personaggi sono generalmente abbozzati e diversi di essi sono funzionali a scopi specifici, senza un vero e proprio senso di evoluzione. Soprattutto nella parte iniziale della pellicola poi, l’integrazione tra le due ‘anime’ di questo Tom & Jerry non è particolarmente organica. Si sente davvero una separazione tra i momenti dedicati all’avanzamento della trama del Royal Gate Hotel e quelli incentrati sulle tradizionali battaglie tra gatto e topo.

Bisogna interrogarsi sul senso della pellicola

Chloe Grace Moretz come Kayla in Tom & Jerry
Courtesy Warner Bros. Pictures

Non è particolarmente utile analizzare questo film come un qualsiasi altro titolo in uscita. Fin dall’inizio è evidente che il suo target sono gli spettatori più giovani, senza un particolare interesse a coinvolgere anche chi è cresciuto con Tom e Jerry o in generale allargare il pubblico oltre la fascia d’età più bassa.

Lo scopo di questa pellicola sembra essere principalmente proprio quello di offrire a una nuova generazione una sorta di entry point nel mondo dei due personaggi. Un’occasione per riportare Tom e Jerry al centro della scena e poi spingere genitori e figli a tornare a vivere le avventure animate del duo.

Potremmo stare qui a elencare i problemi del film, parlando di sottotrame che sembrano non andare da nessuna parte o interrogandoci sulle ‘regole’ di questo mondo (perché ad esempio Tom & Jerry non parlano ma quasi tutti gli altri animali sì?). Ma dov’è il senso di queste valutazioni? Sono tutte cose che non interessano il pubblico a cui questo film fa riferimento e non è lo scopo della pellicola.

Ragionando proprio sulla capacità di “portare Tom e Jerry a una nuova generazione”, tutto sommato l’operazione riesce. Lo spirito dei cartoni animati è riportato in maniera fedele nei momenti dedicati agli scontri tra i due, con tanto di ripresa diretta di alcune gag e momenti classici. Non solo, ma è apprezzabile anche il tentativo di inserire tanti di quei personaggi secondari che hanno accompagnato le avventure del gatto e del topo, anche se solo per una breve apparizione. Piccole chicche che faranno sorridere gli adulti che accompagnano la visione del film.

Tom e Jerry è la scelta per una serata in famiglia

tom e jerry
Courtesy Warner Bros. Pictures

Questa pellicola è diretta quasi esclusivamente a spettatori molto giovani, insomma, che magari non conoscono Tom e Jerry e potranno scoprirli in questa nuova avventura. È un prodotto per una serata in famiglia davanti alla televisione, che farà divertire i piccoli, sia con qualche gag legata ai personaggi in live-action (che, aspetto a parte, sono comunque profondamente cartooneschi), ma soprattutto con i bislacchi scontri tra il gatto e il topo. Gli adulti a fianco a loro sul divano dovranno accontentarsi solo di qualche sorriso, mentre ricordano i tempi in cui erano loro i bimbi che seguivano le avventure di Tom e Jerry.

Tom & Jerry è disponibile dal 18 marzo per l’acquisto e il noleggio premium su Amazon Prime Video, Apple Tv, Youtube, Google Play, TIMVISION, Chili, Rakuten TV, PlayStation Store, Microsoft Film & TV e per il noleggio premium su Sky Primafila e Infinity.

Mattia Chiappani

Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button