Giochi

Tibalt: un mezzo demone dai mille progetti e dai mille insuccessi

Tibalt è un Planeswalker con un sacco di piani d'azione, ma li vede sempre tramontare sotto la sconfitta

Tibalt è un Planeswalker che ritorna spesso nella lore di Magic: the Gathering. Ogni volta ha un piano per mettere i bastoni tra le ruote ai protagonisti dell’arco narrativo in corso. Vediamo la sua storia e come si sono sviluppati i suoi progetti!

La gioventù di Tibalt e la Scintilla

Tibalt nacque Umano su Innistrad, dove divenne allievo di uno Skaberen, cioè di uno scienziato/necromante impegnato nella realizzazione di forme di vita artificiali.

Iniziò a riassemblare cadaveri e a rianimare i corpi ricostruiti, ma non aveva né le capacità, né la voglia d’impegnarsi che sarebbero servite per portare avanti i suoi studi sulla necromanzia.

I continui fallimenti e la percezione di essere inferiore rispetto agli altri studiosi fecero montare in lui una rabbia crescente. Iniziò allora a utilizzare le sue conoscenze sui vivi, per testarne la soglia del dolore. Prima fece i suoi esperimenti sui ratti, poi passò ai vagabondi della zona.

Questo attirò i diavoli, che iniziarono ad avere scambi di segreti con Tibalt, rendendolo sempre più malvagio e imprudente.

Le voci si sparsero, finchè un gruppo di inquisitori fece irruzione nel suo studio trovandolo circondato da demoni, mentre gli strumenti dei suoi esperimenti erano in bella vista.

Tibalt era stato colto in flagrante e sarebbe stato certamente condannato a morte, allora utilizzò la magia appresa dai diavoli per fondere la sua essenza con la loro. Il risultato fu un dolore immenso, che però fece accendere la Scintilla di Tibalt, rendendolo un Planeswalker e un Mezzo Diavolo.

Tibalt, nonostante il timore di essere catturato dagli inquisitori, restò su Innistrad e continuò le sue ricerche e i suoi esperimenti sul dolore degli Umani. Arrivò anche a scontrarsi con Sorin Markov, e dopo questo scontro decise di continuare i suoi esperimenti su altri Piani.

Tibalt

Una breve comparsata nella Guerra della Scintilla

Tibalt, come tutti gli altri Planeswalker, venne attratto su Ravnica dal Faro Planare. Una volta arrivato sul Piano rimase intrappolato dal Sole Immortale, non potendo più fuggire.

Quando arrivarono gli Eterni guidati da Liliana Vess fu tra quelli che li combattè, ma allo stesso tempo non si trattenne dal provocare dolore ai cittadini del Piano per puro divertimento.

Quando infine il Sole venne disattivato da Chandra Nalaar, Tibalt fu tra i molti che fuggirono subito da Ravnica. Si diresse ad Esper, dove incontro Tezzeret.

Convinto di creargli un forte dolore, gli rivelò che il suo capo, Nicol Bolas, era stato sconfitto. Ma con stupore scoprì che anche Tezzeret ne era contento.

Tibalt e Chandra

Dopo la Guerra della Scintilla, Tibalt tornò di nuovo su Ravnica, e di nascosto osservò il dolore di Chandra per non essere riuscita a evitare la distruzione della città di Regatha.

Tibalt allora iniziò a nutrirsi dell’angoscia della piromante, ma alla fine lei riuscì a liberarsi e scappare.

Innistrad

I due si incontrarono di nuovo su Innistrad, dove Tibalt cercò di aumentare la disperazione di Chandra con un attacco empatico e rivelò alla piromante che era attratto dal suo dolore. I due si affrontarono ed Chandra ne uscì sconfitta.

Tibalt allora andò su Kaladesh, dove catturò Pia Nalaar, la madre di Chandra. Mentre la stava torturando arrivarono Chandra e Ajani. Dopo uno scontro, Tibalt venne sconfitto e consegnato alle autorità di Kaladesh, che lo rinchiusero in una speciale prigione.

In fuga su Kaldheim

Ma Tibalt riuscì a fuggire, e andò su Kaldheim. Qui incontrò Vorinclex, una Bestia Spaventosa proveniente da Nuova Phyrexia, che lo infettò col suo veleno. Lo avvertì che poteva curarlo, ma solo se faceva da distrazione abbastanza tempo da realizzare i suoi piani.

Questa proposta era in linea con i piani di Tibalt, che voleva scatenare il caos sul Piano, quindi accettò. A sua volta ingannò Valki, il Dio delle menzogne, e lo imprigionò con delle catene magiche per poi trascinarlo nel reame di Karfell. Poi strinse un patto con Re Narfi: finché avesse tenuto imprigionato Valki, lui poteva prendere qualsiasi tesoro durante la Collisione dei Reami.

Poi, con l’aspetto di Valki, il mezzo-diavolo si recò nel reame di Axgard, dove uccise Koll e rubò la Spada dei Reami, una lama in grado di creare un passaggio verso qualsiasi reame di Kaldheim. Iniziò così a seminare il desiderio di guerra e caos su tutti i reami.

Il piano però trovò un ostacolo nelle Valchirie di Starnheim. Esse che non avevano alcun interesse per l’oro o il potere e non temevano gli altri mortali di Kaldheim. Tibalt creò un passaggio per Koma in modo da far arrivare la serpe del Cosmo su Starnheim per uccidere tutte le valchirie e distruggere il reame. Niko Aris fermò il suo piano, ma lui ancora non lo sapeva.

Kaldheim. Banner 1024x506

Lo scontro con Kaya

Tibalt passò nel reame di Gnottvold dove mandò all’attacco i troll. La sua illusione venne però annullata da una magia di purificazione di Kaya, che rivelò il suo vero aspetto. Tibalt mandò contro di lei alcuni troll, mentre lui fuggì nella foresta.

Kaya riuscì comunque a raggiungerlo, e gli chiese perchè si trovava su Kaldheim e cosa ci guadagnava a scatenare i troll. Tibalt rispose che il caos era il suo guadagno e svegliò sei troll, poi usò la sua spada per aprire un portale verso Immersturm.

Tibalt preparò subito una trappola per Kaya. Lei in effetti lo seguì, ma con un alleato: Tyvar Kell. Alla fine Kaya riuscì a colpirlo ma lui rispose: scatenò dalla sua bocca del fumo che accecò Kaya. Tibalt la colpì con un attacco empatico. Tyvar fermò però l’attacco. Immune alla sua magia, intercettò la traiettoria dell’arma che stava per usare su Kaya, e tolse la lama dalle mani di Tibalt riuscendo a sconfiggerlo.

Di fronte alla sconfitta, Tibalt fece quello che gli riusciva meglio: fuggire nella Cieca Eternità viaggiando su un altro Piano.

Tibalt fugge ancora!

Rivedremo Tibalt, non si sa quando e non si sa dove, ma presto o tardi il mezzo diavolo riapparirà. Non ci resta che seguire la lore di Magic: the Gathering e vedere che nuovo piano proverà a mettere in atto questo personaggio.

Magic The Gathering- Confezione di 3 Buste per Il Draft Innistrad: Promessa Cremisi (Versione Italiana), C99551030
  • Contiene 3 buste per draft di Magic: The Gathering Innistrad: Promessa Cremisi.
  • 15 carte di Magic in ogni busta per draft (45 carte di Magic), inclusa 1 terra Notte Eterna in stile vetrina.
  • Trova una carta rara o Mítica in ogni confezione.
  • Almeno 2 carte bifronte in ogni busta.
  • Drafta, aggiungi terre e partecipa ai sinistri festeggiamenti.

Alessio Riccardi

Amante di giochi da tavolo, giocatore di Magic della prima ora, divoratore compulsivo di mostre. Se c'è un gioco da tavolo nelle sue vicinanze, probabilmente vi inviterà a fare una partita insieme!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button