Cinema e Serie TVNews

The Beatles: Get Back, un fan event al Torino Film Fest

L'appuntamento da non perdere si terrà sabato 27 novembre alle 14.30 presso il Cinema Massimo

The Beatles: Get Back, la docuserie originale Disney+ diretta da Peter Jackson, arriverà in esclusiva sulla piattaforma streaming il 25, 26 e 27 novembre 2021. Realizzata interamente con filmati inediti restaurati, questa docuserie fornisce lo sguardo più intimo e onesto mai documentato prima sul processo creativo di John, Paul, George e Ringo e sul loro rapporto. Il Torino Film Fest celebra, sabato 27 novembre alle 14.30 presso il Cinema Massimo, l’arrivo di The Beatles: Get Back su Disney+ con una proiezione evento per i fan di un esclusivo sneak peek di 100 minuti tratto dalla docuserie diretta da Peter Jackson.

Diretta dal regista vincitore di tre premi Oscar® Peter Jackson (la trilogia de Il Signore degli Anelli, They Shall Not Grow Old – Per sempre giovani), The Beatles: Get Back porta il pubblico indietro nel tempo alle sessioni di registrazione della band nel gennaio del 1969, in un momento cruciale della storia della musica. La docuserie mostra il processo creativo dei Beatles durante la scrittura di 14 nuove canzoni. Il tutto in preparazione del loro primo concerto dal vivo dopo oltre due anni. Di fronte a una scadenza temporale quasi impossibile, i forti legami di amicizia condivisi da John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr sono messi alla prova.

La docuserie è il risultato dello studio di quasi 60 ore di filmati inediti, girati in 21 giorni da Michael Lindsay-Hogg nel 1969. Inoltre troveremo più di 150 ore di registrazioni audio mai ascoltate, la maggior parte delle quali sono rimaste conservate in un caveau per oltre mezzo secolo. Jackson è l’unica persona in 50 anni ad aver avuto accesso a questo tesoro dei Beatles, che oggi è stato magistralmente restaurato.

Un racconto intimo dei Beatles

Quello che emerge è un ritratto incredibilmente intimo dei Beatles, che mostra come, anche sotto pressione, potessero ancora contare sulla loro amicizia, il buon umore e il genio creativo. Mentre i piani cambiano e le relazioni sono messe alla prova, sono composte ed eseguite alcune delle canzoni più iconiche al mondo. La docuserie presenta, per la prima volta in versione integrale, l’ultima esibizione dal vivo dei Beatles come gruppo, l’indimenticabile concerto sul tetto di Savile Row, a Londra, così come altre canzoni e composizioni classiche incluse negli ultimi due album della band, Abbey Road e Let It Be. La docuserie composta da tre episodi è realizzata con filmati inediti e restaurati che includono a volte un linguaggio esplicito, tematiche per adulti e rappresentazioni di tabacco. Si consiglia la visione a un pubblico adulto.

The Beatles: Get Back, presentato da The Walt Disney Studios in associazione con Apple Corps Ltd. e WingNut Films Productions Ltd., è un’entusiasmante nuova collaborazione tra i Beatles e Jackson. The Beatles: Get Back vede protagonisti John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr.

La docuserie è prodotta da Paul McCartney, Ringo Starr, Yoko Ono Lennon, Olivia Harrison, Jonathan Clyde (The Beatles: Eight Days a Week – The Touring Years). Oltre a Clare Olssen (They Shall Not Grow Old – Per sempre giovani) e Peter Jackson, mentre Jeff Jones (The Beatles: Eight Days a Week – The Touring Years) di Apple Corps e Ken Kamins (trilogia de Lo Hobbit) sono gli executive producer. Jabez Olssen (Rogue One: A Star Wars Story) è il montatore del documentario, Giles Martin (Rocketman) è il supervisore musicale. Michael Hedges (Le avventure di Tintin – Il segreto dell’Unicorno) e Brent Burge (trilogia de Lo Hobbit) sono i tecnici del suono. Le musiche sono mixate da Giles Martin e Sam Okell (Yesterday).

Offerta
1967-1970
  • Universal Music
  • Musica
  • CD o Vinile

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button