Cinema e Serie TVNews

Scrat: qual è la storia dello scoiattolo de L’Era Glaciale? Dal nome al ritrovamento scientifico

La continua lotta per la conquista dell'amata ghianda e i suoi pasticci lo hanno eletto idolo dei bambini; ma chi è davvero Scrat?

L’era glaciale è un film d’animazione del 2002 diretto da Chris Wedge e prodotto dai Blue Sky Studios, in co-produzione con 20th Century Fox Animation. Accolto con grande entusiasmo da critica e pubblico, il film ha ottenuto diversi riconoscimenti, tra cui una candidatura come miglior film d’animazione ai Premi Oscar 2003. Dei cinque film arrivati al cinema, il primo è sicuramente uno dei più amati in assoluto, non solo perché ci introduce nella storia, ma anche perché ci presenta personaggi che sono poi diventati iconici. Uno tra tutti: lo scoiattolo Scrat!

Chi è Scrat? La stramba storia del nome

Sì, potremmo definire la sua presenza marginale rispetto al resto del cast, d’altronde appare solo in alcune scene e si dedica totalmente alla sua amata ghianda; eppure Scrat è per molti il personaggio più amato dell’Era Glaciale. Ci sono molte curiosità su questo animaletto preistorico, a partire dal suo nome che non è casuale.

In tanti si saranno chiesti se, effettivamente, Scrat sia uno scoiattolo oppure debba essere considerato un ratto. L’animaletto curioso, in continua lotta con la famosa ghianda che non riesce mai a prendere, è frutto dell’immaginazione della figlia dello sceneggiatore Michael J. Wilson. Flora avrebbe infatti ispirato l’idea di un animale metà scoiattolo e metà ratto. Ciò, dunque, spiegherebbe la scelta del nome: Scrat è infatti una via di mezzo tra “squirrel” e “rat”. Sempre Flora avrebbe infine pensato alla famosa ghianda diventata il suo obiettivo in tutti i film.

Il viaggio di Scrat nei vari capitoli de L’Era Glaciale

Ma chi è Scrat nel cartone animato dell’Era Glaciale? Il simpatico animaletto preistorico, doppiato da Chris Wedge, è il protagonista di una serie di cortometraggi che talvolta fanno da teaser al film vero e proprio (come accade per il quarto e il quinto capitolo della saga).

In ognuno di questi ha tuttavia un semplice ed unico obiettivo: accaparrarsi quella ambita e succulenta ghianda. Ed è per questa ghianda che fa il giro del mondo, spesso combinando enormi pasticci che danno il via ad una serie di disavventure poi affrontate da Manfred, Sid, Diego e tutti gli altri protagonisti della saga.

Se nel primo viene schiacciato e allontanato dalla sua amata ghianda da una mandria che scappa dalla glaciazione, nel secondo crea una spaccatura nel ghiaccio e finisce sommerso dall’acqua del disgelo, arrivando alla fine dell’episodio nel ‘paradiso degli scoiattoli’.

Scrat ad un passo dalla gloria nel quarto capitolo de L’Era Glaciale

È poi nel quarto capitolo, L’Era Glaciale – Continenti alla deriva, che Scrat la combina grossa! Cerca di sbloccare la sua ghianda dal ghiaccio ma provoca accidentalmente la deriva dei continenti. Nella caduta al centro della terra finisce per perdere nuovamente la sua amata ghianda. Adagiatosi su un pezzo di ghiaccio in mezzo al mare, raggiunge una piccola isola deserta ed è qui che trova una mappa sommersa. Fa dunque una scoperta sensazionale: la mappa indica un tesoro che conduce alla città di Scratlantide, un luogo pieno di ghiande.

Alla fine del film, Scrat, che ha viaggiato per giorni nell’oceano su un pezzo di ghiaccio galleggiante, scopre di essere finalmente arrivato a Scratlantide. La quantità di ghiande presente e il suo istinto da roditore, lo spingono a rubarne tantissime, come in preda a un raptus. Alla fine viene allettato da una ghianda gigante che ha però la funzione di un tappo. Ecco perché, strappandola con la forza per portarla con se, finisce per far sprofondare la città nell’oceano. Il nostro amato Scrat, alla fine del quarto capitolo, si ritrova così disperato e senza ghiande nel mezzo del deserto.

Nel quinto capitolo de L’Era Glaciale Scrat apre con un bel disastro

Finite qui le disavventure del nostro Scrat? Assolutamente no! Nell’ennesimo tentativo di mettere al sicuro la sua preziosa ghianda, ritrova un UFO ibernato nel ghiaccio, probabilmente appartenente ad un’antica civiltà aliena di scoiattoli. Con la ghianda riattiva accidentalmente l’astronave ma, incapace di controllarla, finisce nello spazio dove crea il Sistema Solare e manda un gigantesco asteroide contro la Terra. Inutile dirlo: è proprio il nostro Scrat a dare il via ai guai poi affrontati sulla terra.

Scrat dell’Era Glaciale è veramente esistito?

Una creatura simile a Scrat potrebbe essere reale e aver vissuto nei territori di quella che è oggi l’Argentina nel Triassico medio-superiore 230 milioni di anni fa. La scoperta dello Pseudotherium argentinus, questo il nome scientifico scelto dalla squadra di paleontologi guidata da Ricardo Martinez dell’Università La Matanza di Buenos Aires, e la ricostruzione dell’animale ha infatti subito portato con la mente a Scrat. I fossili sono stati rivenuti nel 2006 nel Parco di Ischigualasto, stando a quanto riportato dal Corriere.

Leggi anche il nostro articolo sui Blue Sky Studios de L’era glaciale che Disney sta purtroppo chiudendo.

Offerta
L'Era Glaciale 1-5 (Box 5 Dvd)
  • Ray Romano, Denis Leary, Jennifer Lopez (Actors)

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button