Cultura e SocietàNews

Scoperto cosa si cela dietro un buco nero

Dan Wilkins, astrofisico, ci illustra nei dettagli l'ultima scoperta

In un breve lasso di tempo, gli astronomi si sono avvicinati sempre più buchi neri con immagini senza precedenti. Ora, per la prima volta, gli scienziati hanno visto cosa si cela dietro questi giganti cosmici. Come parte della svolta, i ricercatori hanno assistito e catturato la luce dal retro di un buco nero supermassiccio distante 800 milioni di anni luce. L’ultima scoperta è una “parte fondamentale del puzzle per capire” come è nato l’universo, stando a quanto dichiarato dall’astrofisico di Stanford Dan Wilkins. Inoltre, sembra confermare la teoria della relatività di Einstein di oltre un secolo fa.

Mentre erano intenti a studiare i bagliori luminosi dei raggi X emanati dal buco nero, una caratteristica nota come corona, i ricercatori hanno assistito a lampi di luce più deboli. Si tratta degli “echi luminosi” dei bagliori che rimbalzavano sul gas dietro il buco. Il fenomeno fu predetto per la prima volta da Einstein nella sua teoria della relatività pubblicata nel 1916. “Qualsiasi luce che entra in quel buco non esce, quindi non dovremmo essere in grado di vedere nulla che c’è dietro il buco nero”, ha spiegato Wilkins. “Il motivo per cui possiamo vederlo è perché quel buco nero sta deformando lo spazio“. Per poi aggiungere: “Piegando la luce e attorcigliando i campi magnetici attorno a sé”.

La spiegazione dietro al fenomeno della luce

Il buco nero supermassiccio è 10 milioni di volte più massiccio del nostro Sole. Inoltre si trova al centro di una vicina galassia a spirale chiamata I Zwicky 1. Un gruppo internazionale di scienziati ha assistito agli echi utilizzando l’XMM-Newton dell’Agenzia spaziale europea e i telescopi spaziali NuSTAR della NASA. I loro risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature.

“Il colore di questi lampi, il colore di quegli echi e il tempo in cui sono stati ritardati dopo il brillamento originale ci hanno detto che questi erano gli echi provenienti dal gas che è nascosto alla nostra vista dietro il buco nero”, ha osservato Dan Wilkins. “Alcuni di questi risplenderanno sul gas che sta cadendo nel buco nero“. Ha aggiunto Dan Wilkins per poi concludere: “E questo ci offre una visione davvero unica di questo materiale nei suoi ultimi istanti prima che si perda nel buco nero”.

Source
engadget

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button