Cinema e Serie TVNews

Una scena di The Suicide Squad è ispirata a un videogioco di James Gunn

James Gunn ha preso come riferimento Lollipop Chainsaw

L’accattivante scena di combattimento di Harley Quinn in The Suicide Squad ha una profonda connessione con un vecchio e oscuro progetto di James Gunn: il videogioco Lollipop Chainsaw. Il regista, ricordando la sequenza che vede coinvolta Harley Quinn e un’esplosione di fiori, ha rivelato di aver riportato alla mente Lollipop Chainsaw come una sorta di riferimento visivo e tematico per la sequenza.

“Ho fatto un videogioco chiamato Lollipop Chainsaw… In quel gioco, che ho fatto con Suda in Giappone, ho sempre amato il modo in cui cuori e piccole cose belle uscivano dalle persone mescolate al sangue“, ha detto James Gunn. “Quindi molto risale a quello, l’estetica di mescolare questo orribile sangue con il modo di vedere la vita di Harley e creare fondamentalmente la sua visione. Quindi è stato qualcosa che è nato subito, nella prima bozza della sceneggiatura”, ha così rivelato il regista.

Lollipop Chainsaw rilasciato nel 2012

Rilasciato nel 2012 per Playstation 3 e Xbox 360, Lollipop Chainsaw è stato frutto di una collaborazione tra Suda51 e James Gunn ed è stato rilasciato al di fuori del Giappone dalla Warner Bros. Interactive Entertainment. Gunn ha sviluppato la trama e i personaggi, inclusa la principale cacciatrice di zombie/cheerleader Juliet, che ha una somiglianza con Harley. Il gioco ha ricevuto recensioni contrastanti per il suo tentativo di trasformare lo sfruttamento in satira, un equilibrio che Gunn sembra sempre tentare di raggiungere.

Quando è arrivato il momento di migliorare la rappresentazione sullo schermo di Harley, James Gunn ha detto di essersi sentito ispirato a prendere un personaggio con una storia così ricca ed esplorare nuovi lati di lei.
“Amo il personaggio di Harley Quinn. Adoro l’originale Harley Quinn di Paul Dini. Penso che sia uno dei personaggi dei fumetti più ben scritti di tutti i tempi. – ha ammesso – Essere in grado di parlare con la sua voce e di scrivere per lei è stato un privilegio, ma mi sono anche sentito incredibilmente a mio agio nel farlo. Non è un personaggio di James Gunn, perché non l’ho creata io, allo stesso modo, ho creato Ratcatcher II, o anche King Shark in qualche modo. Ma lei è totalmente un personaggio di James Gunn in quanto la capisco”, ha precisato.

Eravate a conoscenza di questo aneddoto riguardo la scena di Harley Quinn in The Suicide Squad ispirato al videogioco? Avevate notato la somiglianza?

Source
cbr

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button