News

PK20 Special: L’Ultima Terra

Oggi rincorre il ventennale della pubblicazione del mensile dedicato al papero mascherato, munito di Scudo Extransformer e nemesi evroniane: PK.
Molti di noi in redazione sono cresciuti con questo fumetto, per alcuni addirittura è stato Il primo fumetto letto e collezionato. 
Pikappa ha fatto il suo ritorno sulle scene di recente con tre grandi storie: Potere e Potenza, Gli Argini Del Tempo e Il Raggio Nero. La febbre da Pikappa è tornata a farsi sentire in noi e il nostro lato pker si è risvegliato. Così è stato anche per Paride Prete, un pker e fumettista in erba, che a maggio 2015 decise di inviare una sua fan-art alla pagina pikappa official raffigurante il papero mascherato e Superpippo che replicano la scena del trailer di Batman vs Superman.
La prima tessera del domino era stata smossa. 
Da quel momento i fatti si sono susseguiti velocemente. Il disegno viene pubblicato e ottiene un successo insperato, Paride viene contattato da Roberto Diglio, sceneggiatore alle prime armi. Si scrivono tramite acebook, e così nasce l’amicizia e la collaborazione. Insieme decidono di dar vita ad una storia non ufficiale, un fan comic, che narri un epico scontro tra Pikappa e Superpippo.
In sei mesi, destreggiandosi tra studio e lavoro, riescono a completare i disegni e il loro sogno.
Nasce così “PK – L’ultima terra”.
Un casuale tributo al ventennale del papero in mantello ed Extransformer. 
Il loro progetto vuole essere semplice, un fumetto gratuito a disposizione di tutti solamente online, una storia che vede i due super eroi scontrarsi. Come nelle civil war della Marvel, anche qui, non vi è un buono o un cattivo: gli autori ci hanno raccontato che hanno scelto di non incentrare la storia solo su un super eroe, schierandosi apertamente con quello, bensì hanno creato un nemico comune che porta, però, i due super eroi a fronteggiarsi per motivazioni secondarie. Così, sui testi di Roberto, Paride ha disegnato la storia passandola infine a Lorenzo Barba per i colori.
Dopo la pubblicazione del prologo della storia con Superpippo protagonista, ora finalmente è uscito il primo atto.
Vi vogliamo ricordare ancora una volta che questa storia è un fan comic, quindi non canonica e tanto meno marchiata Disney ma solo frutto della fantasia, della passione e del duro lavoro di tre pkers. 
Il primo atto di questa storia ha un inizio decisamente sconvolgente: per la prima volta nella storia fumettistica di Paperopoli si assiste ad un attentato con tanto di morti e funerale drammatico delle vittime. 
L'arco narrativo si svolge tra le vicende narrate ne "Gli argini del tempo" e quelle de "Il raggio nero", Pikappa si trova ad affrontare un misterioso e teatrale villain che tiene in ostaggio dei cittadini in una trattoria di Paperopoli. Questa trattoria sarà teatro dell’esplosione catastrofica che segnerà l’inizio della storia e dei problemi di PK.
La storia è bella, degna delle altre della saga PKNA, forse con qualche errorino per il quale alcuni fan potrebbero storcere il naso, come ad esempio la troppa gentilezza e preoccupazione che Angus Fangus, giornalista (e kiwi) neozelandese – che ama Pk quanto J.J. Jameson ama Spiderman –, mostra verso il papero mascherato soccorrendolo. Questo primo atto ci regala delle scene che ci strappano il sorriso, altre che ci commuovono ed altre ancora che ci fanno venire in mente i più recenti cinecomics.
Per dirla breve e parlando da pkers possiamo affermare che ci è piaciuta, le dinamiche funzionano, Pikappa e Superpippo ci hanno piacevolmente sorpresi assieme nella stessa storia, il villan di turno è teatrale ed enigmatico al punto giusto, perfino Paperone nelle vesti di uno pseudo Nik Fury ha il suo perché.
Ma la cosa che ci è piaciuta ancora di più, e che ci ha spinto a scrivere questo articolo, è la passione che questi tre ragazzi hanno messo nel loro progetto. Non è forse questo ciò che ci distingue? Inseguire e difendere una passione a dispetto di tutto e di tutti nonostante le difficoltà.
Ansiosi di scoprire come si evolverà la storia vi invitiamo a leggerla sulla loro pagina di facebook.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button