Cinema e Serie TV

Paul Bettany definisce Wandavision “un bellissimo rompicapo”

Uno dei protagonisti ha rilasciato dichiarazioni molto interessanti sullo show

WandaVision arriverà su Disney+ questo gennaio e sembra una delle cose più interessanti mai uscite dall’MCU. La serie vede Wanda Maximoff (Elizabeth Olsen) e Vision (Paul Bettany) come una coppia sposata in una bizzarra realtà alternativa in cui sembrano vivere all’interno di una sitcom.

La lunga analisi di Paul Bettany

Fortunatamente, Paul Bettany ci assicura che tutto avrà un senso. In una recente intervista con Christina Radish di Collider sul suo prossimo film Uncle Frank, Bettany ha fatto luce su WandaVision, specificando che la serie sarà piacevolmente fuori dagli schemi. Queste le sue parole: “Penso che vi farà vedere l’MCU in un modo completamente nuovo, ma credo che sia assolutamente una parte di quell’universo”. Aggiunge: “Mentre ogni episodio si svolge, il pubblico sarà in grado di staccarsi strato su strato fino a quando questo bellissimo puzzle box scritto da Jac Schaeffer e diretto da Matt Shakman e girato dal [direttore della fotografia] Jess Hall sarà rivelato a tutti e avrà senso. Tutte le cose folli riguarderanno qualcosa”.

Paul Bettany ha continuato rivelando che WandaVision renderà omaggio praticamente a ogni decennio di sitcom televisive. “Siamo negli anni ’50, ’60, ’70, ’80, ’90 e tutto il resto”, ha detto. “Finiamo nell’MCU, nel mondo reale.” Ha anche commentato il processo di creazione di una serie televisiva così unica rispetto al lavoro sui film di successo dell’MCU.  “Se ci pensi, quello che ha fatto Kevin Feige è comunque un grande esperimento televisivo. Sono sequel e spin-off, in una formula episodica e una formula spin-off, come hai avuto in televisione da sempre, appena fatto su larga scala nei film” ha ammesso Paul Bettany.

L’analisi di Paul Bettany su Wandavision continua: “Quindi, spostandolo in TV, penso che abbiano preso una decisione davvero intelligente, in omaggio a molte epoche e generi diversi della TV dei secoli americani”. E conclude: “La differenza è questa, avevamo un sacco di soldi ma dovevamo guadagnare sei ore, invece di due e mezza. Hanno fatto cose molto intelligenti, abbiamo girato il primo episodio in due giorni, di fronte a un pubblico in studio dal vivo”.

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button