Intrattenimento

Patrick Stewart paragona Star Trek: Picard a Logan

Patrick Stewart, che presto tornerà ad interpretare il capitano Jean-Luc Picard nella nuova serie Star Trek: Picard, ha rivelato a Vulture i motivi per cui non era sicuro di riprendere il ruolo. Durante l’intervista l’attore britannico ha paragonato la nuova serie al film Logan. Stewart nel lungometraggio ha interpretato il professor Charles Xavier affiancato da Hugh Jackman (Wolverine).

Star Trek: Picard e Wolverine

1400171334-x-men_poster-trio

Grazie all’intervista di Vulture sappiamo che cosa ha trattenuto Patrick Stewart dal riprendere il ruolo del capitano Picard. Ad essere onesti, non volevo. Ho deciso molto tempo fa che il mio tempo con Jean-Luc e Star Trek era finito. L’attore sembrava convinto, tanto più che ha detto di aver dato tutto quello che aveva al personaggio e alla serie. Questo finché non ha incontrato i produttori Alex Kurtzman e Akiva Goldsman, che dopo un incontro sono riusciti a stuzzicare la curiosità di Stewart.

In meno di due giorni avevo più di trenta pagine di copione, che ho studiato molto approfonditamente. Una delle cose che avevo detto durante la riunione è stata che l’unico modo possibile che mi avrebbe portato a considerare di ritornare a quella vita sarebbe stato, per esempio, – e l’ho detto solo come esempio – se avessimo fatto qualcosa come Logan, l’ultimo film degli X-Men che ho fatto con Hugh Jackman. Dopo avrebbero avuto la mia attenzione.

Stewart ha elaborato questi pensieri e si è re incontrato con i produttori. Ne hanno parlato e si sono spiegati, tanto che, come continua l’attore britannico:

Erano entusiasti di creare un mondo che era molto diverso da quello a cui eravamo abituati. Mi sono incontrato di nuovo con loro e abbiamo parlato e parlato. Ho detto loro delle mie insicurezze e dei dubbi e pian piano ho capito che erano stati tutti considerati, in maniera così interessante che ero intrigato. Questo non sarebbe stato Star Trek: The Next Generation parte due. Ecco perché ho detto di sì.

Francesco Briola

Videogiocatore di vecchia data, estimatore di serie d'animazione e film, divoratore di documentari. Parafrasando Sin City, "ha avuto la sfortuna di nascere nel secolo sbagliato": per lui le automobili sono carrozze senza cavalli e sostiene che una spada sia mille volte più affascinante di una qualunque arma da fuoco. Schivo e riservato, è ancora a disagio nel rileggere queste tre righe.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button