News

Orgoglio Nerd VS Japan Expo 2012

Domenicasi sono concluse a Parigi la dodicesima edizione del Japan Expo e la quartaedizione del Comi-Con francese. Cominciamo proprio con quest'ultimamanifestazione che quest'anno ha proposto alcuni interessanti cambiamenti. Adifferenza degli anni precedenti lo spazio del Comic-Con è stato ottimizzato,in questo modo non sono rimaste molte aree scoperte nel padiglione in cui eraospitato. Gli artisti auto-prodotti sono stati spostati dal Japan Expo allazona in cui vengono allestiti gli stand dei giochi di ruolo e quelli dedicatiai fandom, come Xena, Alien, Visitor, Star Wars, Stargate e molti altri. Ilpalco del video game stage non era più vicino agli stand Nintendo e della Bandai, ma è stato spostato in fondo al padiglione, in questo modo è stato possibileseguire, senza essere disturbati dai suoni dei videogiochi, le conferenze. Anche il ring per il wrestling e i combattimenti di MMA sono stati spostati inquesta zona. Una nota negativa era la scarsa illuminazione, soprattutto per gli artisti che dovevano disegnare.

Altrocambiamento è stato lo spostamento dello stand dedicato alle richieste per gliautografi: il point dedicaces, che dametà sala è slittato alla fine del padiglione, dal lato opposto del videogame stage. Questa nuova posizione ha avuto sia vantaggi sia svantaggi: le code non intralciavano il prosieguo dellafiera ma il percorso da percorrere era più lungo. Altri due cambiamenti hanno riguardato il nuovo sistema dei biglietti. L'abbonamento premium, fino allo scorso anno disponibile solo per i Francesi, quest'anno era aperto a tutti e si suddivideva in quattro tipologie cheoscillavano dai 60 ai 175 euro, contro i 40 di quello normale. 1100 bigliettihanno dunque avuto la possibilità di entrare dai quaranta ai dieci minuti primadell'inizio della fiera, rendendo quasi impossibile agli altri avventori diottenere l'autografo di artisti presenti per un numero ridotto di giorni,specialmente nel caso del mangaka Naoki Urasawa, per cui si sono create le filepiù lunghe e Haruiko Mikimoto, presenti in fiera solamente per due giorni,contro i consueti quattro. Questo nuovo sistema non si è rivelato corretto nei confronti deipossessori dei normali abbonamenti, che nei casi di questi due artisti sonoriusciti a partecipare in pochi casi al sistema 'First come, first serve', e inalcuni casi nemmeno alla pesca, che quest'anno veniva realizzata subito dopo ilprimo sistema.

Grandesuccesso è stato ottenuto dai pannelli dedicati al Doctor Who, alla nuova serieanimata delle tartarughe Ninja, e al pannello di Teen Wolf, a cui hapartecipato Tyler Hoechlin (Derek), al posto di Tyler Posey (Scott). 

Ma passiamoal Japan Expo, la manifestazione più importante di questi quattro giorniparigini. Innanzitutto l'organizzazione, con la hall of fame, ha dedicato unomaggio a quattro artisti recentemente scomparsi: Bruno Bianchi, il creatore dell'ispettore Gadget, Osamu Dezaki, Shingo Araki e Moebius. Da segnalare cheper Araki era stato creato un concorso di disegno e il nostro Marco Albiero,incaricato di fare i disegni per il marketing mondiale del rilancio di Sailor Moon, ha visto pubblicato il suo disegno che ritrae i protagonisti della nuovaserie dei cavalieri, disegnati con lo stile di Araki. La Kana, per festeggiare i diecianni di pubblicazione del manga in Francia, ha realizzato una piccola mostra incui sono state esposte diverse tavole originali, mentre la mostra dedicata ad Urasawa era composta solamente da stampe. Le conferenze proposte quest'annohanno offerto qualche novità, in anteprima mondiale in alcuni casi, comel'annuncio della nuova serie di Sailor Moon, dei due film di Tiger & Bunny e alcune anteprime dello studio Sunrise. Però è stata notata con sommo dispiacere l'incapacità dell'organizzazione di trovare un luogo adatto per ilScene Japan Expo dove si sono tenute le conferenze principali. Anche se gli spazi dedicati agli sport sono statimessi vicini e hanno recato meno problemi in termini di audio, qualcuno ha avuto la brillante idea di mettere accanto alla'sala' lo stand dei tamburi giapponesi, che molto spesso impedivano di seguire le conferenze. Per il resto anche nel lato Japan l'organizzazione è riuscita a ottimizzare meglio gli spazi. Quest'anno inoltre si è visto meno materiale contraffatto rispetto all'anno scorso, ma in molti hanno preferito andare sulsicuro comprando direttamente dagli stand giapponesi, che spesso vendevano a prezzi molto vantaggiosi. Anche quest'anno i suddetti stand hanno cominciato asvendere la loro mercanzia nella giornata di domenica, abbassando i prezzi dialcuni oggetti da 100 a10€ e da 10 a5€. Per quanto riguarda gli stand di cucina giapponese quest'anno la scelta di cibi da poter mangiare si è fatta molto più ampia, oltre ai consueti okonomiyaki, takoyaki e ramen, c'era il domburi, riso o pasta al curry e con altri condimenti, a prezzi ragionevoli.

Imangaka Moto Hagio e Toshio Maeda, e le artiste Shiitake e Chiaki Miyamoto erano presenti con uno stand dove era possibile comprare un loro disegno, neiprimi due casi per qualche centinaio di euro, mentre nella zona degli artistisi poteva incontrare l'illustratrice Sakizo. La Kaze ha presentato diversi eventi aventi come protagonisti il regista Makoto Shinkai, la mangaka Rei Tome, per cui sono stati realizzati due master class, nel primo caso pubblico, nel secondo solo a pochi eletti e l'attrice del drama di Switch Girl, Mariya Nishiuchi. La Ki-oon ha portato inveceTestuya Tsutuy, per il quale ha creato delle copie dei protagonisti del suo ultimo manga, Prophecy, mentre la Tonkam ha presentato Testuya Saruwatari, con il quale sono stati creati degli eventi sul ring situato nel Comic-Con.

Tragli eventi tenutisi sul Main Stage ricordiamo le finali europee dell'EuropeanCosplay Gathering (ECG) dove l'Italia ha ottenuto il terzo posto sia nel singolo che nel gruppo e ha visto vincere la Francia nel Gruppo e la Germania nel singolo. La sfilata di AOI Clothing non è stata interessante come quella dell'anno precedente, mentre molti habitué della fiera sono rimasti sorpresi dall'innalzamento delle selezioni del WCS francese, normalmente snobbato per la bassa qualità dei cosplay.

Tirando le somme, quest'anno la fiera ha mostrato dei notevoli miglioramenti, anche se l'organizzazione lascia ancora a desiderare. Ogni anno diventa sempre più difficile scegliere cosa seguire, a causa della quantità di eventi interessanti. Non ci resta che augurarci che la prossima edizione sia ancora più entusiasmante.

Testi di Marlen Vazzoler.

redazioneon

La Redazione di Orgoglio Nerd, sempre pronta a raccontarvi le ultime novità dal mondo della cultura Nerd, tra cinema, fumetti, serie TV, attualità e molto altro ancora!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button