Intrattenimento

Odio Favolandia: uscito il quarto e conclusivo volume

È arrivato qualche giorno fa nelle librerie e fumetterie il volume conclusivo di Odio Favolandia, serie scritta e disegnata da Skottie Young.

Odio Favolandia, saga a fumetti scritta e disegnata da Skottie Young, giunge alla sua conclusione. Dall’8 novembre scorso è infatti disponibile il quarto e ultimo volume della serie, pubblicato in Italia, come i capitoli precedenti, da BAO Publishing.

Odio Favolandia giunge alla conclusione con il quarto volume!

Terminano dunque le coloratissime e bizzarre avventure di Gert, protagonista intrappolata da quarant’anni nelle fattezze di una bambina, ma soprattutto nell’assurdo regno di Favolandia dove si trova “tutto ciò che è puffo fluffo e odiosamente perfetto“. Un finale che sarà deliziosamente bizzarro e crudele, come ci ha ormai abituato Skottie Young negli episodi precedenti della serie.
Per liberarsi e riuscire finalmente a scappare da Favolandia, Gertrude dovrà recarsi all’inferno per fronteggiare il Diavolo in persona. La sinossi rilasciata promette un capitolo finale che sarà capace di far ridere, piangere e stupire, ma soprattutto convincere i lettori che tutte le sfortune capitate alla protagonista sono state ampiamente meritate.
Avete letto i volumi precedenti di Odio Favolandia? Cosa pensate di questo lavoro di Skottie Young? E soprattutto, siete curiosi di scoprire come si concluderà?
[amazon_link asins=’8865437510,8865438800,8832730952,8832731568′ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’443a4f9f-e67e-11e8-afd6-e5b5c15ceee6′]

Mattia Chiappani

Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button