Cultura e SocietàFeatured

La nostra esperienza nella eSport Cathedral a Lucca Comics & Games 2018

Anche quest'anno a Lucca Comics & Games gli eSport hanno avuto il loro palcoscenico dedicato grazie a ESL e Vodafone

Lucca Comics & Games si è conclusa ormai da due settimane, ma non vi abbiamo ancora raccontato tutto quello che ci ha lasciato questa manifestazione. Dopotutto, si parla dell’evento più importante per la cultura pop del mondo occidentale e le chicche da narrarvi sono davvero moltissime ancora. Tra queste, anche ciò che ho trovato, visitando una location molto speciale per tanti appassionati di gaming: la eSport Cathedral.

Parliamo un po’ di eSport…

esport esl cathedral lucca comics

Prima di addentrarmi nel racconto, vi creo un po’ di contesto. Immagino abbiate tutti più o meno familiarità con il concetto di sport elettronico o eSport. Non è poi troppo lontano dal sogno di diventare grandi campioni dei nostri videogiochi preferiti che abbiamo condiviso un po’ tutti da bambini, soprattutto chi ha visto e rivisto il film The Wizard del 1989 (arrivato in Italia con il titolo Il piccolo grande mago dei videogames).

Quello che però solo chi ha seguito attivamente la scena degli eSport sa è quanto tale mondo sia cresciuto nell’ultimo periodo in tutto il mondo. Report recenti hanno stimato che quest’anno la fanbase mondiale del gaming competitivo sfiorerà i 400 milioni di persone sul pianeta, generando un giro d’affari vicino al miliardo di dollari e pronto a superare questa soglia nel brevissimo periodo.

Gli eventi live sono sempre più di successo, capaci di riempire palazzetti e attirare milioni di spettatori negli streaming online. Per darvi un metro di paragone, si calcola che la finale del recente Mid-Season Invitational di League of Legends abbia raggiunto un picco di oltre 120 milioni di appassionati connessi.

In Italia la scena degli eSport è ancora agli inizi, ma continua a crescere a ritmi sostenuti, guadagnando giorno dopo giorno nuovi appassionati. Stando alle ultime statistiche, ci sono già oltre un milione di fan che più di una volta a settimana si informano sul mondo degli eSport, di cui più di 250.000 che seguono l’ambiente quotidianamente.

Ora che avete un’idea un po’ più concreta dei numeri della scena attuale del gaming competitivo, possiamo procedere con il racconto…

Una cattedrale dedicata a questo mondo

Superata la porta che conduce all’interno della chiesa (ovviamente sconsacrata) di San Romano, l’atmosfera che mi ha accolto è stata decisamente curiosa. Su uno sfondo costituito da colonne e affreschi, davanti a me si è stagliata una grande platea, con due colonne di poltroncine gremite di giovani (ma non solo) che seguivano con attenzione le partite sui due schermi, posizionati uno sul palco in fondo alla chiesa e uno in mezzo alla navata principale.

Quando sono entrato, si stava svolgendo uno degli eventi più importanti della manifestazione. Si trattava di uno dei due match previsti in programma del prestigioso campionato di League of Legends Vodafone ESL Championship. L’operatore di telefonia mobile è stato peraltro uno degli sponsor principali della eSport Cathedral, insieme a Intel e Pocophone by Xiaomi. La compagnia ha fornito il proprio supporto tecnico, grazie alla sua nuovissima rete Vodafone Giga Network 4.5G.

Tutti i match erano ovviamente commentati da una nutrita squadra di caster, proprio come un evento sportivo “classico”. Ho avuto la possibilità di fare anche un giro dietro le quinte, per osservare gli spazi da cui venivano trasmesse le telecronache, che seguivano attentamente e puntualmente tutti gli eventi che avvenivano a schermo.

Il programma di quest’area è stato davvero fitto. Oltre al sopracitato evento di League of Legends, nei cinque giorni della manifestazione si sono alternati tornei di Quake ChampionsClash Royale e Destiny 2.

Nel fondo della chiesa era inoltre disponibile un divertente (e affollatissimo) minigioco per testare i propri riflessi con l’obiettivo di vincere qualche gadget. A corollario di tutto, appena fuori dalla eSport Cathedral era presente il cosiddetto eSport Village, dove gli sponsor hanno avuto la possibilità di proporre ai partecipanti diverse attività di intrattenimento parallele agli eventi nella chiesa.

Il futuro degli eSport italiani passa da Lucca Comics & Games

vodafone esl cathedral

È stato davvero emozionante vedere così tante persone ritagliarsi uno spazio in una manifestazione frenetica come Lucca Comics & Games per seguire la propria passione. Una testimonianza di come la scena degli eSport stia diventando davvero importante anche nel nostro Paese.

È forse ancora presto per parlare davvero di Lucca Comics & Games 2019 (anche se ci sono già le date ufficiali!), ma una cosa possiamo dirla con sufficiente sicurezza: sarà un evento da non perdere anche per i tantissimi appassionati di eSport in Italia.

Mattia Chiappani

Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button