News

Mythos: Intervista a Simone Garizio

 Eccoci a un nuovo appuntamento con gli articoli dedicati al mito, questa volta però si tratta di un intervista molto speciale, infatti abbiamo intervistato Simone Garizio, il disegnatore del numero 29 di Mytico dedicato alla sfida fra Eracle e Cerbero, in cui compare anche l'articolo del nostro direttore! Iniziamo subito con le domande:

Orgoglio Nerd: Tutti i grandi disegnatori hanno le loro origini in tenera età quando la passione per il disegno è nata, sia per un sogno oppure una particolare fonte d’ispirazione, tu hai avuto qualcosa di simile? Quali sono le tue origini di disegnatore?

Simone Garizio:Ultimamente mi capita spesso di ripensare alle mie origini, proprio perchè sento di disegnatori che fin da bambini sognavano di fare fumetti. Per me è stato diverso, non ho mai pensato seriamente di fare  il fumettista, perchè mi bastava disegnare, e immaginare mondi con improbabili guerrieri che dovevano sconfiggere il cattivone di turno. D'altro canto però, i fumetti mi hanno sempre accompagnato,e ricordo ancora le innumerevoli mattine in cui mi alzavo prestissimo, per disegnare dragon ball! Quando ero all'ultimo anno delle superiori, dovevo decidere quale strada percorrere, e i miei genitori mi consigliavano di andare a studiare architettura (visto che mio padre è geometra, sarebbe stato facile avere un impiego finita la scuola). Riuscirono a convincermi, ed entusiasta della scelta lo dissi alla mia insegnate di modellato Debora (nonché mia mentore e grande amica tutt'ora), che in una manciata di brutali parole, mi fece cambiare idea. Ricordo ancora quello che mi disse, “ Architettura?? ma sei scemo? Non hai mai studiato in 5 anni, e vai a fare architettura!? Devi andare a fare fumetto!”, ed eccomi qua!

O.N. C’è qualche opera in particolare che ti ha ispirato nel tuo stile di disegno? A quali grandi maestri del disegno ti ispiri?

S.G. Alla scuola del fumetto di Milano, ho avuto come insegnante Matteo Cremona, e solo in seguito ho conosciuto Maurizio Rosenzweig (amico di Matteo e anche lui insegnante). All'inizio mi sono ispirato molto a loro, prendendo come riferimento le varie pubblicazioni. Arrivai però, al punto di dire basta, perchè avevo bisogno di trovare il mio gusto e di capire come un oggetto, cosa o persona, doveva essere sintetizzata. Le uniche cose che ho preso come riferimento per disegnare questo volume, sono alcune inquadrature, di Conan il barbaro, disegnato da CaryNord, e delle raffigurazioni dell'inferno Dantesco!

O.N. Come sei entrato a far parte del grande progetto di Mytico?

S.G. Ho iniziato inchiostrando le tavole di Vanessa Belardo, per Mytico, e durante il completamento del volume 24 “Dopo il grande diluvio”, mi hanno contattato per fare le prove!

O.N. Da piccolo le storie di Ercole, Ulisse, Zeus egli altri grandi personaggi mitologici ti avevano già appassionato? Sei un amante della mitologia già da prima di Mytico o hai iniziato a scoprirla col fumetto?

S.G. La mitologia greca, non la seguivo molto da piccolo, forse perchè troppo “classica”, però, ricordo che mi piaceva molto il telefilm di Hercules, interpretato da Kevin Sorbo, e il cartone animato della Disney. Ora, inizio a conoscerla da un punto di vista differente, e sicuramente piacevole!

O.N. La generazione dei ragazzi degli anni 90 è cresciuta guardando fra i tanti telefilm anche Hercules e Xena, che hanno acceso in molti la scintilla per appassionarsi seriamente alla mitologia informandosi poi con le fonti originali. Pensi che Mytico possa fare qualcosa di simile per le nuove generazioni che lo comprano come uno dei loro primi fumetti?

S.G. Se ai miei tempi c'era un fumetto del genere,che usciva tutte le settimane in edicola, non me lo sarei perso! Penso che le nuove generazioni possano appassionarsi a Mytico! Perchè è un progetto nuovo, fresco, e dinamico, che mai si era visto prima, in Italia.

O.N. I mostri sono sicuramente uno dei punti più affascinanti delle storie mitologiche, fantasy ecc. secondo te qual è il punto che affascina di più la gente nel leggere storie che li coinvolgono? E tu trovi più divertente disegnare i mostri rispetto agli umani o altro?

S.G. I mostri ci hanno sempre spaventato e incuriosito, questo perchè da un lato, rappresentano ciò di cui abbiamo paura, dall'altro ci metto a confronto con la parte “mostruosa” che teniamo nascosta. Per me saranno sempre più divertenti da disegnare i mostri, perchè non ci sono regole nel farlo e puoi sbizzarrirti all'infinito!

O.N. Qual è la storia di Mytico che avresti voluto disegnare, ma che è stata affidata a un altro disegnatore? Oppure una storianon ancora fatta che vorresti disegnare?

S.G. Da piccolo mi terrorizzava l'arrivo della medusa, nel film Scontro di titani (ovviamente il film vecchio), e superato il trauma, sono sempre rimasto attaccato a quel personaggio! Quidi direi il volume 14 “Lo sguardo che uccide” in cui Perseo affronta la Gorgone!

O.N. Sappiamo che stai tramando qualcosa con ilRinoceronte, ci puoi anticipare qualcosa?

S.G. volevamo fare qualcosa di divertente, nel numero 29, ma purtroppo non ne abbiamo avuto la possibilità per vari problemi tecnici, per questo, Daniele [il direttore di Orgoglio Nerd, ndr], mi ha gentilissimamente chiesto di inventarmi qualcosa che centrasse con Eracle e un rinoceronte a tre teste! e così ho fatto! cercando di rendere il tutto, più tamarro! Fico! e tamarrissimo!

O.N. Oltre Mytico stai portando avanti qualche altro progetto oppure ne hai in mente qualcuno? Ce ne puoi parlare o è un segreto che se ce lo dici poi devi ucciderci?

S.G. All'ombra di tutti, silenziosamente, sto portando avanti un progetto, ma…shh! Non dite niente a nessuno! Ah! Non dite nemmeno che sul mio blog c'è qualche tavola di prova, e gli  studi dei personaggi!

O.N. Per finire le ultime 2 domande che facciamo sempre ai nostri ospiti: se potessi avere un super potere quale sceglieresti?

S.G. Il potere che più mi affascina, è usare la forza della volontà per ricreare l'oggetto che stai immaginando, come Hal Jordan in Lanterna Verde! L'unico limite, è il limite della tua immaginazione! Fantastico!

O.N. Qual è il tuo orgoglio Nerd? (inteso come un gadget, action figure, oggetto pregiato, autografo o anche qualche cosa non materiale che hai fatto che ti rende orgoglioso di essere Nerd)

S.G. Ahahahah ma queste cose non si dicono! Vabbè dai! Sono tre action figures, di cui due sono versioni diverse di Akuma (in giapponese Gouki), personaggio del videogame Street Fighter, e una del Gurren dell'anime giapponese Gurren Lagann, che fin'ora risulta essere il mio anime preferito!

Ringraziamo Simone Garizio per la sua disponibilità. Chi andrà a Lucca potrà incontrare dal vivo questo giovane e promettente disegnatore, inoltre potrà anche scoprire il segreto del rinoceronte a tre teste di cui si parla nell'intervista…

Silvio Mazzitelli

Di stirpe vichinga, sono conosciuto soprattutto con il soprannome “Shiruz”, tanto che quasi dimentico il mio vero nome. Videogiocatore incallito sin dall’alba dei tempi, adoro il mondo videoludico perché dopo tanto tempo riesce sempre a sorprendermi come la prima volta. Scrivo ormai da diversi anni di questa mia passione per poterla condividere con tutti. Sono uno dei fondatori di Orgoglio Nerd e sono anche appassionato di tutto ciò che riguarda la cultura giapponese e la mitologia (in particolare quella nordica).

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button