Letteratura e fumettiNews

È morto Mort Drucker, storico disegnatore di Mad Magazine

Il mitico disegnatore è scomparso all'età di 91 anni, dopo più di 60 anni di onoratissima carriera con la rivista Mad Magazine

Mort Drucker, lo storico disegnatore di Mad Magazine, è morto all’età di 91 anni. Durante la sua carriera è stato uno dei disegnatori principali dell’irriverente rivista satirica Mad Magazine per oltre 60 anni.

Mort Drucker, una firma quanto uno stile

Mort Drucker

Le divertentissime caricature di celebrità e personaggi famosi disegnate da Druker, sono apparse sulle pagine di Mad Magazine per oltre sei decenni.

Il fumettista era stato messo in quarantena per settimane senza alcun contatto esterno per via della pandemia da Covid-19, ma pare che il virus non abbia alcun collegamento con il suo decesso.

La rivista Tapper, dopo aver intervistato il collega del fumettista, John Reiner, ha dichiarato “Reiner ha detto che le ultime parole di Mort sono state: ‘Sono l’uomo più fortunato. Ho avuto una vita meravigliosa”.

Nel 2015, Drucker è stato il primo vincitore del premio National Cartoonists Society Medal of Honor award. È stato anche il fumettista dell’anno nel 1987.

In un’intervista del 2016 con Reiner per la cartoonists’ society, ha affermato di non essersi mai preoccupato di come disegnare immagini di star del cinema, cantanti e politici.

“Non mi sono mai interessato allo stile. Non ci ho mai pensato. Era naturale se sapevi cosa stavi facendo”, ha detto. “Non ho mai copiato nessun artista. Sono stato influenzato da molti bravi artisti, ed ho imparato da loro”.

All’inizio della sua carriera, Drucker ha trascorso tre anni in DC Comics, per poi cominciare a lavorare come libero professionista nei primi anni ‘50. Nel 1956 ha presentato i sui lavori all’editore di Mad Magazine, Bill Gaines e da quel momento è riuscito a trovare l’habitat perfetto per il suo stile creativo. Ha fatto più di 300 lavori, e la sua bravura ha spinto Mad Magazine a implementare la dose di satira cinematografica e televisiva della rivista.

Per molti anni, Mad Magazine è stata la pubblicazione satirica più letta in America. La rivista ha voluto onorare Mort Drucker così: ‘RIP, Mort Drucker, le cui caricature hanno rivelato tanto quanto hanno ridicolizzato. In tua memoria continueremo a fare satira anche nei periodi bui, e rideremo come idioti mentre lo facciamo’.

Drucker disse al quotidiano The Star-Ledger, che non aveva mai praticato lezioni di disegno in tutta la sua vita. Ha iniziato a disegnare all’età di 7 anni, ed era grande un fan di Popeye; Nel 2012 fu pubblicata una raccolta delle sue opere create su Mad Magazine dal titolo ‘Mad’s Greatest Artists: Mort Drucker — Five Decades of His Finest Works’. Ha anche realizzato copertine per la rivista Time nonché il poster del film “American Graffiti”.

Mort Drucker

Anche la National Cartoonists Society ha comunicato la sua dipartita scrivendo: “L’incomparabile Mort Drucker è morto ieri sera. Il mondo ha perso non solo un talento straordinario, ma un brillante esempio di gentilezza, umiltà e umorismo. È stato riconosciuto per il suo lavoro con l’NCS Special Features Award, Reuben Award e l’inserimento nella Hall of Fame.”

Mad: Star Wars 4
  • Kenny Byerly, Peter Kuper, Dan Levine, Mike Martone, Greg Leitman, Kent Parker, Mike Morse, Mort Drucker, Angelo Torres, Hermann Mejia, Evan Dorkin, Rich Powell (Author)
MAD, Locos por los superhéroes
  • Drucker, Mort . . . [et al. ] (Author)
Officially Licensed MAD Magazine - Alfred T-Shirt (Black), X-Large
  • Officially Licensed Merchandise. Comes with a Genuine Branded Tag to Ensure Authenticity.
  • Your order will be shipped from licensed manufacturer so takes in 5 to 6 business days to fullfill.
  • Produced by Authorised Manufacturer.
  • Shipping from LONDON / UK. Standart shipping takes 7 to 15 days to EU.
  • Machine washable, Wash Reverse, No Tumble Dry, Iron Reverse

Enrico Natalini

il suo DNA è composto al 100% di cultura trash e underground. Che siano libri, film, fumetti, serie tv, spettacoli teatrali, mostre o televendite è un segugio per tutte quelle chicche che sopravvivono all'insaputa del mainstream. Di lui dicono che è come un cartone animato, non ha capito bene se sia un complimento o meno, ma a lui piace.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button