Cultura e SocietàNews

È morta la prima persona ad aver ricevuto un cuore di maiale in un trapianto

David Bennet Sr., che aveva 57 anni, è deceduto all'Università del Maryland Medical Center

La prima persona a ricevere un trapianto di cuore da un maiale geneticamente modificato è morta martedì, circa due mesi dopo il suo intervento chirurgico. David Bennet Sr., che aveva 57 anni, è morto all’Università del Maryland Medical Center dopo aver ricevuto un trapianto sperimentale di cuore di maiale a gennaio. Il paziente ha optato per la procedura dopo l’attesa vana di più liste di attesa per ricevere un cuore umano. Sebbene ci siano buone probabilità che la sua morte sia dovuta al rigetto dell’organo da parte del suo corpo, i funzionari non sono ancora chiari su cosa abbia causato il decesso. “Non è stata identificata alcuna causa evidente al momento della sua morte”, ha detto al New York Times un portavoce dell’ospedale.

Le dichiarazioni di Bartley Grifith che ha eseguito l’intervento

Il dottor Bartley Grifith, il chirurgo che ha eseguito la procedura su Bennet, ha affermato che l’ospedale è stato “devastato” dalla sua morte. “Ha dimostrato di essere un paziente coraggioso e nobile che ha combattuto fino alla fine”, ha detto il dottor Griffith al NYT. “Il Sig. Bennett è diventato famoso in tutto il mondo per il suo coraggio e la sua ferma volontà di vivere”. Il nuovo cuore di Bennet proveniva da un maiale che gli scienziati hanno modificato geneticamente per rimuovere i geni che potrebbero aver causato il rigetto dell’organo.

Sebbene inizialmente offrisse qualche promessa positiva dopo l’immediato successo della procedura, la sua morte senza dubbio metterà in dubbio la pratica in futuro. Indipendentemente da ciò, il caso di studio offre una strada promettente per le persone che hanno un disperato bisogno di trapianti. La domanda di organi è molto alta e una media di 17 persone muoiono ogni giorno mentre sono in lista d’attesa per i trapianti negli Stati Uniti. Le statistiche provengono dall’Health Resources and Services Administration. Quindi gli organi animali potrebbero offrire un ottimo modo per soddisfare questi bisogni.

Nei mesi successivi all’intervento David Bennet godeva di una salute relativamente buona e poteva trascorrere del tempo con la sua famiglia. Tuttavia, le sue condizioni hanno iniziato a peggiorare diversi giorni fa. “Speriamo che questa storia possa essere l’inizio della speranza e non la fine“, ha detto il figlio di Bennett. “Speriamo anche che ciò che è stato appreso dal suo intervento chirurgico andrà a beneficio dei futuri pazienti e, si spera, un giorno porrà fine alla carenza di organi che costa così tante vite ogni anno”.

Source
futurism

Anna Montesano

Scrittrice da quando ne ho memoria, dai diari al web. Viaggiatrice incallita e malata di serie tv, appassionata di tv e cinema. Nella vita un solo motto: "Perché rimandare a domani quando puoi vederlo oggi?"

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button